Pepe - Piper nigrum

Generalità

Il piper nigrum è una pianta perenne, sempreverde e rampicante. Lo stelo legnoso è ricoperto di foglie a forma di cuore, di colore verde scuro. La fioritura avviene d'estate; i fiori sono piccoli, bianchi e raccolti in ciocche a forma allungata. I frutti sono delle piccole bacche dalla forma rotonda che contengono un solo unico seme. In base alla maturazione di queste bacche, avremo differenti varietà di pepe. Ricordiamo le più importanti: pepe nero (varietà che si può ottenere quando la raccolta avviene quando i frutti sono ancora acerbi. I frutti vengono quindi lasciati essicare al sole), bianco (la raccolta delle bacche avviene quando il frutto è maturo e viene poi lasciato macerare in acqua per circa 7 giorni), la varietà verde (viene prodotta dal frutto ancora acerbo, essicato e posto in aceto, salamoia oppure macinato) e la varietà rossa (la raccolta avviene identica alla varietà verde solo che le bacche vengono raccolte quando hanno raggiunto l'ultimo stadio della maturazione. E' un metodo di raccolta poco usato).

Il Piper (pepe) è originario dell'India e può anche raggiungere i 4 massimo 5 metri d'altezza. Il nome scientifico piper nigrum è da collegare alla famiglia da cui proviene, le Piperaceae. All'interno di questa grande famiglia possiamo riconoscere circa 700 specie ma tra queste, la più famosa e impiegata appunto come spezia è la nigrum.

Pepe


Esposizione e Clima

pepe Il pepe predilige le posizioni soleggiate solo parzialmente ed un clima particolarmente mite: la temperatura non deve scendere al di sotto dei 16 °C.

In appartamento gradisce un’esposizione molto luminosa, ma lontana dalla luce diretta che potrebbe causare delle scottature. In giardino, nella bella stagione, la posizione ideale è sotto un pergolato o all’ombra di latifoglie. La luce del mattino raramente la disturba, ma evitiamo quella estiva pomeridiana.

La temperatura minima che riesce a sopportare è di 5°C; teniamo però presente che per avere i migliori risultati è bene mantenere la temperatura costante durante tutto il corso dell’anno. La crescita vegetativa ottimale si ottiene intorno ai 15°C, mentre la fioritura si stimola raggiungendo almeno i 20°C.

  • Peperomia caperata Peperomia è un genere costituito da oltre mille specie di piante sempreverdi originarie dell'America meridionale, cespitose o rampicanti; poche specie sono originarie dell'Africa. Le foglie sono lucid...
  • Skimmia japonica La skimmia japonica o falso pepe è un arbusto di dimensioni piccole o medie, originario del Giappone; ha fogliame di colore verde scuro, brillante, leggermente cuoioso, sempreverde, di forma ovale o l...
  • Schinus pianta Piccolo albero sempreverde originario dell'America meridionale, il falso pepe è diffuso anche in America settentrionale e in Africa. Ha fusto eretto, singolo o multiplo, molto ramificato, con portamen...
  • peperoni I peperoni appartengono al genere capsicum, della famiglia delle solanacee, come pomodori e melanzane, e come molte altre piante è originario dell'America meridionale; la specie più coltivata è il cap...


Tecniche colturali

tipi di pepe Per una corretta coltivazione del pepe, il terreno di destinazione deve essere fertile, ben drenato e costituito da una consistente parte di composta argillosa. Le annaffiature devono essere moderate, specialmente durante la stagione invernale in quanto la pianta non necessita di abbandonati quantità d'acqua. Diverso sarà per la stagione estiva, dove le annaffiature saranno eseguite con maggior frequenza. Durante il periodo vegetativo è bene concimare con cadenza mensile la pianta del pepe per garantirle uno sviluppo rigoglioso.

Questa liana necessita un terreno ricco, ma dall’ottima capacità drenante. Generalmente si ottiene mescolando terriccio universale e un poco di stallatico. Il pH ottimale va da 5.5 a 7. Sul fondo creiamo uno spesso strato con dell’argilla espansa.


Moltiplicazione

Può avvenire per semina ad una temperatura non inferiore ai 15°C, oppure per talea. In quest'ultimo caso deve essere effettuata in estate, prelevando talee semi-legnose.

IL PEPE IN BREVE
Famiglia, genere, specie Piperaceae, Piper nigrum
Tipo di pianta Rampicante, liana legnosa, perenne
Fogliame Persistente, verde scuro
Colore dei fiori bianco
Habitat di origine Tropici, India e Vietnam
Altezza  Fino a 4 m
Coltura Mediamente facile, da serra calda o appartamento
Necessità idrica Media
Terreno Ricco in materia organica, soffice
Umidità ambientale alta
Umidità del terreno Fresco, mai secco e mai bagnato
pH terreno Mezz’ombra (sole al mattino)
Esposizione Media
Rusticità Delicato
Temperatura minima 5°C
Arresto crescita 18°C
Propagazione Talea, seme
Utilizzo Rampicante, da vaso, da serra


Fioritura del pepe

I fiori, raccolti in pannocchie, appaiono dalle ascelle fiorali dei rami nuovi. Evolvono poi in frutti prima di color verde, poi rosso, per poi volgere al nero dopo l’essicazione. Possono essere raccolti in ogni fase della loro maturazione, a seconda dell’uso che vorremo farne.

Con le giuste temperature la crescita, la fioritura e la fruttificazione sono costanti e abbondanti lungo tutto l’arco dell’anno. La pianta può portare contemporaneamente fiori e frutti a diversi stadi di maturazione (risultando così anche molto decorativa).


Raccolta

varietà pepe I frutti di colore verde raggiungono la maturità solo quando la loro colorazione diventa di colore rosso-scuro; solo allora sarà opportuno procedere con la raccolta degli stessi.

I primi raccolti si hanno da 1 a 4 anni dopo l’inizio della coltivazione. Per la conservazione a lungo termine è bene essiccare i frutti al sole per circa 3 giorni, fino a quando non saranno completamente neri, e conservarli poi in barattoli ermetici.


Proprietà pepe

proprietà pepe Uno dei motivi per cui il pepe è spesso ricordato e utilizzato anche in cucina sono le sue innumerevoli proprietà. Il piper nigrum è infatti ricco di amido, terpeni (ossia lipidi che conferiscono alla pianta un particolare aroma grazie ai loro oli essenziali), tannini e altri ancora. Oltre a cio, il pepe è ricordato per le sue proprietà fitoterapiche. Queste scaturiscono dalla presenza della piperina, una sostanza che possiamo trovare nel seme del piper nigrum e nelle altre varietà, anche se in minor quantità.

Inoltre, ricordiamo il pepe per il suo elevato potere digestivo es espettorante. E' un potente

antisettico, antiinfiammatorio, diuretico ed anche stimolante e afrodisiaco. Per i seguaci della medicina ayurvetica il pepe rappresenta un ingredienti fondamentale per aiutare ad incrementare l'appetito, migliorare la digestione, risolvere problemi legati all'apparato respiratorio e problemi di anemia.


Irrigazione e umidità ambientale del pepe

Il terriccio deve risultare sempre leggermente umido, per ottenere i migliori risultati di crescita. All’aumentare della temperatura è inoltre indispensabile vaporizzare spesso le foglie con acqua, possibilmente demineralizzata.


Concimazione del pepe

Si può utilizzare un prodotto liquido bilanciato da diluire tantissimo e distribuire con ogni irrigazione. Vanno bene però anche i prodotti granulari a lenta cessione. Utile è anche un leggero apporto di nutrienti con concimazione fogliare, durante le vaporizzazioni.


Malattie del pepe

Il problema più frequente è il marciume radicale, causato da irrigazioni eccessive e/o drenaggio non efficiente. Irrighiamo solamente quando il terriccio è asciutto in profondità.

Non allarmiamoci invece se vediamo delle macchie nere sul retro delle foglie: sono delle normali formazioni cristalline di zuccheri.


Pepe - Piper nigrum: Il pepe, le colorazioni ed i suoi aromi

Come abbiamo visto il pepe deve le sue colorazioni e il suo diverso sapore allo stadio di maturazione al momento della raccolta e agli eventuali trattamenti successivi.

Il pepe verde viene raccolto ancora immaturo e può essere conservato solo in salamoia. Ha un sapore delicato, poco piccante e molto fruttato.

Il pepe bianco alla raccolta appare lievemente aranciato, ma viene fatto fermentare e poi privato della buccia esterna. Viene poi essiccato e mantiene un aroma delicato.

Il pepe nero viene raccolto quando appare rosso e poi viene fatto essiccare al sole. Ha un sapore forte e piccante.

Le bacche conosciute come “pepe rosa” sono al contrario il frutto di un albero di origine sudamericana, lo Schinus molle, coltivato anche in Italia come ornamentale. Il loro sapore è molto più fruttato e aromatico.


Guarda il Video
  • pianta del pepe L’albero di pepe è una liana legnosa perenne capace di arrivare, in determinate condizioni, anche a 5 metri di altezza.
    visita : pianta del pepe



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO