origano

Origano

L'origano è una pianta molto conosciuta, perenne ed a carattere cespuglioso, appartiene, come la maggiorana, alla famiglia delle Lamiaceae un tempo chiamate Labiate.

Esistono diversi tipi di origano ma quello più utilizzato e conosciuto è chiamato Origanum Vulgare e cresce spontaneamente nelle zone alte delle montagne (può crescere fino a 2000 metri di altezza) anche se, con il passare del tempo, si è naturalizzata in tutto il bacino mediterraneo.

L'uso dell'origano ha delle origini antichissime infatti, si racconta che gli Egiziani, i Greci ed i Romani utilizzavano questa pianta, oltre che per le sue grandi proprietà curative, anche per realizzare delle corone da offrire alle spose come augurio di fortuna, pace e prosperità.

L'origano, deve il suo nome, all'unione di due parole greche "oros" che significa montagna e "ganos" che significa splendore quindi, in pratica, la parola origano significa splendore della montagna.

Questa pianta si presenta con un fusto alto circa 80 cm, è ramificato soprattutto verso l'alto e presenta delle foglie verdi, ovali ed a punta, i suoi fiori sono raccolti a grappolo ed hanno un colore rosa/porpora anche se esistono alcune varietà che presentano i fiori bianchi. La radice dell'origano è molto scura, quasi nera, mentre il frutto è color porpora scuro. Questa pianta cresce soprattutto nei luoghi soleggiati e non ama essere innaffiata spesso, riesce a crescere anche nei terreni aridi e ricchi di calcare, i fiori maturano tra luglio e settembre mentre i semi si producono tra agosto ed ottobre.

L'origano viene utilizzato come rimedio naturale per combattere numerosi disturbi, vengono usate solamente il fiore e le foglie dell'origano che vengono raccolti all'inizio della fioritura e vengono seccati.

Origano

Battle - Semi Ecologici Origano (750 Semi - Bio)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,67€


Proprietà della pianta

origano secco L'origano è considerato una pianta dalle molteplici proprietà terapeutiche dovute alla presenza dei fenoli e principalmente alla presenza di timolo e cavarcloro, inoltre contiene anche il tannino, l'acido caffeico, il rosmarinico ed i composti flavonici. Tutti questi componenti si trovano principalmente nei fiori posti sulla sommità della pianta e, per essere sfruttati al meglio, devono essere raccolti durante il momento di maggior fioritura.

Data la composizione dell'origano si ritiene che questa pianta abbia delle proprietà antispasmodiche, antisettiche, antidolorifiche, toniche, emmenagoghe, antiparassitarie ed espettoranti.

L'origano è impiegato principalmente come digestivo e contro la fermentazione intestinale mentre l'olio essenziale di questa pianta viene utilizzato come espettorante in caso di tracheiti da fumo ed in caso di pertosse.

L'origano si utilizza anche per calmare il vomito e per stimolare il sistema nervoso.

Da recenti studi condotti da alcuni ricercatori tedeschi e svizzeri è emerso che l'origano contiene anche il beta-cariofillene, una sostanza capace di curare le infiammazioni.

  • barba di becco E’ una pianta con un ciclo biennale e questo significa che un anno sviluppa solo le foglie mentre l’anno successivo, compare l’infiorescenza floreale.E’ una pianta dalle molteplici proprietà, usata ...
  • beccabunga La beccabunga, nome scientifico Veronica beccabunga L, è una pianta medica erbacea di tipo perenne, che appartiene alla grande famiglia delle Scrofulariacee. E’ molto diffusa nei luoghi umidi di monta...
  • guaranà Il guaranà è una pianta originaria dell’Amazzonia, coltivata, trasformata e consumata dai popoli indigeni già molto prima dell’arrivo dei conquistatori europei. Era ritenuto un arbusto sacro, inserito...
  • gymnema La Gymnema Sylvestre, che possiamo trovare comunemente in erboristeria, è ottenuta dalla pianta di Gymnema che nasce e si sviluppa principalmente nelle foreste tropicali che si trovano in India e nel ...

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla e Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€
(Risparmi 1€)


Olio essenziale di origano

origano secco Dalle foglie della pianta dell'origano si ricava un olio essenziale molto importante: l'olio essenziale di origano.

Questo olio, secondo dei ricercatori americani, combatte le infezioni allo stesso modo degli antibiotici e risulta molto efficace contro i parassiti intestinali e contro il fungo Candida Albicans.

Riesce a calmare efficacemente gli attacchi di tosse ed aiuta ad eliminare il catarro.

L'olio di origano viene anche utilizzato per i massaggi atti ad eliminare la cellulite.

Questo particolare olio essenziale può essere irritante per la pelle e le mucose quindi è sempre consigliabile utilizzarlo dopo una prescrizione medica.


Usi

giore origanoLa pianta officinale dell'origano è molto utilizzata in fitoterapia,dell'intera pianta si usano principalmente i fiori che si assumono sotto forma di tintura madre oppure di infuso.

Per preparare un infuso di origano occorre lasciare in infusione, per un massimo di 18 minuti, 2 grammi di origano in 100 gr di acqua bollente (ricordatevi di coprire la tazza dopo aver versato l'origano), così si ottengono 2 tazze di infuso da poter assumere contro la tosse e la diarrea.

L'origano si trova anche in polvere e serve per alleviare il mal di testa.

Per curare le carie ed i dolori dentali potete utilizzare una goccia di olio essenziale di origano da applicare, con un piccolo tampone, sul dente dolorante mentre per curare il torcicollo ed i dolori reumatici potete scaldare, sul fuoco, le foglie fresche oppure quelle secche di origano, mettetele in un sacchetto di stoffa ed applicatele sulla parte dolorante. Se utilizzate le foglie di origano riscaldate e le avvolgete intorno alla testa potete curare anche il raffreddore mentre aspirando i vapori degli infusi potete inumidire le mucose nasali.

Al momento non risultano particolari controindicazioni all'utilizzo della pianta dell'origano (fate attenzione solo all'olio essenziale) quindi è possibile utilizzarla anche in gravidanza, durante l'allattamento ed in presenza di particolari patologie.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO