Callicarpa - Callicarpa

Generalità

Al genere callicarpa appartengono alcuni arbusti di dimensioni piccole o medie, originari del nord America e dell'Asia; hanno sviluppo abbastanza disordinato, il fogliame è lanceolato, ruvido e rugoso; la maggior parte delle specie coltivate nei nostri climi ha foglia caduca, in autunno, prima di cadere, le foglie delle callicarpa assume un bel colore giallo dorato. In primavera inoltrata, o inizio estate, producono innumerevoli fiorellini di colore bianco o rosato; in autunno ai fiori fanno seguito piccoli frutti, riuniti in grappoli all'ascella fogliare o all'inserzione dei rami. Le bacche delle callicarpa rimangono sulla pianta per mesi, durante la stagione fredda, quando l'arbusto è privo di fogliame. Questi frutti sono di un bellissimo colore rosato o violaceo, e li rendono molto decorativi nel giardino invernale, completamente grigio e spoglio.
Callicarpa

Callicarpa japonica, Bonsai, 30 anni, 56cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 886,6€


Coltivare la callicarpa

Callicarpa Le specie disponibili nei vivai sono in genere esemplari a foglia caduca, che ben sopportano il nostro clima. Si consiglia comunque di posizionare la callicarpa in luogo ben soleggiato, soprattutto durante l'inverno, e al riparo dal vento, in modo che possa ben sopravvivere alle intemperie; infatti, sebbene le callicarpa possano sopportare gelate non eccessivamente intense, se le gelate sono molto persistenti e le temperature di molti gradi inferiori allo zero, possono rovinare gli apici dei rami.

Se le temperature sono molto rigide è bene intervenire proteggendo l'apparato radicale con del materiale per la pacciamatura o delle foglie secche, che garantiranno una protezione per evitare problemi in caso di clima molto freddo.

Tollerano senza problemi il caldo afoso.

  • callicarpa La callicarpa è un bell’arbusto gradevole in ogni periodo dell’anno: impreziosisce il nostro giardino con le sue foglie e i suoi fiori, dalla primavera all’autunno, ma ci riserva una sorpresa regaland...
  • Celosia Il genere Celosia appartiene alla famiglia delle Amaranthaceae e comprende all’incirca 50 specie originarie delle regioni tropicali del continente americano, dell’Africa e dell’Asia. Si tratta di pia...
  • Biancospino Il genere crataegus comprende circa duecento specie di alberi ed arbusti a foglia caduca, originari dell'Europa, dell'Asia e del nord America; hanno portamento eretto e producono una chioma disordinat...
  • cotoneaster pendulus Il Cotonastro è una varietà originaria della Cina e dell'Himalaya. Il genere conta specie di arbusti a foglie decidue o sempreverdi, a portamento variabile, eretto o prostrato. Le specie decidue in ...

Callicarpa japonica, Bonsai, 30 anni, 55cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 886,6€


Terreno

callicarpa japonica Prediligono terreni ricchi, molto ben drenati; gli esemplari a dimora da tempo si accontentano dell'acqua delle precipitazioni, ma i giovani esemplari vanno annaffiati sporadicamente, insistendo in particolar modo durante il periodo estivo.

Per ottenere un grande numero di bacche è bene porre a dimora alcuni esemplari vicini, in modo che l'impollinazione avvenga in modo incrociato.

Questi arbusti non hanno sviluppo eccessivamente vigoroso, e in genere si mantengono al di sotto dei 2-3 metri di altezza; di solito non necessitano di grandi interventi di potatura, tolta la normale pulizia dei rami rovinati o secchi all'inizio della primavera.


Malattie e parassiti

callicarpa Le piante di questo genere sono piuttosto rustiche e resistenti e non vengono spesso colpite da parassiti e malattie. Un problema che può riscontrarsi è quello legato ad un eccesso di acqua ed umidità che può provocare l'insorgenza di malattie fungine. In questo caso è bene intervenire con l'uso di prodotti specifici e se la malattia si propaga, è bene intervenire in modo rapido eliminando le parti danneggiate per evitare che vengano colpite anche quelle sane.


Callicarpa - Callicarpa: Moltiplicazione

callicarpa La moltiplicazione di questo tipo di pianta arbustiva avviene, generalmente, per seme nel periodo primaverile. Se si vogliono ottenere delle piante simili a quella madre, allora è opportuno procedere con la tecnica delle talee che andranno prelevate e poste a dimora in un composto in cui saranno miscelate torba e sabbia.

Aspettare che le nuove piantine abbiano raggiunto un giusto grado di robustezza prima di porle a dimora definitivamente. Quando le piante di questa varietà vengono piantate è bene inserire nel terreno dello stallatico maturo che fornirà nutrimento per lo sviluppo corretto.


  • callicarpa Questo genere riunisce numerosi arbusti caduchi o sempreverdi originari dell'Asia e dell'America settentrionale. La co
    visita : callicarpa



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
In questo periodo dell'anno la concimazione ha lo scopo di preparare le piante alla stagione fredda; in genere si interviene una sola volta, utilizzando un concime a lenta cessione specifico per piante verdi, non troppo ricco in azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO