Glicine

Glicine: Generalità

glicine

Il nome scientifico è wisteria,

assegnato al glicine in onore del

grande antropologo Kaspar Wistar.

Il glicine cresce nella costa orientale degli Stati Uniti, da dove fu importato

in Europa nel 1700. Soltanto un secolo dopo, però, quando dall'Oriente, e più precisamente dalla Cina e dal

Giappone, arrivarono le splendide

varietà asiatiche, il glicine cominciò

ad essere veramente apprezzato dagli Europei. Per i cinesi ed i giapponesi il glicine rappresenta l'amicizia, tenera e reciproca; si narra, infatti, che gli Imperatori giapponesi, durante i lunghi viaggi di rappresentanza, portassero con sé bonsai di glicine; quando giungevano in luoghi stranieri si facevano precedere dagli uomini del seguito, che sostenevano alberelli di glicine fiorito, al fine di rendere note le proprie intenzioni, amichevoli e di riguardo, per gli abitanti di quelle terre.

Il significato che il dono del glicine ha conservato è quello di segno di disponibilità ed anche prova di amicizia.

Scopri con quali altri fiori puoi esprimere, con il linguaggio dei fiori, il sentimento dell'amicizia.

glicine

Il glicine antico del giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,25€
(Risparmi 0,75€)


Guarda il Video
  • glicine fiore Il glicine e i suoi fiori dai petali colorati nelle tonalità del blu, lavanda, rosa, viola, è conosciuto in estremo orie
    visita : glicine fiore
  • glicine significato Per il suo modello di crescita, il glicine dai fiori profumati è uno degli esempi più originali di vite rampicante legno
    visita : glicine significato



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a ottobre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO