Lino della Nuova Zelanda - Phormium tenax

Generalità

Il Phormium tenax o lino della Nuova Zelanda è un arbusto sempreverde originario della Nuova Zelanda. Costituisce ampi cespi di lunghe foglie nastriformi, lunghe anche 120-150 cm, che con il tempo superano i due metri di altezza. Le foglie sono di colore verde brillante, ma esistono ibridi a foglia variegata, tricolore o porpora; in estate producono infiorescenze a pannocchia formate da fiori tubolari bianchi o rosati, all'apice di fusti alti anche 3-4 metri. I phormium tenax fioriscono difficilmente se posti a dimora in vaso o in zone con inverni molto rigidi. Queste piante abbastanza particolari non si trovano molto facilmente nei nostri giardini, ma si addicono ad essere affiancate sia alla flora mediterranea, sia alle perenni da fiore o ai piccoli arbusti. Si possono coltivare anche in vaso, sia in giardino, sia in appartamento, in questo caso si mantengono entro dimensioni abbastanza modeste.

Il Phormium è diventato, negli ultimi anni, una pianta di gran moda ed è ormai facilmente reperibile in moltissimi vivai, dai più forniti ai più piccoli.

Un tempo era impiegato solamente nelle aiuole delle città di mare: è difatti decorativo in ogni periodo dell’anno (grazie alle foglie persistenti), la manutenzione è limitatissime e, nelle giuste condizioni, si rivela resistente ad ogni tipo di avversità.

Grazie al lavoro degli ibridatori la gamma di cultivar si è enormemente arricchita. Sul mercato ne possiamo trovare in mille sfumature e dimensioni diverse. È sempre più facile trovarne una che si adatti alle nostre esigenze, sia che vogliamo inserirla in giardino sia che vogliamo tenerla in vaso, per arredare un balcone o un terrazzo. Oltre alla robustezza, il punto forte di questa erbacea è senz’altro il suo aspetto architetturale e grafico che si sposa magnificamente con l’arredamento contemporaneo e con gli spazi verdi minimalisti.

Phormium


Caratteristiche del Phormium

Il genere Phormium comprende 2 specie di piante sempreverdi provenienti dalla Nuova Zelanda e dall’isola di Norfolk. Crescono in una grande varietà di ambienti diversi, dagli acquitrini alle falesie costiere ai pendii montani. Si tratta di piante cespitose con radici profonde e carnose. Le foglie sono lunghe e nastriformi, coriacee e fibrose, con per lo più apice incurvato. Gli steli sono robusti e si ramificano rigidamente ad angolo retto; in estate recano i fiori, a spiga, nei colori dal rosso all’arancio al giallo.

IL PHORMIUM IN BREVE
Famiglia, genere, specie Phormiaceae, gen. phormium , 2 specie: tenax e cookianum
Nome comune Lino della Nuova Zelanda
Tipo di pianta Erbacea cespitosa a fogliame persistente
Altezza a maturità Da 30 a 3 m
Larghezza Da 50 cm a 2 m
Manutenzione Bassa e facile
Necessità idrica media
Velocità di crescita Normale
Propagazione Seme, divisione
Rusticità Da semirustica a rustica (a seconda della cultivar): da -12° a -7°C
Esposizione Sole-mezz’ombra
Impiego Bordura, siepe bassa, giardino roccioso, esemplare isolato, vaso all’esterno
Terreno Non esigente, possibilmente leggermente argilloso e profondo
Umidità del suolo Leggermente umido

Il Phormium tenax è caratterizzato da foglie erette, grigie nella pagina inferiore, lunghe fino a 3 metri, spesso bordate di rosso o arancio. Gli steli fiorali svettano sul fogliame con abbondanti fiori rossastri di circa 4 cm di diametro.

Il Phormium cookianum si distingue dal precedente per le foglie ricurve, con una vistosa colorazione rosata alla base. Sono di solito lunghe fino a 2 metri. In estate producono fiori verdognoli o gialli. Si adatta meglio a diverse condizioni colturali.

Le cultivar in commercio derivano dall’ibridazione tra queste due specie. In base all’estetica delle foglie vengono suddivise in:

- Erette con fogliame rigido ed eretto

- Allargate con foglie meno rigide, ma sempre erette, con apici ripiegati

- Ricurve: foglie morbide e meno sostenute, che si incurvano molto i cui apici, spesso, toccano il suolo

- Ritorte foglie piccole e rigide, carenate, con margini ondulati e ritorti

- Nane foglie riunite in uno stretto cespo e dalle dimensioni contenute


  • Formio Da molti anni reperibili nei vivai i Phormium, originari della Nuova Zelanda, solo ultimamente vengono utilizzati nei giardini; fino ad alcuni anni fa erano diffuse in Europa prevalentemente varietà d...
  • piante da giardino In questa sezione parliamo di arbusti.Una raccolta di schede dettagliate sulle diverse specie coltivate nei nostri giardini.I consigli per una giusta scelta in base alle esigenze della vostra aiuo...
  • Mimosa  La mimosa (acacia dealbata) è un albero originario della Tasmania, ma che, giunto nel nostro paese verso la metà del 1800, si è adattato benissimo al clima della Riviera Ligure e a quello delle region...


Esposizione

Phormium Le piante di Lino della Nuova Zelanda vanno poste a dimora in luogo soleggiato o all'ombra parziale, purchè molto luminosa; i phormium tenax possono sopportare temperature vicine ai -8°C, quindi nelle zone con inverni molto freddi è bene porli a dimora in luogo riparato dal vento, e coprirli con tessuto non tessuto durante le fredde giornate invernali.

Se coltivati in piena terra possono essere esposti in pieno sole senza particolari problemi, se piantati in vaso, richiedono zone soleggiate ma al riparo dai raggi diretti.

Sotto questo aspetto sono molto adattabili: crescono bene sia in pieno sole sia a mezz’ombra. In quest’ultimo caso bisogna però curare particolarmente lo sgrondo delle acque accertandoci che non vi siano ristagni soprattutto durante la stagione invernale.


Annaffiature

phormium Il Lino della Nuova Zelanda non necessita di annaffiature eccessive, in quanto sopporta senza problemi la siccità, purchè di breve durata; annaffiare sporadicamente, intensificando un poco le annaffiature durante i mesi estivi. Controllare che il terreno mantenga la giusta umidità senza presentare eccessivi ristagni d'acqua che nuocerebbero alla pianta.

Alla fine dell'inverno interrare nei pressi della pianta del concime organico, oppure spargere sul terreno del concime granulare a lenta cessione per piante verdi.

Le irrigazioni devono essere piuttosto frequenti, specialmente in estate. Non lasciamo mai asciugare completamente il terreno tra una somministrazione e l’altra.


Terreno

phormium Per una corretta coltivazione, le piante di Lino della Nuova Zelanda vanno poste a dimora in terreno sciolto, profondo e ben drenato, abbastanza ricco di materia organica.

Se coltivati in vaso è bene ricordarsi di rinvasarli ogni 2-3 ani, per permettere uno sviluppo adeguato delle radici ed evitare che la pianta soffra per la mancanza di spazio vitale per il suo corretto sviluppo.

Il lino della Nuova Zelanda è una pianta che dà il meglio di sé come esemplare isolato o nei giardini rocciosi, in particolare quelli sassosi dove il colore e la forma delle sue foglie risalta al meglio.

Un suolo ben pacciamato è anche quello che gli permette una crescita vigorosa, preservando sempre un minimo di umidità a livello radicale.

Da questo punto di vista si rivelano più resistenti gli ibridi di Phormium cookianum, capaci di sopportare anche brevi periodi di siccità, aree ventose e suoli meno profondi. In questo caso è però imperativo che il drenaggio risulti sempre ottimale, per evitare l’insorgere di marciumi radicali.

Il P. tenax è invece tendenzialmente più delicato e meno adatto al giardino mediterraneo. Necessita infatti sempre di una buona umidità a livello radicale visto che i suoi luoghi di origine sono gli acquitrini e le paludi.

La vicinanza del mare non crea quasi mai problemi perché tollerano bene la salsedine.


Moltiplicazione

La moltiplicazione delle piante di Lino della Nuova Zelanda avviene per divisione dei cespi, alla fine dell'inverno, oppure per seme in primavera.

Per la riproduzione in cespi si procede, dopo aver eliminato tutte le foglie, a togliere con cura il cespo cercando di evitare di danneggiare le radici; a questo punto con un coltello affilato si dividono i rizomi che andranno piantati, ricordandosi di interrarli non troppo in profondità per evitare che possano marcire. Per la semina è consigliabile utilizzare delle cassette con terreno sciolto.

La propagazione tramite seme non preserva le caratteristiche peculiari delle cultivar e viene quindi sconsigliata.

Un ottimo metodo è invece la divisione dei cespi, da effettuarsi tra marzo e aprile su piante di almeno 2 anni di vita.

IL CALENDARIO DEL PHORMIUM
Messa a dimora Marzo a maggio o da settembre a ottobre
Fioritura luglio-agosto
Pulizia marzo-aprile
Divisione marzo-aprile
Semina marzo-maggio/settembre-ottobre
Ritiro o copertura invernale novembre


Parassiti e malattie

phormium I phormium tenax sono piante piuttosto rustiche e resistenti e non vengono attaccate spesso da parassiti e malattie; temono l'attacco della cocciniglia e della ruggine e possono presentare problemi in caso di ambienti troppo umidi e freddi o di un'eccessiva presenza di acqua che può provocare marciumi radicali pericolosi.

Raramente i parassiti attaccano questa pianta. Può capitare che gli esemplari giovani vengano attaccati dalla cocciniglia farinosa. Questa può essere rimossa manualmente o aiutandosi con del cotone imbevuto di alcool.


Rusticità

phormium striato È generalmente classificata come mediamente rustica, anche se vi sono cultivar più o meno resistenti ai rigori invernali.

In linea generale diciamo che è sempre meglio non scendere sotto i -10°C, ma per alcune già i -5°C potrebbero risultare fatali. Molto può dipendere dalla durata delle gelate, dalla presenza del vento (che dissecca molto le foglie) e dall’adeguatezza del substrato.

Nel Centro-Sud Italia e sulle coste (ad eccezione delle aree appenniniche) la coltivazione può essere effettata ovunque senza problemi di sorta.

Nella Pianura Padana optiamo possibilmente per le più resistenti e scegliamo una collocazione riparata. L’ideale è inserirle nei pressi di un muro esposto a Sud. Imprescindibile sarà la predisposizione di una spessa pacciamatura. Piante di dimensioni ridotte possono essere coperte con un doppio o triplo strato di tessuto non tessuto o della plastica trasparente. In alternativa è possibile la coltivazione in grandi vasi da spostare in serra fredda durante l’inverno.


Come piantare il Phormium

La messa a dimora può essere effettuata in autunno (nelle aree con inverni miti) o in primavera (nelle regioni settentrionali).

Come procedere?

Si trovano di solito in vendita in vaso.

Lavoriamo in profondità il terreno per renderlo soffice e aerato. Se risultasse eccessivamente compatto è bene estrarlo e inglobarvi una buona quantità di terra di foglie, sabbia e qualche manciata di stallatico ben stagionato. Sul fondo della buca predisponiamo uno spesso strato drenante a base di ghiaia. Inseriamo la pianta in maniera che il colletto risulti allo stesso livello di quando era in vaso. Compattiamo col terriccio rimanente e irrighiamo, continuando assiduamente per almeno il primo mese, in mancanza di piogge.


Cure colturali

• E’ necessario rimuovere le foglie vecchie ad inizio primavera (o eventualmente tagliarle tutte a livello del suolo, in maniera che si rinnovino completamente).

• Da inizio stagione all’autunno, per stimolare la crescita, è consigliata la distribuzione di un concime equilibrato per piante verdi, liquido o granulare a lenta cessione.

• Ogni due -tre anni è essenziale procedere, alla fine dell’inverno, alla divisione dei cespi sia che la pianta viva in piena terra sia che viva in vaso. In particolare si rende necessario l’intervento dopo la fioritura. I cespi che hanno fiorito, infatti, deperiscono in breve tempo ed è bene eliminarli per lasciar crescere quelli più giovani, creatisi intorno.

• Controlliamo sempre che il terreno circostante risulti ben pacciamato, soprattutto in estate: ciò aiuterà a mantenere fresche le radici, dilazionando gli interventi idrici.


Lino della Nuova Zelanda - Phormium tenax: Varietà Phormium

DIMENSIONINOMEFOGLIAME E ALTEZZAPORTAMENTOALTRE CARATTERISTICHE
Grandi dimensioni(da giardino) Phormium tenax (specie tipo) Fogliame rigido e coriaceo verde medio, fino a 3 m di altezza e 2 di larghezza. eretto Fino a -10°C
 Phormium tenax 'Variegatum' Striate di crema e bianco. H fino a 2,5 m eretto Fino a -10°C
 Phormium tenax 'Purpureum'e ‘Atropurpureum” Marrone scuro, porpora o rame.

H fino a 2,5 m

 eretto 
 Phormium 'Yellow Wave' Foglie ampie, ricurve, gialle variegate di verde

90 cm

 ricurvo 
 Phormium 'Pink Stripe' Verde oliva con margini rosa vivace.

Fino a 1,8 m

  Molto decorativo, fino a -8°C
Medie dimensioni (da giardino e grande vaso) Rainbow Chief Grandi, verde bronzo lunghe fino a 1,5 m, striate di rosa verso i margini ricurvo Fino a – 8°C
 Phormium 'Jester' Striature rosa brillante e verdi, più verdi verso il margine con nervatura centrale pallida e margini arancio. Fino a 1,2 m ricurvo 
Phormium 'Pink Panther' Rosa brillante striate di grigiastro bruno verso i bordi e margini bruni ricurvo 
 Phormium cookianum

(Specie tipo)

 Ciuffi di foglie morbide fino ad 1,60 m, rosate ricurvo Molto resistente e poco esigente.

Fino a -10°C

 Phormium 'Dazzler' Molto vistose, bronzo con striature rosse 0,90 m  ricurvo Resistente e dal colore vivace
 Phormium Dusky chief Abbondanti, nero porpora con centro più chiaro e margini rosso intenso eretto 
 Phormium cookianum 'Tricolor' Molto ricurve con numerose striature crema e margine rosso  ricurvo 
 Phormium tenax 'Apricot Queen' Foglie giovani albicocca tenue, poi verde arancio giallognolo con margine bruno.0,70 m allargato 
 Phormium 'Maori Maiden' Zona centrale rosa salmone che sfuma in giallo rosa, margini bronzo verdognoli. Fino a 90 cm ricurvo 
 Phormium Maori Sunrise Ciuffi bassi di foglie ricurve rosa salmone al centro, sfumato dal giallo al bronzo, verdastro ai margini. 90 cm ricurvo Molto decorativo, fino a -8°C
 Phormium Flamingo Da rosa a rosa scuro con striature verde grigiastro e margini più grigi. 90 cm ricurvo 
Piccole imensioni (da giardino evasi medi)Phormium 'Duet' Rigide, verdi al centro e striate di bianco-crema ai margini

Circa 30 cm

 allargato 
 Phormium Surfer Bronze Foglie alte, ondulate, bronzo con margini più scuri, 40 cm ritorto 
 Phormium Thumbelina Rosso bronzo con striature più chiare e margini molto scuri, 30 cm

 ritorto 


Guarda il Video
  • phormium Da molti anni reperibili nei vivai i Phormium, originari della Nuova Zelanda, solo ultimamente vengono utilizzati nei gi
    visita : phormium



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Consigliamo di annaffiare la pianta solo se il terreno è completamente asciutto, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO