Glicine - Wisteria floribunda

Glicine

La Wisteria, comunemente conosciuta col nome di glicine, è originaria dell'estremo Oriente e più esattamente della Cina e del Giappone ed appartiene alla famiglia delle Papilionaceae.

Si tratta di un genere di 10 specie di arbusti rampicanti e rustici.

Le caratteristiche distintive del glicine sono il tronco, che si snoda dalla base attorcigliandosi e modellandosi alle superfici e alle strutture poste in prossimità della pianta, ed i fiori di colore azzurro-violetto, riuniti in grappoli penduli che raggiungono anche la lunghezza di 20 -25 cm, dal profumo intenso e gradevole.

I periodi più favorevoli per piantare il glicine sono l'autunno e l'inverno, fino a marzo, cercando di evitare le gelate.

Glicine

GLICINE WISTERIA FLORIBUNDA \'ALBA\' (1 PIANTA) VASO 10 CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€


Coltivare il glicine

Il glicine è una pianta rampicante decidua caratterizzata da fusti legnosi volubili e da una bella e abbondante fioritura primaverile, seguita occasionalmente da una leggera ripetizione a metà estate. È per questo considerata ideale per ricoprire muri soleggiati, archi, pergole o palizzate robuste.

Non è però di coltivazione semplicissima, specie se vogliamo ottenere ottimi risultati sia in crescita sia in fioritura già dai primi anni: è molto importante prima di tutto una buona impostazione, una specifica concimazione e poi un’accurata e precisa potatura.

Il glicine fa parte della famiglia delle Fabaceae ed è principalmente originario dell’Estremo Oriente, in particolare della Cina e del Giappone. Vi sono però alcune varietà, meno diffuse, endemiche del continente Nordamericano.

Si tratta di un rampicante legnoso estremamente vigoroso che fiorisce formando dei grappoli lunghi fino a 40 cm, generalmente di colore lilla. Le foglie sono formate da delle fogliole imparipennate, ovali e appuntite agli apici. I frutti sono del tutto simili ai fagioli, lunghi circa 15 cm.

IL CALENDARIO DEL GLICINE
 Messa a dimora Da febbraio ad aprile, oppure da agosto a novembre
 Fioritura Da aprile ad agosto
 Potatura Marzo, maggio-giugno, agosto-novembre


  • Glicine Si tratta di uno dei rampicanti da fiore più noti e diffusi nei giardini di tutta Europa, anche se proviene da lontano: il Glicine infatti è un arbusto rampicante di origine asiatica; le specie più di...
  • Jacaranda fiori La Jacaranda mimosifolia o albero glicine è un albero alto fino ai 10-12 m originario dell’America meridionale; al genere jacaranda appartengono circa cinquanta alberi o arbusti originari dell’America...
  • Glicine Tra i rampicanti rustici sono quelli a fioritura più abbondante, profumata e decorativa; all'inizio della primavera i glicini ci regalano grandi grappoli di fiori lilla, profumatissimi, che sbocciano ...
  • glicine Il nome scientifico è wisteria, assegnato al glicine in onore del grande antropologo Kaspar Wistar. Il glicine cresce nella costa orientale degli Stati Uniti, da dove fu importato in Europa ne...

Vivai Le Georgiche WISTERIA FLORIBUNDA LILIAC ROSE (GLICINE)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20€


Terreno

Glicine Il più indicato è di tipo argilloso, ma il glicine si adatta a vivere bene in qualunque tipo di terreno, l'importante è che questo sia ben drenato e ricco di sostanza organica. A tale riguardo è bene ricordare che la collocazione del glicine deve tenere conto anche del fatto che la tenacia ed il vigore del tronco con i quali si sviluppa possono provocare danni alle strutture e superfici poste nelle vicinanze della pianta.

Per questo motivo è meglio tenere lontano soprattutto i tronchi adulti da tegole e grondaie e le radici dalle superfici pavimentate.

Il glicine è piuttosto tollerante in fatto di sottosuolo. Si adatta a molte condizioni diverse, dai terreni poveri a quelli più ricchi, con l’eccezione però di quelli contenenti grandi quantità di calcio. Questo, infatti, influenza il pH del terreno rendendo insolubile e quindi poco disponibile il ferro (causando clorosi fogliare e debolezza generale). Ha ad ogni modo una spiccata preferenza per i suoli sabbiosi e leggermente acidi, possibilmente poveri.

I suoli estremamente ricchi, soprattutto in azoto, sono spesso la causa di una crescita vegetativa molto vigorosa, ma della mancanza o scarsità delle fioriture

Il freddo generalmente non è un problema visto che quasi tutte le specie sopportano agevolmente temperature anche al di sotto dei -15°C. Se viviamo in aree alpine consultiamo però lo schema proposto in basso.

La migliore esposizione è sempre il pieno sole, ma crescono piuttosto bene anche in leggera ombra. Se la luce non è sufficiente si corre però il rischio di non vederli mai fiorire.


Annaffiature e irrigazione glicine

GlicineDevono essere moderate, più frequenti nella fase di attecchimento della pianta.

La fioritura si verifica all'inizio dell'estate e ha una durata di circa un mese; i fiori sono più fitti nelle piante più giovani. L'eventuale mancanza di fioritura può essere dovuta ad un'eccessiva somministrazione di fertilizzante, una potatura scorretta ed infine alla mancanza di esposizione alla luce. La Wisteria, infatti, predilige posizioni soleggiate o di pieno sole e teme le gelate tardive, che possono danneggiare i germogli; ideali sono muri e strutture esposte ad est.

Durante l’estate e comunque in caso di siccità è bene dedicarsi con costanza all’irrigazione. Soprattutto se il suolo è sabbioso possono rendersi necessari abbondanti interventi a cadenza settimanale.

Le concimazioni sono estremamente importanti. Ricordiamoci che, come per tutte le fabaceae, non è assolutamente necessario somministrare azoto, in quanto queste piante sono in grado di fissarlo autonomamente nel terreno. Un nostro intervento in questo senso può rivelarsi dannoso in quanto stimoleremmo la produzione di foglie a discapito di quella dei fiori.

È invece consigliabile somministrare una buona quantità di solfato di potassio, concime per pomodori o altro fertilizzante con un alto tenore in K, specialmente all’inizio della primavera e nell’estate (per le varietà rifiorenti).

Se necessario possiamo anche somministrare del solfato di ferro, per acidificare il terreno, e, se dovessimo vedere tracce di clorosi fogliare, del ferro chelato sia tramite irrigazione sia per nebulizzazione fogliare.


Moltiplicazione

Avviene sia per talea che per innesto. Nel primo caso nel periodo che va dalla fine di luglio alla fine di agosto si prelevano dei rami dell'anno e si mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia ad una temperatura non inferiore a 16 ° C, per un migliore attecchimento è meglio nebulizzare dell'acqua sulle foglie, più volte al giorno.

Nella moltiplicazione ad innesto, nel mese di marzo occorre prelevare delle marze dalla pianta, ed innestarle sulla radice della Wisteria sinensis, successivamente interrare e mantenere ad una temperatura di 16 -18 °C.

La pianta del glicine può essere propagata anche per propaggine o da seme.


Potatura di formazione

Potatura glicine Se abbiamo messo a dimora recentemente un esemplare possiamo decidere di impostarlo in diversi modi: a spalliera, a ventaglio,ad alberello o come arbusto da muro semi-formale.

Per avere fioriture abbondanti è sempre preferibile indirizzare il più possibile in orizzontale in maniera che ogni singola gemma sia stimolata dalla linfa in egual maniera e quindi si moltiplichino quelle attive.


Come impostare una spalliera

Dopo l’impianto si dovrà tagliare il getto più forte a circa 80 cm da terra e legarlo ad un sostegno. Tutti gli altri getti dovranno essere eliminati alla base

In seguito, durane la prima stagione vegetativa, si legherà in verticale il getto principale e si scelgono i due getti laterali più forti, legandoli a 45°. Questi andranno anche cimati, continuando inoltre a rimuovere i nuovi rami basali.

Durante il primo inverno si tornerà a tagliare il ramo principale a 80 cm dal suolo. I getti laterali dovranno essere posti a 90° rispetto al primo, legati e ridotti di 1/3 della loro lunghezza.

Si prosegue la primavera seguente piegando due rami prodotti al di sopra dei due già impostati, fino a quando tutta l’altezza disponibile non sarà occupata.


Potatura di mantenimento

Molti glicini riescono a fiorire anche se vengono totalmente trascurati. È però indubbio che con una buona potatura si possano ottenere risultati molto più soddisfacenti e soprattutto costanti, anno dopo anno.

Generalmente si interviene in tarda estate e poi in inverno (come già mostrato per l’impostazione iniziale).

In estate bisogna potare tutta la crescita ottenuta nella stagione in corso fino a 15-30 cm di lunghezza. Questo intervento dovrebbe stimolare la produzione di nuovi getti laterali e nuove gemme a fiore. Si distinguono da quelle a legno per la loro caratteristica forma rotonda.

In tardo inverno, invece, si dovrà intervenire accorciando nuovamente i rami laterali, lasciando al massimo due o tre gemme da dove si dipartono dal ramo principale.


Potatura glicine

Per la potatura del glicine, è di fondamentale importanza per determinare il numero di fiori che si avranno sulle nostre piante. Nel mese di luglio con una forbice ben affilata tagliare i rami dell'anno ad una lunghezza di 5 6 gemme, nel mese di gennaio, taglieremo gli stessi rami ad una altezza di 2 -3 gemme, questi ultimi porteranno la fioritura.


Parassiti e Malattie

glicinePur essendo molto resistente la wisteria è soggetta ad attacchi di afidi e di ragnetto rosso, raramente possono essere colpiti anche da tripidi che danneggiano le foglie. Questa pianta è anche soggetta a clorosi, la quale provoca uno sbiancamento delle foglie.


Wisteria floribunda

Proveniente dal Giappone, può raggiungere anche i 10 metri d'altezza, presenta foglie di colore verde chiaro imparipennate, formate da 13-15 foglioline. La fioritura molto profumata e di colore violetto azzurrato, a forma papilionacea, che possono raggiungere 25-30 cm di lunghezza. Le varietà di questa specie sono molteplici, quasi tutte fioriscono nel mese di maggio-giugno, e ve ne sono di molti colori dal bianco, al viola, al rosso.


Quando e come mettere a dimora un glicine?

glicine La messa a dimora si effettua in primavera o in autunno, lontano dalle gelate. È anche possibile procedere in estate, soprattutto se possiamo irrigare frequentemente.

Bisogna scavare una buca dal diametro doppio rispetto al pane di terra. Al fondo creeremo uno spesso strato drenante con sabbia e un po’ di ghiaia, ricoprendo poi di terra. Inseriamo la pianta leggermente inclinata verso il supporto e ricopriamo con un misto di terra da giardino. Annaffiamo abbondantemente e ripetiamo ogni due giorni per la prima settimana. Manteniamo poi per la prima annata sempre il terriccio umido.

Durante il primo inverno è bene pacciamare abbondantemente.

Nota: è importante scegliere con attenzione un supporto robusto e ben stabile perché il glicine è molto vigoroso.


Scelta della pianta

La scelta della specie e della varietà da inserire nel nostro spazio verde è estremamente importante.

Per esempio il glicine più comunemente coltivato, Wisteria Sinensis, è il più adatto per essere condotto sui muri o comunque per svilupparsi in orizzontale, quindi seguendo una struttura a spalliera. Bello in queste condizioni è anche il più raro wisteria brachybotrys.

Se vogliamo invece avere una bella cascata di fiori provenienti da un pergolato sarà invece bene orientarsi verso il wisteria floribunda.

Se il nostro spazio è invece piuttosto limitato la soluzione ideale è optare per il W. frutescens, poco vigoroso e caratterizzato da una crescita molto lenta. Queste sue peculiarità ci consentiranno di intervenire meno frequentemente per doverlo contenere.

Ad ogni modo qualunque sia la nostra scelta ricordiamoci che è estremamente importante optare sempre una pianta che sia stata innestata. Solo in questo modo avremo la garanzia di vederla fiorire in tempi relativamente brevi. Teniamo presente che già nelle migliori condizioni un glicine può necessitare anche di cinque anni prima di produrre i primi grappoli. Gli individui ottenuti da seme in moltissimi casi non daranno mai questa soddisfazione al coltivatore, nonostante tutte le nostre cure siano corrette.


Una selezione delle varietà più interessanti

VarietàPeriodo di fiorituraCaratteristiche della fiorituraAltre caratteristiche della pianta
 Wisteria floribunda Da aprile a maggio Grappoli fiorali molto lunghi (da 20 a 40 cm), ma poco densi e solo lievemente profumati È la varietà più diffusa. Può raggiungere i 15 metri di altezza.

Non teme assolutamente il freddo

 Wisteria sinensis 

Da aprile a maggio

Può rifiorire in agosto-settembre

 Fiori profumati che formano dei grappoli lunghi tra i 15 e i 30 cm, molto profumati 

Se ben esposta ha una buona ricrescita e riesce a rifiorire abbastanza abbondantemente a metà estate.

È una specie molto vigorosa e dalla crescita rapida.

Può raggiungere in qualche anno i 20 metri di altezza complessiva

È piuttosto rustica, riuscendo a sopportare agevolmente fino a -15°C.

 Wisteria brachybotris, syn. Wisteria venusta 

Maggio

Può rifiorire in settembre

 

Estremamente profumata e grande attrattiva per api e farfalle

I grappoli sono piuttosto piccoli, fino a 15 cm di lunghezza.

 

È meno vigorosa e più sensibile al freddo.

Di solito riesce a sopportare fino a – 10°C.

L’altezza va da 10 a 15 metri

 Wisteria floribunda  maggio Fiori piccoli e profumati, raccolti in numerosissimi grappoli lunghi fino a 25 cm. 

La fioritura è molto prolungata e duratura.

Fiorisce molto presto, già dai 2 anni dalla messa a dimora.

