Giardini Zen

vedi anche: giardino

Generalità

La filosofia zen si origina con il buddismo e influenzata dal taoismo, questa non si prefigge l’obiettivo di poter far raggiungere qualcosa ma solo di riconoscere ciò che da sempre esiste. Lo zen invita a guardare le cose per ciò che sono effettivamente nella loro naturale e semplice consistenza, lo zen conferisce particolare importanza alla meditazione per calmare la mente e il corpo. Il giardino zen è un luogo che è studiato appositamente per ricreare uno spazio adeguato dove la mente possa rasserenarsi e dove ogni elemento assume un particolare significato. Accostandosi a questa cultura è possibile scoprire come il giardino può trasformarsi in parte integrante di questa filosofia.
zen

Pajoma 18430.0 - Fontanella da interni con pietre, in poliresina, 25 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,39€


Cos'è

giardino zenIl giardino zen appartiene alla cultura giapponese, e non rappresenta solo un luogo adiacente all’abitazione che abbellisce lo spazio verde con piante e fiori, ma è un luogo molto importante nella loro tradizione, perché conferisce anche un’importanza specifica a quelli che sono gli elementi che lo compongono. Il karesansui è il giardino più comune dove si fondono tre elementi molto importanti: l’acqua, le pietre e le piante. L’acqua ad esempio è identificata con fiumi di ghiaia. Ogni elemento assume un particolare significato, perché nel giardino zen anche la disposizione degli stessi elementi ha un significato ben preciso. Il concetto di giardino zen si fonde assieme al buddismo diventando così un luogo anche religioso. Quando si parla di giardino zen, spesso s’identifica anche con il nome di 'giardino secco', giardini che non appartengono solo allo spazio privato ma anche a quello pubblico. Il termine zen comparve nel 1935 nel libro di Kuck. Nel sesto secolo il giardino zen ha iniziato a svilupparsi assieme al buddismo zen. I sacerdoti zen hanno conferito al giardino un ruolo importante, quello di aiutare a comprendere questa filosofia. I principi sono assai lontani e continuano ancora oggi a essere tramandati come un tempo.

  • giardino giapponese Da secoli in Giappone il giardino rappresenta una parte importante della casa, da un lato assume un forte significato di status simbol: i grandi templi e le case dei nobili un tempo non potevano non a...
  • giardino zen Un giardino zen è un’ottima opportunità per imparare ad ammirare i fiori e i frutti, per rimanere ancora incantati dal ciclo della vita che segue le stagioni, dimenticandosi per un attimo dell’abitudi...
  • Giardino zen Buongiorno, vorrei cortesemente sapere che tipo di piante e fiori mettere sul mio balcone, vivo a busto arsizio, che riproducano un po' un giardino zen. Grazie Saluti. ...
  • I giardini orientali si ispirano alla millenaria tradizione asiatica, dove lo spazio esterno viene concepito come un luogo di meditazione e di pace. Con il progressivo incontro tra le culture occident...

SABBIA FINE BIANCA 25KG - fondo acquario, sabbia posacenere, sabbia giardino zen

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19€
(Risparmi 2€)


Costruire un giardino zen

Un giardino zen è costituito da molti elementi naturali che servono per il relax della mente. Non occorrono spazi smisurati ma solo una corretta conoscenza del concetto di giardino zen affinché sia riprodotto rispettando quanto la filosofia ha tramandato. Le rocce e la sabbia sono fondamentali: le rocce servono per creare dei monti e la sabbia le onde del mare. Le isole sono piuttosto importanti in quanto sono il luogo fondamentale della meditazione. Inoltre rappresentano la salute, la longevità e l’immortalità. Come collocare le rocce? Lasciatevi trasportare dalla vostra sensibilità e poi prendete un rastrello per creare delle linee continue. Ogni elemento del giardino ha un suo significato piuttosto importante, introducendo dei ponticelli si rappresenta un passaggio per attraversare il mare e raggiungere un altro luogo. Il giardino zen è un luogo anche di contemplazione, di riflessone, solo chi effettivamente si accosta a questa filosofia spinto da vivo desiderio può effettivamente capire l’importante significato che riesce a racchiudere il giardino. Pochi elementi che però sanno creare un ambiente assai particolare, dove ciascuno di essi non è posto casualmente in un luogo ma vi ci si trova perché esprime un significato ben più profondo di ciò che appare osservandolo con superficialità. Le linee tracciate sulla ghiaia servono a concentrare l’attenzione, sono così essenziali ma molto significative. La cascata è un altro elemento piuttosto importante, particolare attenzione si mostra in riferimento al modo in cui l’acqua cade, un elemento naturale che permette di immergersi a pieno nella natura anche grazie al suo piacevole rumore. Tutto deve generare armonia, anche lo stesso rumore dell’acqua della cascata che cade sulle pietre. L’armonia della natura serve a migliorare la concentrazione e a ritrovare il proprio benessere. Essenzialità e minimalismo dominano il giardino zen, dove per ogni pianta si presta una cura e un’attenzione particolare. Il giardino zen può essere realizzato personalmente se si conoscono tutte le nozioni base della filosofia zen altrimenti, ci si può rivolgere a delle ditte specializzate nella progettazione di giardini, che saranno certamente in grado anche di realizzare questo giardino, considerato piuttosto particolare in Italia.


Giardini Zen: Cultura giapponese e giardino zen

Il giardino zen appartiene alla cultura giapponese, non è un elemento statico e immutabile ma variabile secondo il susseguirsi delle stagioni. Le piante sono disposte ad arte in maniera tale che in ogni angolo del giardino, in ogni periodo, si possa sempre ammirare una bellezza differente. La tradizione sottolinea come il giardino zen sia affiancato in maniera piuttosto unica al rito del tè, e nell’area dedicata a questa specifica funzione, ci si ritrova anche per scrivere poesie.


Guarda il Video
  • giardini zen La creazione del perfetto giardino zen richiede una buona conoscenza della cultura giapponese, o quantomeno almeno un'in
    visita : giardini zen

COMMENTI SULL' ARTICOLO