Olmo - Ulmus parvifolia

Generalità

albero o piccolo arbusto proveniente dall'Asia, che in natura può raggiungere i 20-25 metri di altezza. Presenta foglie più piccole di quelle degli olmi europei, lucide e dentellate, ovali, verde scuro. La corteccia è marrone, a chiazze chiare negli esemplari adulti, i rami sono fini e molto numerosi. Questa pianta è molto utilizzata come bonsai per le dimensioni dei rami e delle foglie; essendo una pianta molto robusta è consigliabile anche per i principianti, infatti si riprende facilmente da periodi di siccità o da eccessive bagnature, anche nei casi in cui le cure sbagliate ne abbiano causato una precoce defoliazione.
olmo bonsai


Potature

generalmente si pota in autunno, alla fine della stagione vegetativa. A cominciare dalla primavera, fino all'inizio dell'autunno, si procede alla cimatura dei germogli, lasciandoli crescere di parecchi centimetri prima di tagliarli lasciando 2-3 paia di foglie. Solitamente non si applica il filo metallico, salvo casi in cui sia strettamente necessario, ma si tende a formare la chioma con opportune potature.

  • Ligustro Originario dell'Europa centro meridionale e dell'Africa settentrionale, il genere comprende 45 specie di arbusti e piccoli alberi sempreverdi o decidui usati per formare siepi.Spontaneo in Italia, è...
  • Carpino è una pianta di media grandezza diffusa in Europa, nord America e Asia, in natura può raggiungere i trenta metri di altezza.Presenta foglie verde chiaro, piccole, ovali, pieghettarte, che in autunno...
  • Frassino bonsai Il genere fraxinus conta circa una decina di alberi e arbusti a foglia caduca, originari dell'Europa, dall'Asia e dal nord America; F. excelsior è un albero originario dell'Europa, che in natura raggi...
  • Ulivo Bonsai Pianta sempreverde originaria del bacino mediterraneo, con piccole foglie ovali allungate di colore grigio verde, tronco rugoso grigio, che scurisce con l'età della pianta, e rami nodosi; in natura cr...


Annaffiature e terreno

Annaffiature: gradisce una costante umidità, va quindi annaffiata moderatamente ma spesso, lasciando asciugare un po' il terreno tra un'annaffiatura e l'altra. Sopporta abbastanza bene periodi brevi di siccità, teme i ristagni idrici. Durante la stagione vegetativa aggiungere concime per bonsai ogni 15 giorni all'acqua delle annaffiature.

Terreno: l'olmo preferisce terreni argillosi, ma ben drenati, preparare una composta mescolando una parte di torba, una parte di sabbia e tre parti di argilla. Se non presenta particolari problemi di crescita si rinvasa ogni 2-3 anni, a fine inverno, appena prima dell'inizio della stagione vegetativa.


Olmo - Ulmus parvifolia: Moltiplicazione e parassiti

Moltiplicazione: per talea, da praticarsi in primavera.

Parassiti e malattie: è una pianta abbastanza resistente alle malattie. Talvolta viene attaccata da afidi e cocciniglie.


  • bonsai olmo Bonsai da esterno contraddistinto da una versatilità molto apprezzata, il bonsai olmo è una pianta tanto resistente quan
    visita : bonsai olmo



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare saltuariamente, lasciando asciugare il terreno per alcuni giorni prima di annaffiare nuovamente; è meglio lasciare il terreno asciutto più a lungo piuttosto che bagnare eccessivamente.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO