Fucsia - Fuchsia

vedi anche: Fucsia - Fucsia

Fucsia: Generalità

fucsia

Proviene dal Messico, dove cresce ad alberello. In Europa arrivò nel '700,

grazie ai marinai delle navi inglesi, che tornando dall'America meridionale, ne portarono con sé alcuni esemplari. La tradizione britannica narra che il

botanico James Lee notò la fucsia,

per la prima volta, sul davanzale della finestra di una casa dei sobborghi di Londra. Chiese, così, alla proprietaria

di regalargliela; la signora però si rifiutò in quanto la pianta le era stata donata

dal figlio marinaio di ritorno da un lungo viaggio oltreoceano. Sir Lee dovette accontentarsi di alcune talee, grazie alle quali riuscì a riprodurre la fucsia in serra. Da quel momento il suo vivaio divenne meta di tantissimi visitatori, che giungevano da ogni parte del Paese per ammirare lo splendore di quella pianta così strana e che mai avevano visto prima. Per la forma dei suoi fiori, il suo portamento ed i suoi colori così eleganti,

la fucsia è considerata sinonimo di grazia e leggiadria.

fucsia

Femminile esorbitante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,9€
(Risparmi 2,1€)


Guarda il Video
  • fiori fucsia Al genere fucsia appartengono circa un centinaio di specie di arbusti a foglia caduca o sempreverdi, originari dell’Amer
    visita : fiori fucsia



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO