Albero glicine - Jacaranda mimosifolia

vedi anche: Alberi

Generalità

La Jacaranda mimosifolia o albero glicine è un albero alto fino ai 10-12 m originario dell’America meridionale; al genere jacaranda appartengono circa cinquanta alberi o arbusti originari dell’America centrale e meridionale, molti coltivati in Australia. Ha portamento eretto, con chioma densa e tondeggiante, larga quanto l’altezza dell’albero; la corteccia è scura e liscia; le foglie sono di colore verde brillante, bipinnate, simili a quelle della mimosa. In primavera inoltrata produce moltissimi grappoli apicali costituiti da fiori a trombetta, lunghi circa 5-6 cm, di colore blu-viola, che donano alla pianta un aspetto molto decorativo. In autunno produce lunghi baccelli cuoiosi che contengono numerosi semi scuri.

Questo tipo di piante viene utilizzato a scopo ornamentale, grazie alla bellezza e alla particolarità della sua fioritura, che lo rende perfetto per colorare giardini e parchi.

Jacaranda fiori


Esposizione

Jacaranda albero La Jacaranda mimosifolia cresce senza problemi in qualsiasi posizione, preferendo i luoghi soleggiati e ben aerati; generalmente non teme temperature vicine agli 0°C, anche se le giovani piante vanno riparate per almeno due inverni dalla messa a dimora. Lunghi periodi di gelo intenso possono rovinare gli apici dei rami, che si ristabiliscono senza problemi potando le parti gelate. In caso di temperature rigide è bene riparare la pianta in luogo protetto, o utilizzare del materiale pacciamante alla base, per proteggere l'apparato radicale.

  • Jacaranda Per piacere mi potete dire dove posso acquistare la pinta chiamata "Jacaranda" mi fareste un vero favore. Vi ringazio e porgo cordiali saluti Mordacci Giuseppe. ...


Annaffiature

fiori jacaranda Per quel che riguarda la corretta fornitura d'acqua all'albero glicine è bene annaffiare regolarmente le giovani piante; gli esemplari adulti solitamente non necessitano di annaffiature, se non in caso di lunghi periodi di siccità; in inverno sospendere le annaffiature, inverni siccitosi sembrano favorire fioriture più abbondanti.


Terreno

jacaranda Le piante di Jacaranda mimosifolia preferiscono terreni sciolti, molto ben drenati e fertili, temono i terreni molto umidi e troppo compatti. In autunno e all’inizio della primavera interrare ai piedi della pianta del concime organico maturo per fornire il corretto nutrimento e favorire la regolare crescita dell'albero glicine. Controllare che nel terreno non si formino ristagni d'acqua, che potrebbero compromettere la salute degli esemplari e portare a marciumi radicali.


Moltiplicazione

La moltiplicazione dell'albero glicine può avvenire per seme o per talea; entrambi i metodi sono consigliati, poiché la pianta cresce abbastanza rapidamente e non ci vogliono troppi anni per ottenere una piccola pianta a partire dal seme. Per i primi due-tre anni le nuove piante vanno coltivate in contenitore in luogo temperato prima di essere messe a dimora, così da permettere loro di acquisire la necessaria forza per sopportare senza problemi il trapianto.


Albero glicine - Jacaranda mimosifolia: Parassiti e malattie

jacaranda mimosifolia Generalmente questa pianta non viene attaccata da parassiti o da malattie. Per una maggiore sicurezza o in presenza di segni che possano mostrare la possibile insorgenza di problemi, è bene intervenire con tempestività, attraverso l'uso di prodotti ad ampio spettro che consentiranno di ottenere una buona protezione per il migliore sviluppo della pianta.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO