Malattie delle drupaceae

Premessa

Premettendo che nella lotta alle avversità delle piante “la prevenzione è la migliore cura” e che la “buona nutrizione è la migliore risorsa di resistenza alle malattie”, esamineremo in questa seconda parte le malattie che colpiscono il gruppo delle drupaceae.

Nel gruppo agrario delle drupaceae sono comprese le piante che producono frutti definiti propriamente “drupe”: il pesco (nettarine-percoche), il susino, l’albicocco, il ciliegio dolce e acido (amarena) ed il mandorlo.

Sono piante fruttifere che, da una limitata diffusione iniziale, si sono poi rapidamente estese grazie all’introduzione di nuove selezioni come le pesche nettarine nane, le ciliegie precoci o le susine super dimensionate di tipo cino-giapponesi .

Ragioni queste che ne hanno favorito l’interesse colturale, estendendone talvolta la coltura al di fuori della loro zona ideale di acclimatazione, con particolare riferimento alle esigenze al freddo (troppo o poco) e alle difficoltà (congenite od ambientali) della loro fecondazione.

Il successo della coltivazione delle drupacee risulta quindi da un mix di condizioni ideali fra cui l’ambientazione, la corretta gestione della concimazione e della difesa, e, come per altre colture, è importante controllare costantemente il loro stato, per poter intervenire adeguatamente, a contenere la diffusione delle patologie e favorire un corretto sviluppo.

Per questo motivo è importante saper riconoscere sin dai primi sintomi i patogeni o le cause del blocco vegetativo che colpiscono le varie colture; per facilitare l’individuazione delle avversità che colpiscono le drupaceae, raggruppiamo le cause avverse in tabelle-schede con i sintomi ed il danneggiamento provocato dai patogeni.

Malattie delle drupaceae


1)Malattie non parassitarie : nutrizionali o ambientali

patologie pesco Per esemplificare le varie malattie che danneggiano le drupaceae , si possono raggruppare le differenti cause in: patologie ambientali, parassitarie, fungine, danni da insetti e da animali.

Tutte le drupacee per poter vegetare, fiorire e produrre regolarmente, necessitano di suolo neutro o sub-acido, ricco in elementi fertilizzanti, di sostanza organica e di umidità idonea.

La mancanza di un terreno adatto alla coltivazione e carente di elementi nutritivi causa un generale deperimento della pianta , con manifestazioni di scarsa fioritura, e quindi produzione scarsa, e ingiallimenti fogliari associati a varie presenze di patogeni.

Le carenze alimentari si ripercuotono negativamente su tutta la fisiologia della pianta, riducendo in primo luogo la loro resistenza a contrastare le malattie, e, nello specifico settore frutticolo, il danno si riflette sull’economia per mancata produzione, scarsa qualità dei frutti e scarsa conservabilità dei medesimi.

Le drupaceae, come tutte le piante, possono manifestare specifiche manifestazioni come ingiallimenti o disseccamenti fogliari , fioritura e fruttificazione scarsa o frutti piccoli insipidi e deformi .

In funzione del tipo di elemento nutritivo di cui è carente la pianta si spiegano nella tabella seguente le principali cause:

Sintomo sulla pianta

Sintomo sui frutti

Carenza

Decolorazione generalizzata della pianta e ingiallimenti fogliari più pronuciati nelle zone basali. Vegetazione stentata con scarsa fioritura .

scarsa produzione e pezzatura

Azoto

Colorazione bronzo-violacea delle foglie scarso accrescimento e scarsa fioritura.

maturazione molto lenta o incompleta, scarsità in numero di frutti e loro serbevolezza

Fosforo

Le foglie assumono colorazione giallo-bluastra con disseccamenti che possono ricurvare il lembo ad U. Scarsa lignificazione dei tessuti e maggiore sensibilità al freddo.

frutti piccoli, acidi, scarsamente colorati e poco zuccherini

Potassio

Le foglie basali ingialliscono e disseccano nella zona della nervatura centrale .

forte cascola di frutti a maturità

Magnesio

Le foglie opacizzano e si ripiegano in basso. Le lamine disseccano principalmente ai margini e sull’apice.

frutti che presentano spaccature o profonde fessurazioni. La polpa imbrunisce a raggera nella zona del nocciolo.

Calcio

Ingiallimenti progressivi dagli apici al basso della pianta con disseccamento delle foglie. Fioritura nulla o molto scarsa.

fruttificazione scarsa e di scarsa qualità

Ferro



    2)Avversità parassitarie delle drupaceae dovute a funghi

    patologie drupacee Uno dei problemi più frequenti sulle drupaceae è il proliferare delle malattie fungine o crittogamiche, più comunemente chiamate “muffe” a causa dell’aspetto delle loro fruttificazioni che generalmente ricoprono la pianta attaccata.

    Questi patogeni, se non combattuti per tempo, possono distruggere in breve tempo i fiori e i frutti, quindi la produzione delle piante, e sono favorite da situazioni climatiche umide o piovose, ed affliggono maggiormente le drupaceae con carenze nutrizionali.

