Pyracantha e Cotoneaster

Pyracantha e Cotoneaster

Pyracantha e cotoneaster sono due generi di arbusti sempreverdi appartenenti alla famiglia delle rosacee; entrambi i generi sono originari dell'America settentrionale, dell'Europa e dell'Asia, con numerose specie e varietà diffuse come piante da giardino. Sviluppano arbusti eretti o striscianti, di misure che vanno dai 35-45 cm del cotoneaster prostrato, fino ai 3-4 metri delle specie utilizzate per creare siepi. Hanno foglie generalmente minute, ovali, anche se esistono varietà di cotoneaster con foglie abbastanza grandi; in genere le foglie della pyracantha tendono al verde chiaro, mentre quelle del cotoneaster sono di colore più cupo. In primavera producono innumerevoli piccoli fiori bianchi, a stella, in alcune specie profumati, molti melliferi. Ai fiori seguono piccoli frutti tondeggianti, carnosi, commestibili, che a maturazione divengono rossi, anche se esistono specie a frutti bianchi, gialli, rosati o arancioni.

I frutti del cotoneaster e della pyracantha sono minuscole mele, da sapore dolciastro, che un tempo venivano utilizzati per l'alimentazione umana; rimangono sulla pianta per tutto l'inverno, donando al giardino un tocco di colore.

Diversamente dal cotoneaster, molte specie di pyracantha presentano spine acuminate, a cui è bene fare attenzione.

Pyracantha e Cotoneaster


Come si coltivano

Pyracantha e Cotoneaster Queste due specie di piante sono accomunate da molte caratteristiche, ed anche dal metodo di coltivazione. Si tratta di arbusti completamente rustici, che vengono utilizzati ampiamente in giardino, come esemplari singoli, o tipicamente per creare bordure o siepi.

Si pongono a dimora in un buon terreno ben lavorato, con un buon drenaggio, in luogo ben soleggiato; il posizionamento all'ombra causa una scarsa fioritura con conseguente mancanza di frutti colorati.

Sono piante molto vigorose, e dalla crescita abbastanza rapida, quindi si impiegano spessissimo come siepi, in quanto costituiscono rapidamente una barriera impenetrabile.

Le giovani piante necessitano di annaffiature nel primo periodo dopo essere poste dimora; le piante a dimora da tempo generalmente si accontentano dell'acqua fornita dalle intemperie; in molte zone d'Italia queste piante crescono anche nel bosco, in natura, dove sopravvivono senza le cure dell'uomo. Aspettiamoci quindi che il nostro cotoneaster o la nostra pyracantha sopravvivano anche all'estate più torrida ed all'inverno più freddo.

  • cotoneaster pendulus Il Cotonastro è una varietà originaria della Cina e dell'Himalaya. Il genere conta specie di arbusti a foglie decidue o sempreverdi, a portamento variabile, eretto o prostrato. Le specie decidue in ...
  • dilavamento Buongiorno.Ho una parte del giardino, ca 50 MC, quindi piccolo ma a ridosso dell'abitazione, molto scosceso e sotto alcuni alberi. Ho provato in vari modi ma inutilmente ad inerbarlo.Siccome ad og...
  • cotoneaster Buongiorno, ho bonsai cotognastro. Purtroppo non è stato annaffiato con cura e la terra si è seccata molto, temo stia morendo. Alcune foglie sono diventate marrone bruciato e sono cadute,quelle rimast...
  • pyracantha coccineum red column L'agazzino o pyracantha è un arbusto sempreverde, originario dell'Asia e dell'Europa, che ha una crescita piuttosto veloce e raggiunge abbastanza rapidamente i 2-3 m di altezza. Ha portamento eretto...


Fioritura

fiori di piracantha La fioritura avviene in primavera, a seconda della specie a partire da marzo-aprile fino a giugno luglio per le specie più tardive, o nelle zone con clima più fresco; se desideriamo ottenere molte bacche colorate ovviamente sarà bene praticare la potatura a fine estate, in modo da non rovinare i boccioli floreali primaverili. Se potiamo la nostra pianta a fine inverno asporteremo la maggior parte dei fiori, se la potatura avviene invece dopo la fioritura asporterà sicuramente parte delle bacche.

In genere si potano soltanto le siepi di pyracantha e cotoneaster; una potatura non eccessivamente vigorosa, da effettuare dopo la fioritura, manterrà una buona parte dei frutti.


La potatura

Queste piante sono vigorose e poco delicate; la potatura può avvenire in qualsiasi momento del periodo vegetativo, per contenere l'esuberanza di molte specie. Esistono anche varietà nane o particolarmente compatte, con sviluppo meno caotico e disordinato, che possono necessitare di minori cure. Tipicamente si potano gli esemplari utilizzati come siepi o come bordure, mentre gli esemplari singoli vengono lasciati crescere naturalmente, in maniera più disordinata.


Pyracantha e Cotoneaster: La coltivazione in vaso

pianta in vaso Esistono molte specie e varietà di Pyracantha e Cotoneaster; se desideriamo coltivarli in vaso è consigliabile scegliere delle specie o delle varietà di dimensioni contenute, in modo da non doverle porre in contenitori di dimensioni enormi. Questi arbusti sono molto adatti anche per essere coltivati come bonsai da esterno, viste le ridotte dimensioni di foglie, fiori e frutti.


Guarda il Video
  • pyracantha L'agazzino o pyracantha è un arbusto sempreverde, originario dell'Asia e dell'Europa, che ha una crescita piuttosto velo
    visita : pyracantha
  • cotonaster Il Cotonastro è una varietà originaria della Cina e dell'Himalaya. Il genere conta specie di arbusti a foglie decidue
    visita : cotonaster

COMMENTI SULL' ARTICOLO