Astro giapponese - Kalimeris

Generalità

Il kalimeris è un genere che comprende alcune specie di piante erbacee di tipo perenne, originarie della regione asiatica; producono una piccola rosetta di foglie a spatola, da cui si sviluppano fusti eretti, più o meno ramificati a seconda della specie, che portano numerose piccole foglie lineari o spatolate, di colore verde chiaro, che danno origine in genere ad un piccolo arbusto, alto circa 40-60 cm. Durante i mesi estivi produce numerosissimi piccoli fiori a margherita, di colore bianco, rosato o lilla, con caratteristico centro giallo oro. Pianta di facile coltivazione, molto apprezzata per la fioritura molto prolungata e abbondante. Il kalimeris è una pianta che viene utilizzata per abbellire giardini e spazi esterni grazie alla sua facilità di crescita e moltiplicazione.

Astro giapponese


Tecniche colturali

Astro giapponese Se desideriamo coltivare l'astro giapponese dobbiamo conoscere al meglio le sue esigenze colturali riguardanti l'esposizione, le irrigazioni, il terreno, la concimazione e le cure che necessita. L'astro giapponese si coltiva in luogo ben soleggiato e luminoso; durante l'estate è consigliabile provvedere una leggera ombreggiatura alle piante coltivate in luoghi con estati molto calde, durante le ore più torride della giornata. Le kalimeris non temono il gelo, e nelle zone in cui gli inverni sono rigidi la parte aerea dissecca. Per quanto riguarda le annaffiature, è opportuno irrigare la pianta da maggio-giugno fino ad ottobre con regolarità, attendendo sempre che il terreno asciughi perfettamente tra un'annaffiatura e l'altra. Durante il periodo vegetativo è necessario fornire del concime per piante da fiore, disciolto nell'acqua delle annaffiature ogni 10-15 giorni.

  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...
  • Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; Heliotropium arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverd...
  • potentilla fructicosa red ace Piccolo arbusto a foglia caduca, originario dell'America settentrionale e dell'Asia; esistono circa cinquecento specie di potentilla, diffuse in tutto il globo, soltanto alcune vengono coltivate come ...


Terreno

terreno di kalimeris Le specie di kalimeris si sviluppano senza problemi in qualsiasi terreno. Una caratteristica del terriccio è che deve esser molto ben drenato; le nostre kalimeris non amano i terreni molto pesanti o scarsamente drenati. Possono essere coltivate anche in vaso o contenitore; in tal caso consigliamo un rinvaso periodico, da effettuarsi in autunno, ogni 2-3 anni circa per migliorare lo sviluppo e la crescita delle nostre piante.


Moltiplicazione

astro giapponese La riproduzione dell'astro giapponese avviene principalmente per seme, nella stagione primaverile; in autunno è invece possibile dividere i cespi, ricordando di provvedere ad ogni porzione praticata alcune radici ben sviluppate.


Astro giapponese - Kalimeris: Parassiti e malattie

L'astro giapponese è una pianta che non viene particolarmente colpita da parassiti o malattie. Nonostante cio, a volte può essere attaccata dagli afidi. Si tratta di piccoli insetti o parassiti meglio conosciuti con il termine di "pidocchi delle piante" che colpiscono senza distinzione le piante da esterno e da interno infestandole. Il corpo degli afidi appare molliccio e tondeggiande; la loro dimensione è davvero ridotta: raggiungono infatti una lunghezza massima di 3 mm. Tendono a vivere in colonie e attaccano radici, foglie, fusto, frutti e germogli. Questi parassiti si nutrono della linfa delle piante. In questo modo le indeboliscono e deformano foglie e germogli. Oltre a cio, producono una sostanza piuttosto chiara e appiccicosa che depositandosi sulle foglie favorisce la formazione della fumaggine.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO