Impianto d'irrigazione giardino

vedi anche: giardino

Generalità

L’impianto d’irrigazione è un sistema molto utile per mantenere sempre in perfetto stato il giardino. Per coloro che nutrono una particolare passione per il giardinaggio, e non solo, l’impianto d’irrigazione è un’ottima soluzione che consente di innaffiare le piante anche in loro assenza. L’acqua per le piante rappresenta un bene prezioso che però deve essere dosato nella maniera giusta. Gli impianti possono avere diverse strutture. Se il giardino deve essere ancora realizzato, si può decidere di disporre lungo l’area verde un impianto interrato. L’impianto interrato evita di far vedere il passaggio dei tubi dell’acqua e in alcuni casi si tratta anche di sistemi che ‘spuntano dal terreno’ e poi scompaiono al termine del periodo d’innaffiatura.
impianto irrigazione


Automatismo

programmatoreL’utilità principale risiede nell’automatismo, poiché è in grado di azionarsi automaticamente seguendo quanto da noi programmato, e quindi entra in funzione anche quando noi siamo,ad esempio, in vacanza. Per coloro che hanno una passione per il fai da te realizzare un impianto d’irrigazione non è un’operazione molto complicata, ma è importante disporre un numero esatto di punti d’innaffiatura in base alla grandezza del giardino. Per creare un impianto che soddisfi in maniera perfetta l’irrigazione, è importante conoscere il perimetro del giardino e creare delle zone in cui saranno disposti determinati tipi di fiori o alberi. Le piante che richiedono un’innaffiatura più abbondante dovranno essere collocate dove l’impianto avrà un numero maggiore d’innaffiatoi. Qualora si abbia un pozzo, è preferibile usare quest’acqua piuttosto che quella potabile.

  • In accessori da esterno trovi moltissimi articoli di approfondimento su tutti gli oggetti ed i complementi d'arredo per il giardino che possono tornare utili per arricchire il proprio garden e rendere...
  • irrigazione L'irrigazione del giardino è diventata con gli anni una componente sempre più importante e diffusa. Dapprima presente solo nei grandi spazi e nei parchi pubblici, si è velocemente diffusa anche in cas...
  • yucca Le yucche sono piante erbacee succulente provenienti da ambienti caldi e secchi dell’America Settentrionale e Centrale. Appartengono alla famiglia delle Agavaceae e il loro genere comprende non meno ...
  • La zamioculcas è una pianta tropicale molto apprezzata per la sua facilità di coltivazione e per la sua resistenza a parassiti e malattie. La pianta si mostra resistente anche in condizioni difficili,...


Composizione e realizzazione

L’impianto d’irrigazione si compone di una serie di tubature e valvole. Queste ultime permettono l’apertura e la chiusura. La linea di servizio deve essere collegata all’impianto idrico per l’irrigazione del giardino, ma avere anche una speciale valvola che consenta di isolare l’impianto stesso, se si devono effettuare dei lavori di manutenzione. Sul terreno, aiutandosi con dei picchetti, occorre riportare lo schema che precedentemente è stato segnato sul foglio. Solo dopo queste operazioni preliminari di studio e progettazione è possibile passare alla parte pratica. Si inizia a scavare un fosso di circa 20 cm, dove dovrà essere collocato il tubo per il passaggio dell’acqua. Si tratta di tubi che si trovano facilmente in commercio e che possono essere montati con estrema facilità. A questo punto è necessario disporre gli irrigatori e collaudare il sistema. Il collaudo consente di verificare se qualche raccordo ha una perdita e se è tutto perfettamente funzionante. Lo scavo va di nuovo riempito con la terra e ricoperto con il manto erboso. In questo modo l’impianto d’irrigazione è ben nascosto.


Programmatore

Ciò che consente l’apertura e la chiusura automatica dell’impianto d’irrigazione è il programmatore. Si tratta di un sistema che deve essere scelto in base alla grandezza dell’impianto d’irrigazione, e può essere in grado di aprire e chiudere le valvole fino a sei volte al giorno. Funziona per mezzo di una batteria interna, oltretutto è dotato di alcuni sensori speciali che ottimizzano l’uso dell’acqua evitando l’apertura del sistema d’irrigazione in caso di pioggia. Nei negozi di bricolage è possibile trovare tutto il materiale necessario per realizzare da sé un impianto d’irrigazione, ma se per mancanza di tempo o scarsa abilità in questi lavoretti si preferisce chiamare una persona specializzata, non si avrà alcun disturbo perché sarà direttamente lui a valutare la divisone dello spazio in base alla specie delle piante che voi indicherete voler collocare in un determinato spazio. Il giardino, attraverso un impianto d’irrigazione, è bagnato da diverse angolature e questo consente un lavoro che certamente manualmente non sarebbe svolto con la stessa precisione.


Impianto d'irrigazione manuale e gocciolante

L’impianto d’irrigazione può essere scelto anche manuale, si tratta di dover aprire e chiudere il rubinetto dell’acqua tutte le volte che è necessario. Il metodo gocciolante consente di trovare la soluzione adatta per innaffiare le siepi e le fioriere, generalmente la zona non è collegata con il resto del sistema perché funziona per un tempo maggiore. L’acqua è dosata a goccia a goccia e questo permette anche al terreno di assorbirla con maggior facilità. Se si desidera evitare di tracciare i piccoli scavi per collocare le tubature dell’impianto d’irrigazione, i tubi purtroppo rimarranno visibili.


Impianto d'irrigazione giardino: Importanza fase progettuale

Il consiglio è di progettare accuratamente anche lo spazio del giardino, qualora se ne voglia realizzare uno, altrimenti ci si ritrova con problemi che riguarderebbero sia l’impianto d’irrigazione che l’impianto d’illuminazione. Per conoscere l’adeguata quantità d’acqua per le piante del nostro giardino è necessario chiedere consiglio presso il vivaio dove sono state acquistate. Per tale ragione si cerca sempre di scegliere delle specie che abbiano la stessa esigenza d’irrigazione, un elemento fondamentale da tenere in considerazione che va al di là della sola bellezza della pianta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO