Cedro del Libano - Cedrus libani



In questa pagina parleremo di :Cedro albero

Generalità

conifera sempreverde dalle dimensioni imponeneti originaria dell'Asia Minore. Ha crescita lenta e può raggiungere i 30-40 metri di altezza; la corteccia è scura e scabra, gli aghi sono corti, verde scuro, e spuntano riuniti in ciuffi che ne contano anche 20-30. Gli esemplari giovani hanno chioma piramidale, densa, con i rami che tendono verso l'alto; con l'età questa pianta tende a prendere una conformazione ad ombrello e i rami assumono una posizione orizzontale. In primavera produce grosse pigne erette, con l'apice appiattito; i semi sono simili a scaglie e maturano a fine estate.

CEDRO LIBANI della MONTAGNA della GENTE di AGRICOLTURA di c1920 LIBANO - 31,6€

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,6€
(Risparmi 15,8€)

Cedro del Libano

Il Cedro del Libano è una specie di Cedro originario delle zone montuose del bacino del Mediterraneo e più in particolare dell’Asia Minore, Libano e Turchia sud-occidentale. Si tratta, in generale, di conifere appartenenti alla famiglia delle Pinaceae, molto ornamentali e maestose.

Di questa famiglia fanno parte: il cedro del Libano, il cedro dell’Atlante, il cedro Deodara e il Cedro di Cipro. Alcuni testi considerano questi ultimi tre sottospecie della prima. Altri testi invece li considerano a tutti gli effetti specie a se stanti.

Famiglia, genere e specie Pinaceae, gen. Cedrus Libani
Tipo di pianta Albero, conifera, con foglie persistenti
Esposizione sole
Rustico Abbastanza rustico
Terreno Ricco, soffice, ben drenato
Colori Fiori bianchi (o rosa nelle varietà ornamentali)
Irrigazione Di solito non necessaria
Concimazione Annuale con ammendanti
Propagazione Seme, innesto
Coni Viola-verdi, poi marroni, verso l’alto
Parassiti e malattie Marciumi, cancri rameali, afide del cedro

Esposizione

Cedro pigna

queste conifere amano le posizioni soleggiate, ma crescono senza problemi anche a mezz'ombra. Non temono il freddo o i venti. Non necessitano di annaffiature, poichè tollerano senza problemi la siccità, quindi si accontentano dell'acqua fornita dalla piogge. Poichè gli esemplari giovani tendono a ramificare molto, dando origine anche a ramificazioni molto deboli, si consiglia di potare in primavera i rami deboli, per promuovere l'irrobustimento degli altri. Questa conifera, nel suo habitat di provenienza, è una pianta dominante. Questo significa che diventa molto più alta delle essenze che la circondano e avendo maggior accesso alla luce. Dobbiamo quindi garantirle anche da noi una zona ben luminosa e possibilmente abbastanza aperta in maniera che giunto a maturità possa cominciare ad allargarsi parallelamente al suolo.

Descrizione

Questa conifera può raggiungere i 40 metri di altezza. Gli esemplari hanno portamento a cono espanso. Col tempo però tendono a perdere la punta e assumono una forma a colonna espansa, caratterizzata da bellissimi palchi larghi e appiattiti sorretti da rami di grandi dimensioni. Questo la rende una pianta dalle notevoli dimensioni e facilmente riconoscibile.

Presenta foglie aghiformi, lunghe fino a 3 cm, da verde scuro a grigio-blu. Sono portate singole sui lunghi rami, in densi verticilli invece sui rami laterali, che hanno una crescita più lenta.

La corteccia è grigio scuro e con il tempo tende a sfaldarsi in placche verticali.

Ha fiori maschili che vanno dal verde al blu, gialli però al momento dell’apertura. I fiori femminili, sono gialli ed eretti, su grappoli separati sulla stessa pianta, in autunno. I frutti, conici, hanno una forma molto simile a quella di un barile ed eretti. Sono lunghi circa 12 cm, viola-verdi e poi, maturando, marrone medio.

Terreno

cedrus libani

il cedro del Libano preferisce terreni sabbiosi, poveri, leggermente acidi, ma essendo una pianta molto rustica cresce senza problemi in qualsiasi terreno, anche basico e argilloso. Il cedro del Libano si adatta bene a tutti i terreni, ma, visto che è, nelle zone più piovose, particolarmente soggetto a marciumi radicali, sarebbe meglio inserirlo dove ci sia un terreno soffice, ben drenato e con un pH leggermente acido. Se il nostro substrato non ha queste caratteristiche possiamo sul fondo della buca, inserire una buona quantità di materiale drenante.

Moltiplicazione

avviene per seme, utilizzando in primavera i semi del'anno precedente.

Parassiti e malattie

cedro

viene attaccato in particolar modo dall'afide del cedro, soffre anche di cancri rameali. Si tratta in generale di piante resitenti.

Come abbiamo detto, però, uno degli inconvenienti più frequenti è il marciume radicale. In generale si può solo cercare di prevenirlo con i giusti accorgimenti al momento della messa a dimora. Se dovesse sopraggiungere ugualmente si può provare a distribuire su tutta la zona coperta dalla chioma una buona quantità di prodotto a base di foseti-alluminio, possibilmente in granuli

Il parassita più diffuso in assoluto è l’afide del Cedro, Cinara cedri. Sono insetti di color grigio-verde che vivono sui nuovi germogli pungendoli. Ciò causa delle necrosi che possono estendersi anche a tutto il ramo e causare ampie defogliazioni.

Un ulteriore danno deriva dalla secrezione di melata che sporca le foglie e i rami. È inoltre causa di attacchi fungini e richiama altri insetti (come le formiche).

Si può intervenire somministrando aficidi specifici per questo tipo di piante tenendo presente che il periodo di maggiore presenza è tra maggio e giugno.

Irrigazione

Come tutte le conifere non necessita di irrigazioni, specie se viene messo a dimora in zone non troppo aride. Dovremo sicuramente intervenire nel caso di estati molto calde e siccitose su individui molto giovani o inseriti da poco. Si consiglia però di evitare le irrigazioni troppo frequenti perché potrebbero causare marciumi o asfissie radicali che in questi alberi (di solito con radici molto superficiali e allargate) possono essere causa di improvvisi cedimenti o di sradicamenti causati da vento e forti temporali.

Concimazione

cedro

È molto importante una buona concimazione di fondo per far in modo che la pianta possa svilupparsi velocemente e riprendersi dal trauma della messa a dimora. In quel caso è bene inserire sul fondo della buca abbondante stallatico maturo o concimi organici a base di cornughia o farina di ossa.

In seguito sarà bene arricchire il sottosuolo coprendo il piede della pianta durante l’autunno con ammendanti organici. Questi, penetrandovi, renderanno il terreno più aerato e capace di ospitare batteri che, vivendo in simbiosi con le radici, renderanno i micro e macroelementi di più facile accesso.

Potatura

Generalmente queste conifere non necessitano di potature periodiche. Possono invece rendersi necessarie degli interventi di mantenimento con lo scopo di eliminare rami morti o malati. Al di là di questo è bene limitare al massimo le operazioni perché la pianta crescerà autonomamente con un proprio equilibrio. A questo proposito si sottolinea che in ogni caso diventeranno alberi dalle grandi dimensioni. È bene valutare questo aspetto prima di inserire un Cedro del Libano nel nostro giardino. Potremo godere al massimo della loro bellezza solo se avranno la possibilità di crescere liberamente. Non pensiamo di inserirli, magari nelle vicinanze di un’abitazione, per poi intervenire continuamente con potature. Questo non farà altro che rovinarne l’aspetto naturale oltre che essere veicolo per malattie.

Temperature

temperature

Il cedro del Libano è piuttosto resistente al freddo. Può sopportare temperature fino a -20°C. Al di sotto di questo limite ( e anche al di sopra, soprattutto se in presenza di vento) potrebbe subire dei danni. Naturalmente i soggetti più vulnerabili sono le piante giovani e magari in vaso.

Si consiglia quindi, specie se viviamo al Nord o in zone montane, di coprire bene il tronco e il piede (e eventualmente il vaso) con materiale coibentante almeno durante i primi 3 anni di vita e sicuramente il primo anno dopo la messa a dimora.

Riproduzione

cedro

I vivai specializzati tendono a riprodurre le piante tramite talea (nel mese di novembre) o anche per via gamica. A livello casalingo, e magari per la produzione di bonsai, è possibile provare ad ottenere un esemplare tramite semina. Non è neanche difficile trovare in vendita i semi presso alcuni rivenditori specializzati. Se vogliamo invece procurarceli personalmente dobbiamo sapere che i coni vanno reperiti durante l’inverno e poi tenuti ad una temperatura di circa 20°C: come reazione tenderanno ad aprirsi e potremo estrarne i semi. Andranno inseriti in vasetti contententi un substrato ricco, ma leggero e ben drenato per evitare i marciumi radicali. Si possono tenere all’esterno e in genere germinano in primavera. Appena si vedono spuntare possono essere trapiantate e posizionate in un luogo riparato dove andranno tenute per almeno tre anni. Sono infatti molto sensibili alle temperature rigide e al vento.

Storia usi e tradizioni

cedro aghi

Il cedro del Libano è stato un albero fondamentale per molte diverse civiltà. Il suo legno era utilizzato dai Fenici per la costruzione di navi a scopo commerciale o militare. Era inoltre basilare per l’edificazione di case, palazzi e templi. La sua resina, molto profumata era utilizzata per il processo di imbalsamazione dagli Egizi. È un albero celebrato da tre importanti religioni: il Cristianesimo, l’Islamismo e l’Ebraismo. Il profeta Isaia usò il Cedro del Libano come metafora di orgoglio e speranza e il suo legno fu utilizzato per l’edificazione di edifici sacri come il Tempio di Re Salomone a Gerusalemme e il Palazzo di Davide e di Salomone. Le foreste di queste conifere in Libano e Turchia vennero sfruttate da moltissime civiltà: Greci, Romani, Babilonesi e Persiani. Si ebbe così una sempre maggiore deforestazione e oggi è rimasto molto poco delle estese popolazioni di quei tempi.

L’impatto più visibile si è avuto in Libano e sull’isola di Cipro. Negli ultimi anni però, soprattutto in Turchia, vi è un serio progetto di far rivivere quelle foreste. Sono infatti stati piantati più di 50 milioni di giovani cedri. Anche la popolazione libanese sta tornando ad espandersi grazie anche ad un programma che coniuga la protezione delle popolazioni storiche da parassiti, capre e incendi e l’impianto di nuovi esemplari. Come è noto questo albero è presente sulla bandiera del Libano ed ne è il simbolo nazionale. Purtroppo come risultato di un lungo periodo di sfruttamento, si può affermare che sono rimasti su quel territorio davvero pochi alberi millenari. Questa nazione sta puntando contemporaneamente alla rigenerazione dei boschi e alla preservazione dei vecchi esemplari. Sono state create numerose riserve proprio con questo scopo primario. La più famosa forse è la “Foresta dei Cedri di Dio” nei pressi di Bsharri.

Il legno

legno cedro

Il legno che se ne ricava è massiccio e resistente, oltre che molto aromatico. Viene utilizzato anche in fitoterapia: le foglie e la corteccia possono essere utilizzate a scopo espettorante e antisettico, visto che contengono abbondante olio volatile. Il macerato glicerico delle gemme viene utilizzato per combattere la psoriasi siccome incentivano la rigenerazione del tessuto cutaneo. Il decotto di corteccia è tradizionalmente usato come anticatarrale e antibronchiale grazie al suo aroma fortemente balsamico.

Cedro del Libano - Cedrus libani : In Europa e in Italia

Nel nostro continente questo albero è arrivato solo alla fine del 1700. In Italia i primi esemplari son stati inseriti in Toscana all’inizio del 1800. Attualmente si possono enumerare alcuni esemplari che possono essere definiti monumentali. Si possono ammirare due bei cedri a Ferrara, con un diametro di circa 15 metri. Altri di notevoli dimensioni si possono trovare sull’isola de La Maddalena, a Campobasso, a Como e La Morra, vicino ad Alba (Cuneo).


cedro del libano
cedro del libano
Il cedro del Libano è una conifera perenne ornamentale originaria dell’Asia Minore, la foresta più nota di questa pianta si trova sul Monte Libano e raggruppa centinaia di esemplari, molti dei quali h ...
visita : cedro del libano




Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a novembre in un clima continentale.

  1. Commenti
  2. Invia ad amico

commenti

09:49:46 -
Francesco - commento su Cedro del Libano - Cedrus libani
Per un ordine del comune devo procedere alla potatura del cedro del Libano questa settimana di particolare freddo. Avete qualche consiglio da darmi per limitare i danni e possibilmente per non far morire la pianta? la pianta è in pianura padana
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
22.31.20 -
andrea - commento su Cedro del Libano - Cedrus libani
leggo per caso il tuo commento e a momenti svengo...ma cosa abbassi??!!che tagli??!!se non sei sicuro della stabilità dell'albero (molte volte posto a dimora in posti assurdi 30 anni fa!!!) chiama qualcuno che ne sa, che studia alberi ogni giorno e fatti fare una valutazione completa della stabilità...se sarà il caso verrà potata se no potrai convivere più serenamente con un albero bellissimo! senza rancore A
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
10.54.53 -
sergente hartman - commento su Cedro del Libano - Cedrus libani
x filippo I tuoi hanno anche figli normali?
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
19:58:10 -
Caterina - commento su Cedro del Libano - Cedrus libani
Aiutatemi!!!! I miei hanno abbattuto completamente il ns cedro del libano... il MIO cedro che ha accompagnato la mia crescita da bambina facendo capolino sempre più alto davanti alla finestra della mia camera... sono passati 35 anni dall'inizio del ns privatissimo dialogo... e ieri sono passata dai miei e... non c'era più.... i suoi mille pezzi coprivano metà giardino... Mi restava solo una cosa da fare: chiedere un ramo da conservare. Ora ce l'ho qui con me ma non so come impedirne il deperimento... gli aghi cadono copiosi e vorrei sapere se esiste un modo per "imbalsamarlo" o se posso provare a piantarlo e ricominciare da lui...
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
22:15:12 -
roberta - commento su Cedro del Libano - Cedrus libani
Dove posso trovare una piantina di cedro del libano e quanto dovrò spendere per averne una che vorrei piantare nel giardino. Faccio presente che abito in provincia di Piacenza. grazie
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
14.38.45 -
claudio - commento su Cedro del Libano - Cedrus libani
Salve, vorrei sapere innanzitutto come sono le radici di queste piante ovvero se vanno in profondità o rimangono in superficie. Le piante sono alte 23 metri circa site su di un terreno particolarmente sassoso, volevo sapere se è necessario abbassarne le punte per dargli più stabilità o se posso stare tranquillo. Grazie!!
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
20:55:23 -
- commento su Cedro del Libano - Cedrus libani
Ho dovuto far potare un cedro del libano, circa otto anni fa, per eventuali danni che poteva causare alle case vicine . Il cedro ha circa novanta anni ed era alto alto circa quaranta metri, ora misura dopo la potatura della cima circa venticique metri .Quest'anno sta male , è secco e perde molti aghi.Vorrei sapere se posso tentare una cura per salvarlo.Spero che qualcuno competente possa rispondermi in tempo Grazie la mia e mail -la paolalazz@yahoo .it
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
20:48:31 -
- commento su Cedro del Libano - Cedrus libani
Ho dovuto far potare un cedro del libano ciraca otto anni per eventuali danni che poteva causare alle case vicini . Il cedro ha cirva novanta anni ed era alto alto circa quaranta mentri ora misura dopo la potatura della cima circa venticique metri .Quest'anno sta male , è secco e perde molti aghi .Vorrei sapere se posso tentare uan cura per salvarlo.Spero che qualcuno competente possa rispondermi in tempo Grazie la mia e mail -la paolalazz@yahoo .it
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

nome:

email:

commento :

Invia articolo ad un amico










Articoli Correlati



Calocedrus fogliame
Cedro della California, Cedro nano - Calocedrus decurrens
genere che riunisce cinque specie di conifere sempreverdi, originarie del nord America e dell'Asia centro-meridionale; hanno crescita abbastanza lenta e possono raggiungere i 20-30 metri di altezza. I ...
Vai alla pagina Cedro della California, Cedro nano - Calocedrus decurrens
cedro del Libano
cedro
Il cedro è una conifera diffusa sulle montagne dell’area mediterranea e nella zona himalayana; esistono poche specie di questa conifera, tra cui le più famose sono il cedrus libani, diffuso in Africa, ...
Vai alla pagina cedro
cedro
Cedro
E’ originario dell’Asia; in Europa giunse grazie agli arabi. E’ stato rappresentato in affreschi e mosaici greco-romani; Plinio il Vecchio lo conosceva e lo ha citato nei suoi trattati e nelle raccolt ...
Vai alla pagina Cedro
Giardinaggio su Facebook Giardinaggio su Yuotube Forum Giardinaggio Registrazione a Giardinaggio.itForum Giardinaggio


Pagine più visitate di questa settimana
Foglia di acer palmatumAcero Gli aceri sono in genere alberi di media grandezza continua...
eucaliptoEucalipto - Eucalyptus L’eucalipto è un genere di alberi e cespugli appar continua...
olivoalberi sempreverdi da giardino Richiedono dei terreni piuttosto profondi per l'al continua...
UlivoUlivi L’ulivo è un piccolo albero, originario dell’area continua...
Bosso in vasoBosso - Buxus sempervirens La pianta conosciuta come Bosso Comune è un albero continua...





Altre piante simili


Speciali

Speciali
Non sapete come coltivare i bulbi o come mettere a dimora una pianta invernale? Niente paura. Per ap...

... vai alla pagina Speciali

Piante Medicinali

Piante Medicinali
Da millenni l'uomo ha trovato nelle piante preziosi alleati per l'igiene e la salute del suo corpo, ...

... vai alla pagina Piante Medicinali




  • Ogni fiore porta con sé un messaggio, codificato da secoli dall'uomo e giunto ai nostri giorni ancora intatto ed immutato. Scopri il significato dei fiori e comunica con essi le tue emozioni!
  • In appartamento troverai tante specie di piante d'appartamento con le relative schede di approfondimento per scegliere la pianta migliore per casa tua.
  • L'arte dei bonsai, un connubio di abilità e pazienza che può dare enormi soddisfazioni a chi la pratica. Scoprila con la rubrica di giardinaggio.it!
  • Entra nella sezione dedicata ad orto e frutta, dove troverai tutte le piante da orto e le piante da frutto con ampie descrizioni e consigli per la loro coltivazione.