fiori azzurri

Fiori azzurri

I fiori azzurri sono particolari e belli ma difficili da reperire quindi, rappresentano un sogno per i collezionisti. Quasi tutti i fiori hanno dei richiami di azzurro cielo ma, pochi nascono a tinta unica. Due di questi che producono fiori azzurri sono la nemophila e la plumbago. La prima appartiene alla famiglia delle hydrophillaceae mentre la seconda a quella delle plumbaginaceae, meglio conosciuta come gelsomino azzurro. Entrambe sono molto richieste dai fioricoltori perché con il loro colore raro e chiaro si addicono a composizioni floreali uniche e quindi particolari. La nemophila è una pianta erbacea originaria della California, le cui varietà sono coltivate in Europa per aiuole o bordure ed anche in cassetta. Sono piante cespugliose o tappezzanti adatte a ricoprire vaste superfici. La nemophila ha un fusto erbaceo tenero con foglie opposte a sette sezioni color verde brillante leggermente ricoperte di una finissima peluria. I fiori campanulati si susseguono durante tutta la buona stagione e sono rigorosamente di color azzurro cielo con la parte centrale leggermente giallastra. La plumbago invece ha delle caratteristiche che non si riscontrano mai nel gelsomino. Infatti è una pianta sarmentosa originaria delle regioni dell’Africa australe, è senza profumo e di colore azzurro. Inoltre ha una ramificazione verde con foglie di grandezza varia, alterne e ottuse all’apice. I fiori hanno un calice con brattea, rivestito in parte da una fitta peluria. Questo arbusto è sfruttato anche come pianta rampicante per ricoprire muri e per ottenere effetti decorativi facendolo ricadere a cascata.
PLUMBAGO CAPENSIS

6 x Saponette a forma di cuore - Lotus Flower. Fragranza: Fiore di loto; colore: Azzurro; ogni sapone misure: 45 x 40 mm e pesa 20 G.. Un regalo perfetto - Ideale per compleanni, Natale......

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,69€


FIORI AZZURRI: LA NEMOPHILA

NEMOPHILA La nemophila è una pianta annuale che si ottiene mediante la semina direttamente a dimora, in marzo/aprile; successivamente le piantine, una volta ben germogliate devono essere diradate, lasciando 15 centimetri di distanza tra ciascuna di esse. E’ opportuna una leggera cimatura quandi, le piante raggiungono 8-10 centimetri di altezza. La specie nemophila è polimorfea e presenta alcune diversità nelle sottospecie e varietà; i nomi ricorrenti sono grandiflora, marginata, elegans e discoidalis. L’esposizione migliore è quella a mezz’ombra; il terriccio più adatto è quello misto con foglie assai decomposte e detriti vegetali in decomposizione. Cresce meglio nelle località dove d’estate il clima è relativamente fresco e umido, piuttosto che caldo e secco. La fioritura non dura a lungo ed inizia dopo circa 6-7 settimane dalla semina. Per cercare di prolungarla è consigliabile seminare in varie fasi a distanza di tre settimane tra una semina e l’altra. I fiori sono spesso bicolori; hanno una macchia ai margini esterni dei petali o al centro del fiore. I colori sono bianco con al centro il colore porpora, blu marginato di bianco, blu, bianco puro e ovviamente: azzurro intenso.

  • Conoscere il significato ed il linguaggio dei fiori è di fondamentale importanza per non fare brutte figure e per non sbagliare mai tipo di fiori in ogni occasione. Scopri quale fiore regalare a secon...
  • Dieffenbachia genere appartenente alla famiglia delle araceae, che comprende 30 specie di piante perenni sempreverdi con un fusto robusto e foglie molto grandi, e oblunghe.Anche se è originaria dell'America cent...
  • Anthurium andreanum Gli anthurium sono tra le piate più coltivate in appartamento, appartengono alla famiglia della aracee, come ad esempio le comuni calle bianche da giardino; le somiglianze tra i due generi sono molto ...
  • columnea Questo genere raggruppa circa 150 specie di piante erbacee perenni epifite sempreverdi, originarie dell'America centrale e meridionale. Le specie più coltivate hanno portamento ricadente o rampicante;...

BANDIERA REGNO DI FRANCIA 150x90cm - BANDIERA FIORE DI LIS BIANCO AZZURRO - REALE FRANCESE 90 x 150 cm - AZ FLAG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,95€


FIORI AZZURRI: LA PLUMBAGO CAPENSIS

http://farm4.staticflickr.com/3204/2883814125_9f09c39476_z.jpg?zz=1 La plumbago è una pianta perenne. Le sue ramificazioni verdi sono lunghe anche più 3-4 metri. Nelle regioni in cui la temperatura in inverno scende raramente intorno a zero gradi si può coltivare in piena terra, lasciandola svernare all’aperto senza danno. Nelle regioni a clima invernale rigido si coltiva nelle cassette sul terrazzo, ritirandola nei mesi freddi in un ambiente luminoso ad una temperatura oscillante tra i 3 e gli 8 gradi. La plumbago capensis (questo il nome completo) fiorisce da giugno ad ottobre con infiorescenze terminali a forma di ombrello fornate da un raggruppamento di fiorellini color azzurro cielo e con antere azzurre; il calice è rivestito di peli e leggermente vischioso. Una specie di plumbago che si coltiva come pianta annuale, seminandola in serra calda a gennaio per la fioritura estiva è la coerulea che forma cespi alti 30-40 centimetri e richiede un’esposizione soleggiata. Ha fiori raccolti in spighe terminali di colore lilla porporino intenso. La plumbago predilige spazi aperti, areati ed un’esposizione moderatamente soleggiata. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno, purchè accuratamente drenato perché soffre l’umidità stagnante. Per svilupparsi bene e rifiorire abbondantemente ogni anno la pianta deve essere potata in autunno, riducendone la vegetazione soltanto ad un metro di lunghezza. Anche se si tratta di una pianta sempreverde, diventa quasi spoglia se non si effettua una drastica potatura annuale. In estate è consigliabile effettuare somministrazioni periodiche di fertilizzanti chimici solubili in acqua e regolari innaffiamenti.


fiori azzurri: FIORI AZZURRI: LA PLUMBAGO LARPENTAE

PLUMBAGO LARPENTAE Questa pianta anche se catalogata con il nome di plumbago, appartiene tuttavia ad un altro genere botanico ed il suo nome esatto è cerato stigma plumbaginoides; si tratta di una pianta cespitosa con ramificazioni di 25-30 centimetri piuttosto esili, striscianti che ben si adatta per il suo portamento a essere usata come pianta tappezzante. E’ una pianta erbacea perenne che si riproduce per divisione dei cespi in primavera o nel tardo autunno dopo la fioritura che si prolunga fino a novembre inoltrato. I suoi fiori sono di un bellissimo e particolare colore celeste-blu intenso. Infine una nota di merito va anche ad una pianta appartenente alle plumbaginaceae chiamata l’armeria alpina presente sulle Alpi e sul Gran Sasso in svariate forme e colori e qualche volta, in contrasto con il bianco della neve riesce anch’essa a regalare fiori azzurri come il cielo incontaminato.



COMMENTI SULL' ARTICOLO