Il terriccio

Domanda: il terriccio dei vasi

Il terriccio che si trova nei vasi devo sostituirlo tutti gli anni per poter piantare i fiori?
terriccio

TERRICCIO PER ORCHIDEE DA 12 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,5€


Il terriccio: Risposta: il terriccio dei vasi

Gentile Ilaria,

il terriccio che compriamo in vivaio è un miscuglio d vari prodotti, naturali e non; in genere si tratta di torba, mescolata con altri tipi di terra, ottenuta dalla decomposizione di foglie, o dal compostaggio div ari prodotti naturali; oltre a questo vi si aggiunge sabbia, o pietra pomice, ed anche del fertilizzante; Quando si utilizza questo composto per riempire i vasi, le radici delle piante assorbono dal terreno Sali minerali, che quindi, con il passare del tempo, tendono a scomparire dal substrato di coltivazione. Oltre a questo, eventuali funghi presenti sulle piante, tendono a cadere sul terreno, dove possono anche sopravvivere all’inverno; lo stesso dicasi per parassiti di altro tipo, come le larve o le pupe div ari coleotteri e lepidotteri. Nel terreno del giardino avvengono le stesse cose, ma in genere ci cadono anche le foglie degli alberi, che si decompongono arricchendo la terra di Sali minerali; oltre a questo vari animali si cibano di larve e altri insetti, rimuovendoli dal terreno, cosa che avviene in modo assai minore nei vasi. Quindi, dopo un intero anno in vaso, la sostanza che troviamo nei vasi non è più il terriccio fertile che avevamo acquistato, ma sicuramente è quasi privo di Sali minerali, e spessissimo contiene tanti insetti e parassiti vari. Una pianta interrata in questo composto sicuramente si sviluppa, ma non nel modo migliore, oltre ad essere sicuramente facile preda di una serie di parassiti, che stanno attendendo da mesi il suo arrivo: in pratica interrando un geranio nella fioriera dello scorso anno, non fai altro che invitare bruchi e muffe ad un banchetto.

Quindi, in genere si consiglia di sostituire ogni anno il terriccio nei vasi, in questo modo avrai ogni anno delle piante che stupiranno i tuoi vicini di casa. A patto però di scegliere un terriccio di ottima qualità: recati in un vivaio e chiedi il terriccio migliore che hanno, evita quello in offerta al supermercato o al discount.

E il terriccio vecchio?

Se hai un composter, puoi utilizzarlo come ottimo materiale di compostaggio: dopo qualche mese nel composter il terriccio esausto si sarà riarricchito dei Sali minerali perduti, e con il calore del composter tutti i parassiti saranno deceduti.


  • Alpinia zerumbet fiore L'alpinia zerumbet o purpurata è una pianta tropicale sempreverde, originaria dell'America centro meridionale e dell'Asia. Forma un cespo fitto e compatto di foglie allungate, appuntite, di colore ver...
  • Eschinanthus Al genere aeschynanthus appartengono alcune specie di piante perenni rampicanti o prostrate, epifite, originarie dell'Indonesia e del Borneo; il genere comprende moltissime specie, spesso molto dissim...
  • Calathea makoyana La calathea (comunemente detta calatea) è una pianta tropicale, originaria dell’America meridionale, diffusa in natura anche in alcune zone dell’Asia; in natura queste piante si sviluppano come sottob...
  • Exacum affine E' una erbacea perenne sempreverde originaria dell’Isola di Socotra; al genere exacum appartengono circa 40 specie di piante erbacee, annuali e perenni, ma solo E. affine viene coltivata come pianta o...

TERRICCIO PER LA COLTIVAZIONE DEI BONSAI CONFEZIONE DA 7 Litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,75€


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO