Bosso - Buxus harlandii

Generalità

questo arbusto fa parte di una famiglia originaria dell'Asia e dell'Europa, in particolare questa varietà proviene da Taiwan, in natura raggiunge i 12-15 metri di altezza, ma ha una crescita molto lenta. Presenta foglie più piccole delle altre varietà, ovali, verde scuro, produce piccoli fiori bianchi in autunno; la corteccia è marrone chiaro, molto rugosa e contorta, piacevole al tatto; i rami sono molto densi e compatti; è una pianta molto adatta ad essere coltivata come bonsai da interno, non presenta molte difficoltà.
Buxus harlandii bonsai


Potature ed esposizione

bonsai di bosso Potature: si pota per tutta la stagione vegetativa, da primavera ad autunno inoltrato, è bene praticare una potatura vigorosa a fine fioritura. Si può applicare il filo metallico durante tutto l'anno, prestando particolare attenzione a non rovinare la bella corteccia, poichè le cicatrici scompaiono molto lentamente.

Esposizione: ama le posizioni luminose, ma non i raggi diretti del sole; in estate si può portare all'esterno, proteggendolo dal sole e dal caldo eccessivo. In inverno si ricovera all'interno, possibilmente vicino ad una finestra.

  • fritillaria meleagris alba La fritillaria Meleagris è una bulbosa perenne originaria dell'Europa e dell'Asia settentrionale. A fine inverno i bulbi producono lunghe foglie lineari, simili ad erba, di colore verde brillante, e f...
  • fritillaria imperialis Il nome fritillaria indica un ampio numero di bulbose, diffuse in Africa, Asia ed Europa; alcune specie sono diffuse in natura anche in Italia. Tutte le specie di questo pianta, chiamata anche bossolo...
  • Bosso in vaso La pianta conosciuta come Bosso Comune è un albero e l’esponente più conosciuto della famiglia delle Buxaceae. Questa contiene 4/5 generi (a seconda delle classificazioni) con circa 60 specie di alber...
  • Bosso Gentilissimi Esperti di Giardinaggio, nel mio giardino mia moglie credo abbia creato da ben 10 anni una siepe di BOXUSVIRENS. La domanda che vi faccio, a conferma di quanto leggo sulle varie sch...


Bosso - Buxus harlandii: Altri consigli

bonsai di bosso Annaffiature: va annaffiato spesso durante i periodi più caldi dell'anno, possibilmente per immersione, lasciando asciugare bene il terreno tra un'annaffiatura e l'altra; in inverno fornire acqua sporadicamente, se l'ambiente è molto riscaldato vaporizzare le foglie con acqua non calcarea. Fornire concime con l'acqua delle annaffiature, ogni 10-12 giorni, da maggio a settembre, ogni mese durante il resto dell'anno.Terreno: il terriccio migliore per questa pianta è costituito da un miscuglio di una parte di torba, una parte di sabbia e due parti di argilla. Il bosso va rinvasato ogni anno, dall'inizio della primavera all'inizio dell'autunno, potando le radici.Moltiplicazione: si moltiplica prelevando delle talee di legno maturo in primavera lunghe 5-7 cm, si pongono a radicare in un composto di sabbia e torba in parti uguali, che va mantenuto umido.Parassiti e Malattie: il bosso soffre spesso di marciume radicale, evitare quindi i ristagni idrici; può essere attaccato da afidi e da ragnetti rossi.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, illuminato direttamente dai raggi solari per poche ore al giorno.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO