Yucca - Yucca aloifolia

La yucca

Le yucche sono piante erbacee succulente provenienti da ambienti caldi e secchi dell’America Settentrionale e Centrale. Appartengono alla famiglia delle Agavaceae e il loro genere comprende non meno di cinquanta specie.

Ve ne sono di più o meno rustiche. Le prime possono essere coltivate quasi ovunque nel nostro paese. Le altre invece vanno tenute in vaso o sono da riservarsi alle regioni meridionali e alle aree costiere.

Genere di circa 40 specie di alberi sempreverdi e arbusti, originari degli Stati Uniti meridionali, del Messico e del sud America; alcune sono senza fusto, altre hanno steli eretti, vigorosi, talvolta con qualche ramificazione, che si sviluppano con l'età. Le specie coltivate in appartamento hanno fusto legnoso, eretto, scarsamente ramificato, con corteccia liscia; all'apice dei fusti si produce un folto cespo di lunghe foglie carnose, rigide, appuntite, di colore verde; esistono varietà con fogliame variegato. In estate occasionalmente le painte adulte producono alte pannocchie, che portano numerosi fiori campanulati, di colore bianco o crema.

Allo stato spontaneo, la yucca viene impollinata dalla piccola falena Pronuba, che depone le uova nell'ovario del fiore, impollinandolo. Sebbene le larve si nutrano dei semi che germogliano, ne rimangono tuttavia in numero sufficiente per la riproduzione.

Varietà coltivate: Yucca aloifolia, Y.a. draconis, Y. brevifolia, Y.b. brevifolia, Y.b. herbertii, Y. elata, Y. elephantipes (Y. gigantea, Y. Guatemalensis), Y.e. variegata, Y.Cespitosa, Y.f variegata, Y. flaccida, Y. filamentosa, Y. glauca, Y. gloriosa , Y. recurvifolia, Y. whipplei (Hesperoyucca whipplei), Y.w. caespitosa, Y.w. intermedia.

yucca

Mairol Palme e yucca palme fertilizzante liquido Boost 500 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Caratteristiche della yucca

Le varie specie possono avere portamenti e forme molto diverse le une dalle altre: andiamo dai piccoli arbusti fino ad alberi di medie dimensioni. In linea generale possiamo però dire che sono caratterizzate da fogliame persistente e rigido, con bordo liscio, recante quasi sempre una spina sulla punta. L’altezza a maturità può andare da circa 60 cm fino a più di 10 metri, senza contare lo scapo fiorale che, spesso, supera di molti metri l’altezza delle foglie: emerge dal centro della rosetta e reca in cima un gran numero di fiori a forma di campanula, bianchi, crema o, più raramente, viola.

È una molto adatta per essere impiegata come esemplare isolato, ma è si presta anche alla formazione di siepi o come esemplare da appartamento o da terrazzo, se inserita in grandi vasi.

Nei paesi di origine viene utilizzata inoltre per molti scopi pratici. Dalle foglie e dalle radici i può trarre un buon sapore di origine naturale. Le foglie e i tronchi sono utilizzati nella costruzione delle case. Non dimentichiamo che, nelle aree in cui è endemica, produce frutti molto appetibili: da noi è molto raro vederli perché i fiori necessitano di impollinazione da insetti non presenti nel nostro continente. L’unica eccezione è rappresentata dalla Yucca aloifolia: per gustarli bisogna però attendere che siano ben secchi sulla pianta. Hanno un particolarissimo sapore di liquerizia.

LA YUCCA IN BREVE
Altezza/larghezza a maturità Più du 10 m/fino a 4 m
Necessità idriche Medio-bassa
Cure colturali Medie
Crescita Lenta
Moltiplicazione Talea, divisione
Rusticità Da molto a poco rustica
Esposizione Sole-mezz’ombra
Suolo Sabbioso, calcareo, sassoso. Ben drenato
Umidità del suolo Ben drenato

  • yucca Buongiorno.Scrivo da Verona dove io e la mia bellissima pianta di yucca viviamo.Questa pianta ha sempre goduto di splendida salute, in appartamento durante l' inverno e sul balcone d'estate, non e...
  • yucca Buona sera ,mi hanno regalato una pinta di yucca ,e vorrei tenerla in soggiorno pur avendo l'impianto di riscaldamento a pavimento è possibile ?...
  • Yucca Abbiamo in giardino una bella yucca, alta circa 1,70 cm, che finora ha goduto di buona salute. Di recente però, il fusto ha cominciato a mostrare segni di erosione, come se fosse stato attaccato da un...
  • Yucca Salve....vorrei sapere dove ho sbagliato con la mia yucca ,sta perdendo tutte le foglie e il gambo e' molle uno ho dovuto tagliarlo anche perche' lle foglie cadono ..sicuramente ho dato troppa acqua p...

DRACENA Artificiale- H. 175.cm - Yucca Mini Variegata - Tronco Mediterraneo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 155,99€


Trattamento

piante appartamento Esposizione: le yucca si coltivano in luogo luminoso, possibilmente lontano da fonti dirette di calore e dalla luce diretta del sole; in genere si adattano senza problemi anche in condizioni di coltivazione non ideali. Sebbene vengano coltivate prevalentemente in appartamento, alcune specie sopportano senza problemi il gelo, quindi possono trovare posto in giardino. Prediligono temperature abbastanza fresche, quindi in estate è consigliabile posizionarle in luogo semiobreggiato, e ben areato; durante i mesi invernali ricordiamo ri vaporizzare frequentemente la chioma con acqua demineralizzata.

Annaffiature: durante la stagione vegetativa la Yucca, da marzo ad ottobre, annaffiare abbondantemente, attendendo sempre che il terreno asciughi bene tra un'annaffiatura e l'altra. Quando le temperature scendono diradare le annaffiature; in inverno si annaffia sporadicamente. Nel periodo vegetativo fornire del concime specifico per piante verdi, ogni 15-20 giorni, mescolato all'acqua delle annaffiature.


Riproduzione

Terreno: coltivare in terriccio universale bilanciato; per migliorare il drenaggio aggiungiamo al terreno una buona quantità di sabbia o di lapillo. In genere queste piante non sviluppano un apparato radicale cospicuo, ricordiamo comunque di rinvasarle ogni 3-4 anni.

Moltiplicazione: avviene per semina, in febbraio-marzo a 0,5 cm di profondità, in miscuglio umido e ben miscelato, formato da 2 parti del composto di coltivazione e una parte di sabbia grossolana. Si posizionano le piante in una cassetta da tenere all'ombra ad una temperatura di 21°C ; quando i semi sono germinali si spostano le piantine in posizione luminosa. Quando le piantine sono alle 5-8 cm, si trapiantano singolarmente.


Parassiti e malattie

Generalmente le piante di yucca temono moltissimo la cocciniglia, fogliare e radicale, soprattutto in condizioni di scarsa umidità. La foglia mostrerà delle macchie scure sulla parte inferiore. Il rimedio più rapido è togliere con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool queste macchioline, o strofinare delicatamente le foglie con una spugnetta per rimuovere i parassiti.

La pianta può soffrire ed ammalarsi anche per altre cause, per esempio per una scarsa illuminazione, un'annaffiatura eccessiva o l'attacco di funghi come il Botrytis. In questo specifico caso, la pianta se non curata in maniera profonda può addirittura morire. E' bene quindi utilizzare dei fungicidi specifici ed eliminare le parti della yucca colpite.


Coltivazione yucca

Molte yucche possono essere coltivate in vaso. Se viviamo in un’area caratterizzata da climi freddi sarà l’unica soluzione nel caso in cui vogliamo crescere esemplari sensibili alle basse temperature. Necessiteranno solamente di qualche attenzione in più, ma daranno sempre grandi soddisfazioni.

IL CALENDARIO DELLA YUCCA
Messa a dimora Marzo-aprile
Rinvaso Marzo-aprile
Fioritura Da maggio a ottobre
Potatura Da febbraio ad aprile


Terreno e composizione del vaso

Valgono le stesse regole che si usano per le piante che crescono in piena terra. In contenitore bisogna però prestare ancora più attenzione alla qualità del drenaggio, creando uno strato più spesso di ghiaia sul fondo e aggiungendo un po’ di sassolini in più alla composta.


Clima

Quasi tutte riescono a sopportare egregiamente temperature fino a 5 °C. Quelle che vengono ritirate in casa è bene che siano mantenute tra i 15°C e i 18°C, quindi né troppo al caldo, né troppo al freddo. La posizione in tutte le stagioni deve essere sempre ben luminosa.

La luce e il calore eccessivo possono essere un problema solamente durante l’estate, specialmente se concentrati dal vetro di una finestra. In quel caso sarà bene spostare l’esemplare dove venga raggiunto dal sole solamente al mattino o alla sera.

All’esterno invece sopporta temperature anche al di sopra dei 30°C.


Irrigazione e concimazione

tronchetto Gli interventi vanno effettuati solamente quando si è accertato che il terreno risulti totalmente secco anche in profondità. L’ideale è quindi annaffiare abbondantemente (fino a quando l’acqua non fuoriesca dai fori di scolo) e lasciar passare tranquillamente molto tempo prima di intervenire nuovamente, monitorando sempre la situazione del substrato inserendo un dito ben in profondità.

Dalla primavera all’autunno, ogni circa 15 giorni, è utile somministrare un concime liquido per piante verdi, diluito con l’acqua dell’irrigazione.


Rinvaso della yucca

Il rinvaso si effettua ogni quattro anni, scegliendo un contenitore di poco più grande rispetto al precedente (+2/4 cm di diametro). Mano a mano che la pianta cresce diventerà sempre più importante scegliere un contenitore pesante: il maggior peso garantirà una maggiore stabilità al complesso.

Yucche di grandi dimensioni possono non venire più rinvasate : si rimuove lo strato più superficiale di substrato, sostituendolo.


Altre cure

Per mantenere le foglie libere dalla polvere (e evitare l’insorgenza di parassiti quali il ragnetto rosso) è bene passarvi periodicamente un panno umido. Se il nostro appartamento (o il nostro balcone) risultassero molto secchi durante la stagione calda è sempre una buona idea ricorrere a leggere vaporizzazioni con acqua piovana o distillata.

Le foglie basali della yucca tendono a seccare per venire sostituite da quelle nuove. È un avvenimento fisiologico: dobbiamo aspettare che la foglia sia completamente secca per poi strapparla alla base con un colpo secco.


Potatura yucca

Solitamente la loro struttura è composta da due o tre tronchi principali che non vanno mai toccati.

Si può invece intervenire su quelli secondari, lasciando però sempre almeno tre foglie su ognuno. Il periodo migliore è sempre prima del risveglio vegetativo, tra febbraio e marzo.

Se una branca è diventata troppo grande tagliamola alla base, coprendo l’area con una buona quantità di mastice.

Gli steli fiorali si eliminano quando i fiori sono appassiti.


Propagazione yucca

yucca in vaso Nel nostro continente si può effettuare solo la propagazione per via agamica, visto che i fiori non vengono impollinati dagli insetti.

Si può provare con la talea di tronco o di testa: tagliamo con una sega affilata una porzione di tronco lunga circa 30 cm (o 15 cm da una ramificazione laterale). Spolveriamola con un prodotto radicante e inseriamola in una composta molto drenante. Le radici si sviluppano in 30-60 giorni e si vedono spuntare nuove foglie. A quel punto si può trasferire nella composta definitiva.

Il metodo più semplice è però il prelievo dei polloni basali. Si dividono dalla pianta madre tramite un coltello ben affilato e pulito. L’ideale sono quelli di almeno 20 cm e con 4 foglie. Si pongono poi in vasi da 12 cm di diametro con una composta di torba e sabbia, da lasciare al sole circa due mesi, vaporizzando spesso.


Parassiti e malattie

I parassiti più frequenti sono le cocciniglie, che si attaccano al retro delle foglie per nutrirsi della linfa, ma in appartamento e in aree molto aride può però comparire anche il ragnetto rosso.

Piuttosto usuale, soprattutto con substrati poco drenanti ed esposizioni poco corrette, è l’avvento della botrytis che si insinua nella pianta portando marcescenze. È molto importante la prevenzione e eventualmente eliminare le parti infette. Di aiuto possono essere anticrittogamici specifici.


Coltivazione in piena terra

Il genere yucca comprende un gran numero di specie diverse, alcune più sensibili al freddo, altre molto meno. È quindi basilare, se viviamo nel Nord o in aree montane, informarci sulle caratteristiche degli esemplari che volessimo mettere a dimora in piena terra.

Vi è però una caratteristica comune: tutte non sopportano la commistione tra freddo e umidità. È quindi molto importante sia la scelta dell’esposizione sia il substrato.


Esposizione

Per ottenere una buona crescita e evitare l’insorgere di marcescenze si deve posizionare sempre la yucca in pieno sole. Questo è ancora più importante per le piante poste in piena terra nel Centro-Nord: il posizionamento ideale in quel caso sarà sicuramente a Sud o a Sud-Est, possibilmente nelle vicinanze di un muro dove il calore diurno possa accumularsi per essere ceduto durante le ore notturne. Il sole di primo mattino aiuterà a far asciugare il prima possibile l’umidità che si accumula al suolo.

Il caldo e l’aridità in piena terra non rappresentano un problema.


Terreno

yucca di medie dimensioni Per ottenere un veloce sviluppo ed evitare l’insorgere di problemi radicali è importante inserire la yucca in un terreno molto permeabile e drenante. L’ideale è una composta con terra di campo (non troppo argillosa), un po’ di sabbia e molta ghiaia.

Alcune varietà però (come la gloriosa o la elephantipes) sono molto tolleranti e si adattano a quasi tutti i substrati.


Messa a dimora

Il periodo migliore per effettuare questa lavorazione è la primavera, in maniera che la pianta possa radicare e affrancarsi prima dell’arrivo della stagione fredda.

Si deve scavare una buona ampia e creare sul fondo uno spesso strato drenante a base di ghiaia fine. Inseriamo poi l’esemplare e la composta, comprimendo bene e assicurandoci che risulti ben in piano. Irrighiamo abbondantemente.


Yucca: Varietà di yucca

Ecco alcune delle varietà più diffuse nel nostro paese:

Y. brevifolia rustica fino a -12°C, evitando l’umido. Ha tronchi ramificati e disordinati con ciuffi di foglie corte. Le spine sono molto acuminate. Può raggiungere i 9 metri di altezza

Y. gloriosa molto tollerante in fatto di suolo e di esposizione e totalmente rustica. Può avere tronco singolo o multiplo, foglie dritte verde scuro che terminano con una spina. I fiori sono bianchi tendenti al rosa. Può raggiungere i 3 metri di altezza.

Y. desmetiana mediamente rustica e di piccole dimensioni (raramente supera i 50 cm). Si allarga però facilmente ed ha foglie morbide color verde-blu, porpora da giovani.

Y.elata mediamente rustica, adatta ad aree aride e sabbiose. Il tronco non unico con una corona di foglie morbide e circondate da filamenti. Fino a 5 metri di altezza.

Y. elephantipes molto adatta ai climi del Centro-Sud (fino a -8°C), dove si adatta a molte condizioni diverse di clima e terreno. Ha foglie lanceolate e aguzze e fioritura spettacolare e profumata. Può sviluppare più tronchi, fino a 5 metri di altezza.

Y. filamentosa totalmente rustica, sopporta bene anche l’umidità. Viene usata spesso come coprisuolo ed è dotata di una bella fioritura campanulata color crema. Fino a 3 metri di altezza.


Guarda il Video




COMMENTI SULL' ARTICOLO