L’altezza da adulta va dai 6 ai15 metri.

Può essere coltivata anche in contenitore

 Wisteria frutescens Dalla fine di maggio a inizio luglio Fiori profumati raccolti in grappoli molto compatti, lunghi fino a 20 cm L’altezza da adulta va dai 2 ai 4 metri, mentre la larghezza media è di 2,5 m.
 Wisteria macrostachya Maggio-luglio Fiori raccolti in grappoli lunghi fino a 30 cm, non profumati Fiorisce a partire da 2 anni dal momento della messa a dimora.

Raggiunge mediamente i 7 metri di altezza

 Wisteria brachybotrys maggio Grappoli pendenti, lunghi dai 10 ai 15 cm con fioritura pressoché contemporanea.

Molto profumati.

 Molto vigorosa, può raggiungere in pochi anni 6 metri di altezza e 5 di larghezza.

Molto adatta a pergolati e ad archi

Sono inoltre disponibili numerosissime cultivar che si differenziano essenzialmente per il colore delle infiorescenze. Attualmente in commercio si trovano glicini nel lilla, nel rosa, nell’azzurro e nel bianco. La scelta dipende in questo caso solo dal nostro gusto e eventualmente dagli accostamenti cromatici che vorremo creare.


Un rampicante resistente

Uno degli aspetti più interessanti del glicine, oltre chiaramente alla sua doppia, splendida fioritura, è senza dubbio la grande rusticità di cui questa pianta è dotata. Moltissime sono infatti le piante rampicanti ornamentali valide ma spesso ci si trova di fronte a piante fragili, che non resistono allo smog o ad una posizione un po' costretta, diversa da quella "ideale".

Il glicine invece spicca per la sua grande rusticità ed è in grado di vivere in maniera ottimale anche in zone inquinate, anche quando viene trascurato o la posizione nella quale si trova non è delle più idilliache.

Per questo motivo è una pianta molto apprezzata, che a fronte di poche cure richieste, che si limitano ad un paio di potature all'anno ed alla raccolta del fogliame in autunno, garantisce dei risultati veramente ottimi.


Glicine - Wisteria floribunda: Un glicine da vedere

glicine da vedere Se amate viaggiare ed amate anche il mondo delle piante, saprete già sicuramente che il Giappone è una delle mete migliori da visitare, per chi vuole godere di spettacoli unici. I bonsai, le splendide fioriture dei ciliegi e i mitici giardini in stile giapponese, i famosi giardini, zen, sarebbero già da soli tre validi motivi per visitare questa nazione.

Tuttavia c'è un'altra grande meraviglia che se avete programmato un viaggio per il Giappone, non dovete assolutamente perdervi, e si tratta delle fioriture di glicine. Entrando più nel dettaglio, nella grande città di Kitakyushu, si trova uno dei più grandi spettacoli della Terra per gli amanti del glicine. Nei giardini Kawachi Fuji infatti, è presente uno spettacolare tunnel di glicini lungo oltre 80 metri e ricoprente un'area di 4620 metri quadrati.

Già da questi numeri è facile intuire come si tratti di qualcosa di maestoso e nel guardare le foto si capisce immediatamente che se siete in Giappone in questo periodo, un salto ai giardini Kawachi Fuji è una tappa irrinunciabile.


Guarda il Video
  • wisteria Tra i rampicanti rustici sono quelli a fioritura più abbondante, profumata e decorativa; all'inizio della primavera i gl
    visita : wisteria
  • glicine pianta Buongiorno, in un giardino non grandissimo vorrei piantare un glicine. Mi accontenterei di ottenere un piccolo pergolato
    visita : glicine pianta
  • glicine fiore Il glicine e i suoi fiori dai petali colorati nelle tonalità del blu, lavanda, rosa, viola, è conosciuto in estremo orie
    visita : glicine fiore
  • glicine fioritura Il glicine o Wisteria è una pianta rampicante originaria della Cina usata soprattutto per ornare muri, recinzioni, giard
    visita : glicine fioritura



Esposizione
Pianta che necessita di almeno alcune ore al giorno di irradiamento solare.

 
Sole pieno
Annaffiature
Intervenire con le annaffiature ogni 2-3 giorni, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni; evitare gli eccessi. In ogni caso è bene bagnare a fondo il substrato in caso di siccità prolungata.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno è consigliabile fornire una buona dose di concime per piante da fiore, ricco in azoto e potassio, per favorire lo sviluppo del fogliame ed una abbondante fioritura; utilizzando un concime a lenta cessione una sola applicazione sarà sufficiente; con altri tipi di concime è necessario ripetere l'applicazione ogni 8-10 giorni, utilizzando una dose dimezzata rispetto a quella consigliata in etichetta.


Esigenze della piante a agosto in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO