Ginco - Ginkgo biloba

Generalità

albero deciduo a portamento colonnare, appartenente ad una delle famiglie più antiche esistenti in natura, ne sono stati ritrovate le caratteristiche foglie in fossili di milioni di anni, vicina alle conifere; in natura può raggiungere i trenta metri di altezza. Presenta foglie molto particolari, verde chiaro, a forma di ventaglio, che diventano giallo-oro durante l'inverno, e crescono a mazzetti su rami molto corti. Gli esemplari femmina producono frutti a due lobi, dello steso colore delle foglie, che emanano un odore sgradevole. La corteccia è liscia e setosa, di colore sabbia. Abbastanza coltivata come bonsai, solitamente si trova nelle taglie medie o grandi, poiché la dimensione delle foglie rimane abbastanza grande.
ginco bonsai


Potatura

si effettua in tardo autunno o in inverno, solitamente dopo la caduta delle foglie, ricordando di mettere del mastice cicatrizzante sulla superficie di taglio. I germogli si cimano lasciando 1-2 folgie. Il filo metallico non si applica, sia perché lascerebbe cicatrici indelebili sulla corteccia, sia perché i rami del ginkgo difficilmente prendono la forma desiderata; solitamente la forma si incoraggia con la potatura.

  • Ginco Il Ginkgo Biloba è un albero originario della Cina, completamente rustico e dal portamento eretto. Lo sviluppo della pianta può avvenire in altezza (fino ad un massimo di 40 metri) e in larghezza (fin...
  • Il Ginkgo biloba è un albero maestoso, a foglie decidue, diffuso in coltivazione in tutto il mondo; è un albero a crescita abbastanza lenta, con un bel fogliame a ventaglio, che diviene di colore gial...
  • zolfo piante Lo zolfo svolge sulle le piante due importanti funzioni: nutizione e cura dalle malattie fungine. Riguardo la nutrizione lo zolfo è considerato un elemento secondario (mesoelemento) importante per l...


Esposizione ed annaffiature

Esposizione: gradisce le posizioni soleggiate, molto luminose. In estate è opportuno porlo in luogo leggermente ombreggiato; in inverno evitare di esporlo a gelate troppo persistenti coprendolo con tessuto-non-tessuto o mettendolo in serra fredda.

Annaffiature: non necessita di cospicue quantità d'acqua, fornite acqua in quantità moderata molto frequentemente in estate, più raramente in inverno. Aggiungete del concime per bonsai all'acqua delle annaffiature ogni 20 giorni durante la stagione vegetativa.


Ginco - Ginkgo biloba: Altri consigli

Terreno: la composta ottimale si può preparare mescolando torba, sabbia e argilla in parti uguali. Il ginkgo si rinvasa ogni anno, ala fine dell'inverno. Gli esemplari più vecchi si possono rinvasare ogni 2-3 anni.

Moltiplicazione: si può seminare in primavera. Moltiplicare per talea legnosa in autunno.

Parassiti e malattie: non viene colpito da malattie e parassiti. Se il clima è particolarmente umido talvolta può venire attaccato da cocciniglia, difficilmente visibile, in quanto dello stesso colore della corteccia.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO