la coltivazione della bromelia

la coltivazione della bromelia:

bromelia

Le bromeliacee sono piante di origine tropicale, molto coltivate come piante da appartamento; si tratta di piante sempreverdi, costituite da una stretta rosetta di foglie carnose, al cui centro si erge un’infiorescenza costituita da vistose brattee, tra cui sbocciano i piccoli fiori. In natura queste piante vivono in luoghi caldi, con una buona umidità ambientale; anche in appartamento cerchiamo di posizionarle in luogo temperato, dove la minima invernale non scenda al di sotto dei 15°C, e dove possano godere di una buona illuminazione, ma non della luce solare diretta. Queste piante non amano un terreno umido, ma gradiscono un’alta umidità ambientale; quindi annaffiamole con parsimonia, solo quando il terreno è ben asciutto, oppure forniamo acqua riempiendo il calice che si viene a formare tra le foglie carnose. Ricordiamo però di mantenere sempre alta l’umidità ambientale, vaporizzando spesso la pianta, per tutto l’arco dell'anno; oppure posizioniamo il vaso in un portavaso colmo di argilla espansa, che manterremo umida inserendo spesso piccole quantità d’acqua nel portavaso. L’infiorescenza delle bromeliacee impiega settimane, a volte mesi, per produrre tutti i fiori; al termine della fioritura dissecca e muore, causando spesso la morte anche della pianta che l’ha generata; in questo caso rimuoviamo l’infiorescenza ma teniamo la pianta, che generalmente produrrà nuovi germogli che si svilupperanno attorno alla pianta madre, che disseccherà lasciando spazio alle nuove piante.


Guarda il Video




COMMENTI SULL' ARTICOLO