Saponaria di roccia - Saponaria ocymoides

Generalità

La Saponaria ocymoides o di roccia è una pianta perenne originaria dell'Europa che forma piccoli cuscini striscianti, che tendono ad allargarsi non molto rapidamente. La sua crescita indatti è lenta ed i fusti sono molto ramificati, prostrati, lunghi 10-30 cm. Le foglie di questa pianta sono ovali o lanceolate, di colore verde scuro, in primavera vengono quasi nascoste dai numerosissimi fiori, che sbocciano in grappoli, di colore rosa intenso; nonostante la fioritura primaverile sia intensa ed esplosiva, successivamente la pianta continua a fiorire fino ai primi freddi, producendo sporadici mazzetti di fiorellini che tendono a confondersi tra le fitte foglie di questa pianta.

Molto utilizzata per i giardini rocciosi, la saponaria si può trovare facilmente anche in natura, nei pascoli di media quota; trova impiego anche per coprire muri a secco, vista la facilità di sviluppo, anche in condizioni non ideali. Per mantenere uno sviluppo più compatto e per favorire ulteriori fioriture, si consiglia di potare i fusti con i fiori appassiti. La saponaria ocymoides viene utilizzata in erboristeria, il nome deriva dall'alto contenuto di saponine vegetali presenti nelle radici di questa pianta.

Le saponine sono delle sostanze detergenti conosciute già da tempi molto remoti. La saponaria di roccia proprio per queste proprietà veniva coltivata in abbondanza, al fine di poter lavare il bucato ed in particolare la lana. Oltre a questo aspetto, le saponarie erano anche molto coltivate in passato per le loro particolari proprietà terapeutiche. Questa pianta era infatti considerata una pianta officinale e medicinale in grado di combattere diverse malattie.

Saponaria


Esposizione

Saponaria Ricordiamoci di porre a dimora le piante in pieno sole o a mezz'ombra, soprattutto nei luoghi con estati molto calde. Queste piante non temono il freddo, anche se spesso il gelo intenso può provocare il completo disseccamento della parte aerea.

In caso di disseccamento delle piante, una potatura intensa è indispensabile per dare nuovo vigore e permettere un ricaccio rapido della Saponaria ocymoides.

  • aloe ho un'aloe saponaria che presenta le foglie scurite e rammollite. cosa posso fare? da cosa dipende questo problema?...
  • Lotus Il Lotus berthelotii è una pianta erbacea perenne originaria delle isole Canarie, semi sempreverde; ha portamento rampicante o prostrato, raggiunge i 25-30 cm di altezza, ma tende ad allargarsi molto ...
  • piante perenni Con il termine generico Perenni si intendono quelle piante erbacee che hanno uno sviluppo pluriennale, quindi rimangono nel nostro giardino per anni, contrariamente a quanto accade alle annuali, che i...
  • Eliotropio al genere heliotropium appartengono circa duecentocinquanta specie di piante, diffuse in gran parte delle zone temperate del pianeta; Heliotropium arborescens è una pianta erbacea, perenne, sempreverd...


Annaffiature

saponaria Le piante poste a dimora da poco necessitano di essere annaffiate regolarmente, quelle già a dimora da tempo si accontentano delle piogge; in caso di periodi di siccità molto prolungati è consigliabile annaffiare sporadicamente la pianta. All'inizio della primavera spargere attorno alle saponarie del concime granulare per piante da fiore oppure procedere con un paio di concimazioni liquide diluite nell'acqua dell'annaffiatura. Le concimazioni liquide andranno somministrate un paio di volte al mese per il primo periodo vegetativo della pianta.


Terreno

saponaria di roccia Le piante di saponaria di roccia si sviluppano senza problemi in qualsiasi terreno, anche in quelli molto aridi e asciutti. Tuttavia prediligono terreni sciolti e molto ben drenati mentre un terreno molto umido, che trattenga troppa acqua, può causare la morte della pianta.

Un eccesso di umidità radicale infatti causa asfissia radicale e può portare in breve tempo dei grossi problemi alla pianta.


Moltiplicazione

In primavera è possibile seminare le saponarie, oppure dividere i cespi dell'anno precedente; in estate è possibile praticare talee utilizzando porzioni dei fusti semilegnosi.


Saponaria di roccia - Saponaria ocymoides: Parassiti e malattie

saponaria in generale non vengono attaccate da parassiti o da malattie.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO