Tinture Madri

Le tinture madri sono dei preparati in forma liquida ottenuti dalla macerazione della pianta in una soluzione di acqua ed alcol. Questi prodotti, molto usati nel campo della fitoterapia e dell’omeopatia, sfruttano le sostanze attive delle piante fresche, sostanze che vengono potenziate grazie alla macerazione nell’alcol. Per la loro particolare composizione, le tinture madri vengono anche dette “estratti idroalcolici”. Le tinture madri hanno però lo svantaggio di non essere titolate o standardizzate, cioè non sono prodotti in cui è possibile determinare con certezza il quantitativo di principi attivi contenuti. In genere, gli estratti idroalcolici ( o tinture madri) contengono una quantità di sostanze attive più bassa rispetto ad altri rimedi erboristici. L’omeopatia, invece, dà molta importanza alle tinture madri, perché questa “scienza” cura le patologie usando prodotti in cui sono disciolte dose infinitesimali di principio attivo. Una tintura madre contenente estratti di piante non si può però definire rimedio omeopatico, ... continua

Altre notizie inerenti: Tinture Madri


  • tintura madre propoli

    tintura madre propoli La tintura madre di propoli è senza dubbio il prodotto che esalta maggiormente le speciali proprietà della propoli, un prodotto di consistenza resinosa, ricchissimo di enzimi, elaborato dalle api tram
  • Tilia tormentosa

    Tilia tomentosa Nel caso in cui il nostro problema fondamentale fosse rappresentato da una forte carica di stress o fossimo colpiti da una forma depressiva, potremmo avvertire forti forme di indebolimento psico - fis
  • tintura madre uva ursina

    uva ursina L'uva ursina (Arctostaphylos uva-ursi) è una pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Erica
  • tintura madre pilosella

    pilosella fiore Sempre più diffusione contro patologie di lieve entità hanno i rimedi naturali, a discapito, invece,
  • tintura madre ribes nigrum

    Ribes Nigrum Scopri la tintura madre di ribes nigrum ed i suoi molteplici effetti benefici: leggendo questo approfondimento potrai capire meglio in quali occasioni usare questo preparato erboristico
  • tintura madre biancospino

    biancospino Il biancospino, il cui nome scientifico è “Crataegus monogyna Jacq.”, è una pianta a metà tra un arb
  • tintura madre echinacea

    fiore echinacea L’echinacea è una pianta erbacea poliennale, che riposa cioè durante l’inverno per riapparire dalla
  • tintura madre calendula

    tintura madre calendula La tintura madre di calendula è, probabilmente, la più conosciuta da tutti i sostenitori della fitot
  • tintura madre melissa

    melissa La melissa è una pianta molto antica il cui uso era già ampiamente diffuso sia tra gli antichi greci
  • tintura madre valeriana

    tintura madre valeriana La famiglia delle Valerianacee è costituita da oltre centocinquanta specie, tuttavia la più famosa e
  • tintura madre betulla

    betulle La tintura madre di betulla è un macerato idroalcolico di foglie o corteccia essiccata, che trova va
  • tintura madre passiflora

    passiflora La Passiflora L. appartiene alla famiglia delle Passifloraceae e si può presentare in oltre quattroc
prosegui ... , ma solo preparato erboristico o integratore alimentare. Visti i risultati trascurabili delle tinture madri dal punto di vista fitoterapico, si preferisce realizzare gli estratti idroalcolici solo con piante la cui azione viene potenziata proprio dalla presenza dell’alcol. Le tinture madri può utilizzate sono, infatti, quelle di propoli, calendula, biancospino, betulla, iberico, melissa, pilosella, fucus, passiflora, ribes nigrum, tarassaco, valeriana e uva ursina. La tintura madre ha gli stessi effetti della pianta da cui è estratta, anche se per ogni specie di pianta cambia il rapporto tra la soluzione alcolica e le parti vegetali disciolte. Una tintura madre si prepara con parti di pianta fresca ( foglie, fiori o sommità fiorite) messe al macero per circa venti giorni. Trascorso questo tempo, il preparato sarà filtrato e conservato per un paio di giorni in un luogo asciutto e al riparo dalla luce. La posologia consigliata per la tintura madre è di 40 o 50 gocce sciolte in un bicchiere d’acqua per due, tre volte al giorno. La dose va ridotta per i bambini, gli adolescenti e gli anziani. Visto il contenuto di alcol, questo rimedio non va usato in caso di problemi epatici o di gastrite. Le tinture madri si comprano in erboristeria, in farmacia e in parafarmacia. La loro scadenza, in caso di confezione non usata, è uguale ai farmaci ( tre o cinque anni). Il costo di questi preparati è abbastanza accessibile e si aggira tra i sei ed i venti euro per boccettine di vetro da 50 ml.
  • tinture madri L’echinacea è una pianta erbacea poliennale, che riposa cioè durante l’inverno per riapparire dalla primavera sino all’a
    visita : tinture madri