zelkova e ulmus

Domanda: olmi e zelkove

Desidererei sapere se il bonsai zelcova e ulmus è la stessa pianta. Grazie
Olmo bonsai


zelkova e ulmus: Risposta: olmi e zelkove

Gentile Carla,

gli alberi del genere ulmus e quelli del genere zelkova appartengono a due generi differenti, in effetti però si tratta di due generi appartenenti entrambi alla famiglia delle Ulmacee, sono quindi strettamente imparentate, e questo si nota sia nell’aspetto, sia nelle esigenze colturali.

Entrambi i generi vengono utilizzati per preparare dei bonsai, e quindi in linea generale capita di trovare degli ulmus e delle zelkove denominai con il termine comune olmo, anche se spesso le zelkove vengono chiamate olmi Giapponesi.

Le zelkove sono alberi, diffusi in Asia e in Europa meridionale; ne esistono meno di dieci specie, sia a foglia caduca sia semi sempreverdi, ovvero perdono le foglie solo in caso di clima inclemente; hanno fogliame abbastanza minuto, e si prestano molto ad essere allevate come bonsai.

Gli olmi sono invece alberi a foglia caduca, diffusi in Europa e in Asia, comunemente coltivati in tutta Europa come alberi nei parchi e come alberature stradali.

La confusione tra olmi e zelkove deriva anche dal fatto che i bonsaisti tendono a coltivare specie con foglie particolarmente minute, come ulmus parvifolia, e zelkova serrata (o zelkova nire), che hanno molte similitudini fisiche tra di loro.

Gli olmi sono alberi da esterno, e anche se coltivati come bonsai vanno tenuti all’aperto, in giardino; avendo vasi molto piccoli, che possono venire completamente congelati dal freddo, durante i mesi invernali è consigliabile posizionare i vasi in una zona riparata dal gelo, e soleggiata; oppure si copre il vaso con dell’agritessuto, in modo da preservare il terreno dalle gelate più intense e persistenti; le zelkove, soprattutto zelkova nire (la più specie più diffusa in Italia come bonsai), sopportano molto bene la siccità e tendono a mantenere il fogliame se coltivate a temperature miti; per questo motivo spesso queste ulmacee vengono coltivate come bonsai da appartamento.

Coltivandole in casa è bene mantenere alta l’umidità ambientale, vaporizzando spesso la chioma; mentre le annaffiature andranno diradate durante i mesi freddi, anche se in caso il clima è caldo; questo perché le poche ore di luce solare giornaliera (ovvero le giornate molto brevi) spingono gli alberelli ad andare in semi riposo vegetativo, anche se il clima è tiepido e mite, con temperature vicine ai 20°C.


  • Olmo Questo genere è composto da circa 40 specie di alberi rustici, decidui, adatti ai parchi e ai grandi giardini, molto longevi. L'olmo, in primavera, sviluppa frutti tondeggianti a samara.E' una piant...
  • vivo a Palermo, ho comprato da circa 30 giorni un olmo bonsai, dopo pochi giorni cominciò a perdere le foglie, l'ho esposto all'aperto sul davanzale della finesta, l'ho innaffio con il nebulizzatore d...
  • perchè il mio bonsai di olmo mi fà i germogli mette le fogli verdi chiaro e poi si sfoglia in continuazione come si riprende si spoglia nuovamente è cosi da6mesi l'ho da 1 anno lo immrgo ogni4 giorni ...
  • Ulmus parvifolia bonsai Salve sono Giorgio e vorrei se possibile un aiuto,ho un olmo bonsai che mi si sta seccando, ha perso tutte le foglie e i rami mi sembrano secchi, che posso fargli....



COMMENTI SULL' ARTICOLO