    Le manifestazioni sono a carico della pianta e normalmente i vari gruppi di patogeni prediligono solo alcuni organi e quindi la localizzazione ci permette di diagnosticarli.

    I sintomi a carico degli organi colpiti sono vari : possono essere muffe, marciumi, cancri, gommosi, bucherellature, seccumi, nella tabella seguente sono riportati i sintomi e le cause:

    Sintomo

    sulla pianta e sui frutti

    Gruppo

    patologico dei funghi

    Sui

    fusti e sui rami compaiono aree depresse rosso-violacee,

    che in seguito disseccano con spacco della corteccia.

    Seccume

    dei frutti, cancro rameale e fessurazioni

    Vistose

    malformazioni fogliari di tipo bolloso. Il colore

    delle foglie danneggiate diviene bianco-rosso e

    cadono precocemente. Anche i frutti risultano molto

    deformi.

    Bolla

    o Tafrina

    Su

    foglie, fiore e apici dei rami compaiono macchie

    feltrose bianche. I fiori non schiudono o avvizziscono.

    Frutti deformi con muffe bianche .

    Oidio

    o Mal bianco

    Su

    foglie e fiori compaiono muffe grigio cenerognolo,

    che in seguito disseccano, interessando anche i

    rametti. Sui frutti rimasti, a maturità compaiono

    delle muffe a circolo o possono persistere “mummificati”.

    Muffe

    di foglie, fiori e frutti

    Sulle

    foglie appaiono macchie rosso- violacee a contorno

    ingiallito che in seguito disseccano lasciando la

    foglia bucherellata. Sui rami compaiono fenditure

    o tacche che necrotizzano con fuoriuscita di gomme

    o resine. Sui frutti appaiono puntinature bruno-nerastre

    .

    Maculature

    fogliari o Corineo

    Abnorme

    presenza di rametti contorti e a internodi ravvicinati.

    Le foglie su questi rami sono piccole e clorotiche.

    Scopazzi


    Malattie delle drupaceae: 3)Insetti o parassiti animali che colpiscono le drupaceae

    afidi Le drupaceae sono facilmente aggredite da vari tipi di insetti, che possono presentare apparato boccale masticatore o succhiatore ed i danni si verificano sull’intera pianta con varie preferenze a seconda del tipo di parassita.

    Gli organi danneggiati possono manifestare vari sintomi come: foglie con rosure o gallerie interne, rosure sui rami, bucatura ed erosioni dei frutti, avvizzimenti dei boccioli, punzecchiature o ingiallimenti fogliari.

    La categoria di insetti più temibile è data dai succhiatori, come gli afidi, perché oltre al danno diretto causato dalla sottrazione di linfa e alla trasmissione di forme virali, si assomma quello della produzione della antiestetica melata, con richiamo di formiche e formazione successiva di “fumaggini”.

    Nella tabella che segue sono riassunti i sintomi ed i principali agenti del danno :

    Sintomo

    sulla pianta e sui frutti

    TIPO

    DI INSETTO

    Ricoprono

    tutte le parti giovani della pianta e la portano

    a rapido avvizzimento per sottrazione di linfa .

    Producono melata con “fumaggini”, trasmettono virosi.

    I frutti danneggiati sono deformi e sottosviluppati.

    Afidi

    o pidocchi

    Sono

    larve di imenotteri di colore bianco o giallo, che

    mangiano foglie, fiori o giovani frutti.

    Tentredini

    Succhiano

    la linfa come gli afidi, si differenziano per essere

    quasi immobili e vivono protetti da scudetti cerosi

    di colore bianco, giallo o rosso. Si fissano su

    foglie rami, frutti. Anche questi insetti producono

    “fumaggini” a causa della melata.

    Cocciniglie

    Sono

    larve di microlepidotteri che “minano” la zona

    verde della foglia lasciando intatta la cuticola.

    Le foglie disseccano e cadono.

    Larve

    di lepidotteri minatori

    Sono

    bruchi o larve di farfalle che distruggono con le

    loro erosioni sia i giovani germogli o bacano i

    frutti in fase di formazione provocandone la precoce

    caduta.

    Tignola,

    Cydia o Anarsia

    Sono

    farfalline succhiatrici che pungono foglie giovani

    o germogli. Gli organi colpiti presentano si accartocciano

    con colorazioni argenteo

    Cicaline

    Frutti

    che alla maturità si presentano flaccidi a causa

    della presenza all’interno di una larva biancastra

    che ne mangia la polpa.

    MOSCA

    DEI FRUTTI

    Sono

    minuscoli ragni che provocano con le loro punture

    sulle foglie ingiallimenti che in seguito disseccano

    totalmente. Sono molto mobili e quando attaccano

    massicciamente la pianta producono anche piccole

    ragnatele

    Acari

    o ragnetti rossi o gialli


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO