Concime orchidee

vedi anche: Orchidee

Concime orchidee

Eleganti regine dei fiori per la casa, ma anche per un bel terrazzo, in passato erano un vanto esclusivo di pochi appassionati che disponevano di serre e molto tempo per la loro coltivazione. Oggi non è più così, infatti si trovano in commercio centinaia di nuovi ibridi, acquistabili già in fiore e sono, tra l'altro, in grado di riprodursi e rifiorire un anno dopo l'altro, donando allo spettatore una bellezza e raffinatezza senza eguali.

fiori orchidea

Cifo Granverde Concime Per Orchidee 01 Astuccio Da 300Gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€


Elementi base per la concimazione delle orchidee

fiori orchidea La pianta, oltre a prelevare carbonio e ossigeno dall'aria, assorbe dal terreno tutto quanto le serve per vivere. Se il terreno è adatto alla pianta e quindi ricco di sostanze nutritive sarai già a buon punto, ma non devi dimenticare che la poca terra contenuta in un vaso si impoverisce rapidamente sia per l'assorbimento di sostanze nutritive da parte delle radici sia per le innumerevoli innaffiature cui è sottoposta. E' indispensabile quindi reintegrare queste sostanze con una concimazione. Tieni sempre presente che gli elementi nutritivi indispensabili a una pianta sono in particolar modo tre, ovvero l'azoto, il fosforo e il potassio.

L'azoto agisce principalmente sulla crescita vegetativa della pianta, quindi somministrandogli questo elemento avrai uno sviluppo notevole delle foglie e dei fiori, particolare di non poca rilevanza trattandosi appunto di orchidee, la quale caratteristica è appunto la bellezza dei fiori, Tieni presente che la sua carenza provoca la clorosi, cioè la comparsa sulle foglie di aree più o meno grandi di colore giallastro.

Il fosforo agisce sullo sviluppo delle radici e quindi, anche se gli effetti sulla pianta sono meno appariscenti di quello dell'azoto, è altrettanto indispensabile. Se il terreno è povero di fosforo le foglie alla base appaiono con dei segni nerastri. Inoltre tale elemento è indispensabile alle piante il cui seme viene utilizzato per la riproduzione, anche se per le orchidacee risulta un po' complicato, in ambiente casalingo.

Il potassio aiuta il processo fotosintetico mediante il quale la pianta, utilizzando l'energia della luce, trasforma l'anidride carbonica in zucchero. La sua carenza provoca la defogliazione e in taluni casi le foglie si impoveriscono, rimangono piccole e si ripiegano verso il basso.


    CONCIME LIQUIDO PER ORCHIDEE IN CONFEZIONE DA 300 GRAMMI

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


    Come usare il concime

    fiori orchidea Ogni pianta necessita di specifici composi e miscele di elementi nutritivi in base alle specifiche esigenze. Per quanto concerne le orchidee, la maggior parte dei coltivatori non usa mai fertilizzanti se non come nutrimento per le foglie. Per le specie coltivate in casa, comunque è consigliabile la concimazione, inoltre ti consiglio di acquistare un concime complesso, che comprenda tutti gli elementi chimici e nello specifico delle orchidee, dovresti usare del concime a base di azoto dall'inizio della vegetazione fino a quando la pianta è in pieno sviluppo, cioè quando i fiori e le foglie sono ben rinforzati, e poi continuare con un concime a base di fosforo e di potassio per rinforzare le radici e tenere in pieno vigore la pianta. Ricordati di non utilizzare mai fertilizzanti adatti per le piante coltivate all'aperto, questi infatti contengono potassio, azoto e fosforo in proporzioni differenti dalle composizioni studiate per le piante d'appartamento, dove gli elementi vengono in gran parte eliminati dalle innumerevoli innaffiature. Usa sempre prodotti a effetto immediato e solo durante il periodo estivo, quando è il periodo della crescita, puoi dargli il concime ogni 15 giorni, sciogliendo un grammo di fertilizzante in un litro d'acqua, in modo da somministrarlo con le innaffiature.

    Non concimare quando il terreno è asciutto o secco, in questo caso prima ti consiglio di bagnare il terreno e solo alla successiva innaffiatura puoi aggiungere il concime. Inoltre non devi concimare subito dopo il rinvaso, ma devi attendere dai 15 ai 20 giorni, il tempo necessario perché le radici si adattino al nuovo terreno.


    Quale concime scegliere

    orchidea concime Prima di acquistare un concime è bene conoscere, almeno a grandi linee la composizione. In base all'elemento fertilizzante che contengono, infatti possono essere azotati, fosfati e potassici. A seconda della loro natura, cioè della loro composizione possono essere organici se sono formati da composti di origine animale o vegetale, minerali se sono costituiti da elementi minerali oppure misti se comprendono l'uno e l'altro.

    I concimi inoltre possono essere semplici se apportano uno solo di questi elementi oppure composti se sono formati da un miscuglio di due o più concimi semplici. Infine, a seconda della velocità con cui esplicano la loro azione nel terreno, possono essere a pronto, a medio o a lento rilascio ed effetto. In pratica, se il prodotto è liquido o in polvere, e una volta sciolto in acqua, viene somministrato alla pianta con le innaffiature, l'assorbimento sarà immediato, se invece il concime è sotto forma di pastiglie che si devono affondare nel terreno, e quindi si scioglieranno lentamente con le innaffiature, l'effetto sarà prolungato. Recenti studi hanno dimostrato che l'assorbimento dei fertilizzanti, oltre che attraverso le radici, può avvenire anche attraverso le foglie. Di conseguenza sono stati preparati prodotti speciali, detti concimi fogliari, a base di alimenti azotati che possono essere rapidamente assimilati dalle foglie, Si trovano in confezioni spray o da diluire con l'acqua per essere spruzzati sulle foglie. In relazione a quest'ultimo tipo di fertilizzante, non è consigliato per le orchidee, o per lo meno te lo sconsiglio nel periodo in cui fiorisce, in quanto potrebbe rovinare l'infiorescenza, che è la principale caratteristica di questo tipo di pianta.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO