Rosa da talea

Domanda : Rosa da talea

Salve,mi ritrovo nel mio giardino la rosa Osiria.per rinforzarla ho tolto i boccioli secchi e l ho potato rendendola piu' bassa.ora con delle talee che mi sembrano buone e sane li ho messo in piena ombra in vaso.riusciran a far radici anche essendo fuori tempo?
Rosa


Risposta : Rosa da talea

Gentile Maria,

le talee di rosa hanno in genere un ottimo successo, anche quando vengono fatte “fuori tempo massimo”, anche se, il caldo estivo, pone maggiori probabilità che le talee dissecchino senza aver nemmeno cercato di radicare. I rami provenienti dalle potature vengono spessissimo utilizzati per preparare talee, ma i migliori sono invece i rami ottenuti dalla pianta in settembre, quando il legno è già maturo; infatti le talee di rosa vegetano molto meglio se prodotte con legno già legnoso (non completamente verde e chiaro), che abbia cominciato a svilupparsi in primavera, ed abbia già resistito all’estate. Le talee si prelevano preferibilmente dai rami che non hanno fatto fiori; ogni talea deve contare circa 3-4 gemme, la più bassa deve trovarsi di poco sopra al taglio fatto per prelevarla. Alla talea staccheremo anche le foglie, lasciandone solo una o due nella parte alta; quindi interriamola in un buon terriccio universale, mescolato a sabbia, che avremo preventivamente annaffiato; se ne abbiamo, immergiamo rapidamente la talea nell’ormone radicante e quindi interriamola, lasciando solo una, o al massimo due, gemme al di fuori del terreno; in questo modo, inseriremo nel substrato circa un terzo del rametto. Alcuni accorgimenti portano a maggiori successi:

- ricordiamoci di utilizzare l’ormone radicante, ed evitiamo di utilizzare talee molto lunghe, con più di 3-4 gemme.

- se la talea è una porzione di ramo, e quindi è stata tagliata anche nella parte alta, copriamo il taglio con mastice per potature, o con cera o colla vinilica, in modo che non abbia la possibilità di lasciar evaporare della linfa.

- teniamo il vaso con le talee in luogo fresco e luminoso, ricordandoci di annaffiare spesso.

- ricordiamo di staccare la gran parte delle foglie.

- preleviamo le talee con un attrezzo ben affilato, in modo che il taglio prodotto sia ben netto e pulito, privo di sfilacciature, che potrebbero marcire.


  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Aphelandra squarrosa L'Aphelandra squarrosa o Afelandra è un arbusto sempreverde originario dell'America centro-meridionale, che in natura raggiunge i 2-3 m di altezza, ed in contenitore si mantiene di dimensioni vicine a...
  • Rose acapella Genere che conta numerose varietà di arbusti, eretti o rampicanti, originari di tutti i paesi che si trovano nell'emisfero boreale; da queste varietà nel corso dei secoli sono derivate decine di varie...
  • Rosa  floriunda Fiore nobile, coltivato da secoli in tutta l'area del mediterraneo e in Asia, ormai presente nei giardini e nei parchi di tutto il mondo, la rosa è uno degli arbusti preferiti dagli appassionati di gi...



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO