Piracanta

Pyracantha

La piracanta è un arbusto da giardino, le circa dieci specie sono originarie dell’Europa e dell’Asia, e in Italia si può trovare anche allo stato selvatico; produce un arbusto denso e no molto compatto, molto ramificato, con fusto che presenta ramificazioni anche molto in basso, quasi a livello del terreno; la corteccia è scura, e i rami sono in genere sottili, con crescite annuali di svariati centimetri; tutti i fusti portano grosse spine appuntite. La piracanta è sempreverde, e ha piccole foglie a spatola, lucide e verde scuro; in primavera produce piccoli fiori bianchi a cinque petali, riuniti in piccoli mazzetti, a cui seguono in estate le piccole bacche colorate, che rimangono a lungo sulla pianta; in natura le bacche sono rosse, arancioni o gialle. Esistono svariate cultivar e ibridi, con bacche particolarmente grandi o colorate, o con portamento quasi rampicante, o molto compatto e nano.

La piracanta è un arbusto appartenente alla famiglia delle rosacee, quindi i piccoli fiori sono molto simili per forma ai fiori delle piante da frutto, anche se di dimensioni più minute; i frutti, generalmente chiamati bacche, sono in realtà delle piccole mele, pomi sarebbe il termine scientifico, con polpa zuccherina e semi al centro del frutto; le mele sono commestibili, anche se il sapore zuccherino cela un retrogusto che dopo aver consumato pochi frutti crudi diviene poco gradevole; un tempo con queste piccole mele si preparavano conserve di frutta, e confetture.

Il nome sembra molto esotico, tanto che spesso capita di trovare appassionati di giardinaggio che la ritengono una pianta importata in Europa da lidi lontani; il nome scientifico pyracantha deriva dal greco, dove pyr significa fuoco e acanthos significa spine, quindi questa pianta si chiama spine infuocate, a evocare i due tratti distintivi dell’arbusto: le spine acuminate e i frutti che incendiano il giardino autunnale. Strettamente imparentata con il cotoneaster, la pianta in Italiano viene comunemente chiamata Agazzino.

piracanta


Come coltivare la piracanta

piracanta Come detto prima, la piracanta è un arbusto che in Italia è presente anche in natura, quindi si tratta di una pianta da giardino di facile coltivazione, essendo già ben adattata alle condizioni climatiche della nostra penisola; si coltiva in una zona ben luminosa del giardino, con almeno qualche ora al giorno di luce diretta; si può coltivare in vaso, ma è preferibile coltivarle in grandi contenitori, o in piena terra, dove possa allargare a piacere il suo apparato radicale; gradisce terreni abbastanza sciolti e ben drenati, ma non disdegna la comune terra da giardino, purché ben permeabile e non pesante o spesso inzuppata d’acqua.

Non teme il gelo o il caldo estivo. I giovani esemplari si annaffiano per i primi due-tre anni dopo l’impianto, ma solo quando il terreno è asciutto; con il passare degli anni le piante divengono autosufficienti, accontentandosi dell’acqua delle annaffiature. Sicuramente in caso di primavere particolarmente asciutte e siccitose può capitare di dover annaffiare la pianta.

A fine inverno, ogni anno, si sparge ai piedi della pianta del concime granulare a lenta cessione, per piante da fiore, in modo da garantire un buon tenore di Sali minerali nel terreno; queste piante sono rustiche e resistenti, quindi spesso si sviluppano senza alcuna cura, né annaffiature, né concime né potature.


  • piracanta Buongiorno, vi contatto in quanto non so proprio a chi rivolgermi. Possiedo una siepe Piracanta di 10 anni ed ora una pianta si è completamente seccata, diventando completamente color ruggine. Lo stes...
  • pyracantha coccineum red column L'agazzino o pyracantha è un arbusto sempreverde, originario dell'Asia e dell'Europa, che ha una crescita piuttosto veloce e raggiunge abbastanza rapidamente i 2-3 m di altezza. Ha portamento eretto...
  • Pyracantha e Cotoneaster Pyracantha e cotoneaster sono due generi di arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle rosacee; entrambi i generi sono originari dell'America settentrionale, dell'Europa e dell'Asia, con num...
  • Siepe di pyracantha con bacche L'arbusto di pyracantha è caratterizzato da fusti sottili, di colore scuro e che crescono in modo da formare una ricca chioma tondeggiante, con molti rami anche a livello del terreno. Inoltre, il fust...


Qualche piracanta particolare

piracanta In genere siamo così abituati a vedere una siepe di piracanta da non riuscire a godere della bellezza di questo arbusto: ha una fioritura spettacolare, con tantissimi fiorellini bianchi, che attirano tantissimi insetti utili; e i frutti sono spettacolari nel giardino autunnale ed invernale, e permangono sulla pianta per mesi. Oltre a questo è una pianta veramente rustica, che non va coperta in inverno, che non soffre per il caldo o la siccità di un afoso luglio italiano.

Quindi un bell’esemplare si meriterebbe di venire coltivato come esemplare singolo, dando origine ad un bell’arbusto dal portamento tondeggiante, con i munghi rami dell’anno arcuati, e pieni di fiori in primavera; se non abbiamo molto spazio possiamo scegliere in vivaio una delle varietà compatte di piracanta: negli anni ’80 un simpatico vivaista nord americano decise di selezionare alcune varietà nane di pyracantha, le troviamo anche oggi in vivaio, hanno spesso un nome varietale derivato dalle tribù degli indiani d’America; quindi se abbiamo poco posto in giardino, cerchiamo una pyracantha “Apache”, o una pyracantha “Navaho”, sicuramente otterremo un arbusto non più alto di 50-80 cm, tondo e compatto, pieno di fiori in primavera; per un piccolo giardino è sicuramente consigliabile una di queste varietà piuttosto di una specie botanica, che può raggiungere rapidamente i 3-4 metri di altezza, costringendoci a continue potature.


Piracanta: Utilizzi della pianta

piracanta Spesso la piracanta viene utilizzata per creare una siepe impenetrabile, visto che l’arbusto è denso e compatto, e dotato di spine; per accelerare lo sviluppo di una siepe alta in vivaio troviamo spesso esemplari allevati in modo da sviluppare un sottile fusto alto già svariati centimetri, con poche ramificazioni laterali; questo tipo di arbusti va posto a dimora vicino ad una rete, o comunque dotato di un tutore, perché non è in grado di reggersi autonomamente, almeno per i primi anni di vita.

Per preparare una siepe di piracanta è necessario piantare gli arbusti a circa sessanta centimetri di distanza gli uni dagli altri, in modo che nel corso del tempo formino uno schermo continuo; ricordiamoci che queste piante sono abbastanza vigorose nel loro sviluppo, e possono produrre ramificazioni lunghe svariati centimetri, anche soltanto durante una primavera, quindi per ottenere una siepe ordinata saremo costretti a potature regolari, che spesso ci priveranno di parte della fioritura e quindi dei frutti.


  • pyracantha L'agazzino o pyracantha è un arbusto sempreverde, originario dell'Asia e dell'Europa, che ha una crescita piuttosto velo
    visita : pyracantha
  • pyracantha navaho La pyracantha navaho è la versione nana della normale pyracantha, un arbusto sempreverde originario dell’Europa e di alc
    visita : pyracantha navaho

COMMENTI SULL' ARTICOLO