Introduzione alle piante carnivore

vedi anche: Piante Carnivore

Generalità

Quando parliamo di esseri viventi, spesso dividiamo in due categorie le forme di vita, quella animale e quella vegetale, attribuendo a quest'ultima un ruolo secondo noi esclusivamente passivo, escludendo a queste creature ogni forma di interazione con il mondo che le circonda. Invece esistono vegetali che "vivono" attivamente, passando dal ruolo di prede a quello di "cacciatrici". Ed è proprio il caso delle piante carnivore, piante che ci hanno sempre suscitato interesse e stupore, timore e incredulità fin dalla nostra infanzia. Dobbiamo rassicurarci del fatto che non esiste alcuna pianta mostruosa e terribile, pericolosa per l'uomo, ma bensi specie vegetali bellissime ed affascinanti, che tutt'al più possono catturare piccoli insetti, o nel peggiore dei casi piccoli animaletti come rane o topolini. Le piante carnivore sono presenti su tutto il nostro pianeta in ben 600 specie diverse, dal sud Africa all'Europa, dall'Indonesia agli Stati Uniti.

Anche nel nostro paese, l'italia, esistono diverse specie di piante carnivore, anche se sono tra le piante minacciate di estinzione.

Queste meravigliose piante hanno studiato e messo a punto un sistema di cattura e digestione incredibilmente avanzato, in modo da poter assorbire dalle proprie prede le sostanze nutritive essenziali per poter vivere. Le piante carnivore crescono prevalentemente in torbiere, su terreni estrem amente poveri di sostanze nutritive come l'azoto, e sono costrette quindi a nutrirsi grazie alle loro "battute di caccia". Come dicevamo prima, esistono appunto ben 600 specie di piante carnivore, tutte molto belle ed interessanti; alcune utilizzano sistemi di cattura a "scatto", come la ormai famossisima Dionaea, una delle piante carnivore più conosciute, oppure secernendo sostanze vischiose in grado di intrappolare gli insetti sulle proprie foglie, o addirittura creando delle vere e proprie trappole senza via d'uscita detti "ascidi".

pianta carnivora


Introduzione alle piante carnivore: Tecniche colturali

tecniche colturaliMolti avranno tentato la coltivazione di queste piante, ma molto probabilmente la morte è sopraggiunta dopo pochi giorni dall'acquisto. La causa principale è la scarsa informazione che viene data e le credenze che vi sono su queste piante. Il 90% delle piante carnivore è fortemente sensisbile all'acqua calcarea o di rubinetto, che le porta nel giro di poco tempo a morte certa. Altro problema spesso è la mancanza di acqua, o la scarsa esposizione ai raggi solari. Le piante carnivore adorano grandi quantità di acqua e abbondante esposizione solare, mentre il nostro intuito ci consiglierebbe di dare poca acqua e tenerle lontane dal sole. Anche il substrato da utilizzare è molto importante, e si deve usare esclusivamente torba di sfagno, perchè ‚ utilizzare terricci semplici o arricchiti, significherebbe uccidere la pianta, non abituata a terreni ricchi che le causerebbero la marcescenza delle radici in poco tempo

  • dionea Scopri tramite questa sezione il mondo curioso delle piante carnivore, piante sempre molto apprezzate ma poco conosciute. In [piante carnivore] troverai tanti articoli di approfondimento su questo gen...
  • pianta carnivora Le piante appartenenti al genere Drosera sono piante carnivore molto evolute, dotate di sitemi di cattura molto particolari. Le foglie di queste piante sono dotate di minuscoli tentacoli, muniti all'e...
  • pianta carnivora Dionaea Muscipula è la pianta carnivora per eccellenza, conosciuta da sempre da grandi e bambini, che forse abbiamo visto spesso in film o cartoni animati, ma certamente esagerati o poco realistici....
  • pianta carnivora Nella coltivazione delle piante carnivore, è molto importante cercare sempre di tenere a mente quale è il clima o il luogo d'origine delle varie specie. Questo può aiutarci in molte occasioni, sopratt...


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO