Innesto a spacco

vedi anche: Innesto

Innesto a spacco:

innesto a spacco

L’innesto a spacco viene praticato sulle piante ornamentali o da frutto per innestare una specie più pregiata su una specie meno pregiata; si utilizzano in genere portainnesto e marze di dimensioni simili o paragonabili e si pratica a fine inverno o inizio primavera, quando le gemme cominciano ad ingrossarsi.

Tradizionalmente si procede tagliando tutta la parte superiore del fusto o del ramo porta innesto, quindi si pratica uno spacco nel ramo portainnesto, profondo circa 4-5 cm, cercando di praticare lo spacco ben al centro del ramo o del fusto.

La marza deve essere già lignificata, quindi prelevata da rami che abbiano almeno un anno, con gemme ben gonfie e sane; sotto la prima gemma dovremo lasciare più o meno tanto legno quanto è profondo lo spacco nel portainnesto, dopo aver praticato sull’innesto dei tagli obliqui in modo da ottenere un apice appuntito e liscio, con la maggior quantità di legno vivo esposta.

Procediamo infilando la marza nello spacco, infilandola fino alla prima gemma; quindi assicuriamo la marza al portainnesto legando strettamente il portainnesto con della rafia bagnata o con apposito filo da innesti; per evitare l’insorgenza di malattie copriamo la parte esposta di legno vivo con del mastice per innesti.

L’innesto a spacco si può praticare anche in modi differenti, con incisioni nella marza e ne porta innesto di forme particolari; l’importante è che i due tagli, ovvero quello praticato nell’innesto e quello praticato nel portainnesto, siano complementari, e che l’avvicinamento delle due parti porti ad una superficie liscia e compatta.

innesto a spacco

Third person

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,81€


Guarda il Video




COMMENTI SULL' ARTICOLO