Calendola

Calendola: Generalità

calendola

Il termine calendola deriva dal latino calendae che vuol dire primo giorno del mese. Il significato del nome con il quale si indica questo fiore è da attribuirsi sia al

fatto che la sua fioritura avviene, nelle

zone a clima temperato, un po' sempre, in ogni periodo dell'anno, sia al fatto che i fiori si aprono al mattino e si richiudono al tramonto. Nonostante la bellezza ed i colori delicati dei fiori, la calendola è nel linguaggio dei fiori sinonimo di sofferenza

e dolore. Nella mitologia greca il dolore

veniva per l'appunto rappresentato da un giovane che portava con sé una ghirlanda di calendole

calendola





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO