Coltivare la Rosa - Rosa

Le rose

Fiore nobile, coltivato da secoli in tutta l'area del mediterraneo e in Asia, ormai presente nei giardini e nei parchi di tutto il mondo, la rosa è uno degli arbusti preferiti dagli appassionati di giardinaggio, grazie alla facilità di coltivazione ed ai bellissimi fiori. In effetti la coltivazione della rosa in Europa è cosa antica; già nei secoli passati le specie autoctone venivano coltivate per la bellezza dei fiori, ma anche utilizzate per ottenere il repzioso olio, con cui si producevano unguenti e profumi.

Le specie di origine europea sono alcune decine, si tratta di arbusti di meda grandezza, con fusti molto ramificati, che producono piccoli fiori di colore bianco o rosa, a cinque petali, talvolta semidoppi o doppi; queste specie botaniche di rosa fioriscono solo in primavera, per il resto della stagione vegetativa non portano fiori, o a volte ne producono solo alcuni. Nonostante abbiano una certa leggiadria le rose botaniche di origine europea sono abbastanza diverse dalle varietà che vengono coltivate per i fiori recisi; prima di tutto mancano della rifiorenza, ed inoltre queste rose non sono particolarmente colorate o profumate; un esempio tipico p la rosa canina, delicata e tenue.

Rosa  floriunda

Bloem bhp-18 Big coltivare erbe aromatiche - selezionate

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,89€


Rose moderne

rosa ibridi di tea Nell'arco di decenni di coltivazione i botanici hanno potuto incontrare altre specie di rosa, dalle caratteristiche uniche per l'epoca: in India e in Cina i primi ibridatori hanno trovato specie di rosa molto rifiorenti, con fiori gialli, con fiori stradoppi o dalla forma turbinata.

Gli incroci tra le specie europee e quelle asiatiche, avvenuti a partire fin dal '700, hanno dato origine prima alle rose antiche: varietà con grandi fiori, molto profumate e dai colori caldi, spesso poco rifiorenti; in seguito alle rose moderne: arbusti vigorosi, con fioriture abbondanti che si protraggono per tuta la stagione vegetativa, ripetendosi di continuo o rinnovandosi ogni 30-35 giorni.

Le rose moderne sono suddivise in alcuni raggruppamenti, che ne distinguono il tipo di fioritura, di portamento dell'arbusto, o di disposizione dei fiori; tra le più apprezzate ricordiamo gli ibridi di tea, ovvero le rose più vendute come fiori recisi, con fiori turbinati, che spesso sbocciano singoli su lunghi fusti eretti; molto apprezzate anche le rose floribunde, che producono grandi fiori riuniti in piccoli mazzi; tra le rose più nuove ricordiamo le rose inglesi, ibridate da David Austin ai nostri giorni, che riuniscono la rifiorenza e la robustezza della pianta moderna, con il fascino delle forme delle rose antiche.

  • fiori secchi La vita dei fiori può essere, per così dire, "allungata", grazie all'utilizzo di tecniche di essiccazione, che consentono la conservazione di piante e fiori per un lungo periodo di tempo. La bellezza ...
  • Aphelandra squarrosa L'Aphelandra squarrosa o Afelandra è un arbusto sempreverde originario dell'America centro-meridionale, che in natura raggiunge i 2-3 m di altezza, ed in contenitore si mantiene di dimensioni vicine a...
  • Rose acapella Genere che conta numerose varietà di arbusti, eretti o rampicanti, originari di tutti i paesi che si trovano nell'emisfero boreale; da queste varietà nel corso dei secoli sono derivate decine di varie...
  • Rosa  Le rose sono arbusti coltivati da secoli in tutti i giardini del mondo; in Europa hanno subito decenni di ibridazioni e incroci, che hanno portato alla produzione di moltissime varietà, a fiore partic...

Geo VRV1403 China Rose Semi da Germoglio, Marrone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,95€


Coltivare le rose

Rose david austin La maggior parte delle specie e della varietà di rose coltivate sono rustiche e di facile coltivazione; necessitano di pochi accorgimenti per ottenere piante sane e rigogliose e abbondanti fioriture.

La prima regola da seguire per chi intende coltivare una rosa è quella di posizionare la pianta in luogo soleggiato, infatti solo poche specie (come le rose rugose o le banksiae) possono fiorire anche all'ombra, tutte le altre devono godere di almeno alcune ore di sole diretto; se così non fosse otterremmo piccoli arbusti scialbi che producono pochi o nessun fiore.

Poniamo a dimora le nostre rose possibilmente in piena terra, in modo che l'apparato radicale abbia lo spazio di allargarsi a piacimento, utilizzando un buon terriccio universale ed almeno 5-10 litri di stallatico ben maturo, da mescolare alla terra del giardino sul fondo della buca.

Se invece intendiamo coltivare le nostre rose in vaso ricordiamo di utilizzare un contenitore di dimensioni cospicue, altrimenti saremo costretti in agosto ad annaffiare la nostra pianta troppo spesso.


Coltivare la Rosa - Rosa: Annaffiatura rose

Lillian Austin Le annaffiature si somministrano quando il terreno è asciutto, da marzo ad ottobre; quindi se il clima è piovoso le rose non necessitano di annaffiature eccessivamente regolari, mentre durante i mesi estivi è bene vigilare, evitando di lasciare la pianta assetata per periodi di tempo prolungati. In genere le rose sopportano senza problemi la siccità ed il caldo, anche se periodi senz'acqua molto lunghi causano l'assenza della fioritura, ed in casi estremi il defogliamento della pianta.

Per ottenere fioriture abbondanti è poi fondamentale fornire la pianta di concimazione, possibilmente sotto forma di stallatico, ma volendo è possibile sostituire il letame con del concime granulare a lenta cessione,, da fornire ogni 4.6 mesi; oltre alle concimazioni sono importantissime le potature.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta direttamente ai raggi del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare eccessivamente; in genere è sufficiente fornire acqua ogni 15-20 giorni, o anche meno; più il clima è freddo e meno la pianta necessita di annaffiature; si consiglia di sospendere le annaffiature durante i periodi con temperature molto rigide.


Tenere asciutto
concimazione
In inverno è consigliabile sospendere, o ridurre drasticamente, le concimazioni; infatti un eccessivo sviluppo di vegetazione tenera e di nuovi germogli esporrebbe eccessivamente le piante al rischio di gelate.


Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO