Clava d'oro - Orontium aquaticum

Generalità

La Clava d'oro è una pianta acquatica perenne originaria dell'America settentrionale. Questa specie presenta grandi foglie dalla dimensione allungata, di colore piuttosto scuro, verde-bluastro, vellutate, ricoperte da una patina cerosa che le rende idrorepellenti; formano ciuffi inizialmente eretti, che con il tempo diventano arcuati, in modo da far galleggiare le foglie sulla superficie dell'acqua. Durante la stagione primaverile, produce lunghe infiorescenze costituite da uno spesso fusto bianco eretto, che può arrivare ad un altezza massima di 30-40 cm, ricoperto all'estremità superiore da fiorellini di una tonalità giallo-oro; in tarda estate ai fiori fanno seguito i frutti che si presentano sotto forma di piccole bacche, ricoperte da una pellicola spugnosa, che ne permette il galleggiamento sulla superfici dei laghi dove cresce.
Oronzio

MACERATO DI EQUISETO 1 LT RAFFORZA RESISTENZA ALL'AGGRESSIONE DI AGENTI ESTERNI PRESTO BIO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16€


Esposizione

Oronzio La clava d'oro (conosciuta anche con il nome di Orontium aquaticum) cresce di preferenza in pieno sole, ma si sviluppa bene anche in zone di mezz'ombra; durante la stagione invernale non teme particolarmente il freddo, anche se è opportuno porla in acque abbastanza profonde nei luoghi con inverni molto rigidi. Solitamente preferisce acque basse e tranquille, come quelle di piccoli stagni o laghetti dove è in grado di svilupparsi al meglio; è opportuno porre a dimora i rizomi carnosi sul fondo di giardini acquatici, oppure sulle rive di piccoli laghetti.

    150 Piante acquatiche Set di XXL, Fertilizzante, Condizionatore

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,44€


    Terreno e concimazione

    orontium aquaticum Questa specie acquatica ama in particolare i terreni umidi, piuttosto fangosi e ricchi di materia organica. Inoltre, questi è meglio che siano, possibilmente, a tendenza acida. I rizomi vanno posti a dimora in un miscuglio di torba e terriccio di foglie, avendo cura di porre uno speso strato di sabbia in superficie. Quando arriva la primavera, per garantire una crescita ottimale della pianta, è opportuno aggiungere all'acqua in cui cresce la pianta del concime specifico per le piante da fiore di tipo acquatico.

    Le specie di Orontium aquaticum necessitano di ambienti umidi per vivere al meglio.

    Se si coltiva la pianta in vaso, bisogna cambiare l'acqua presente nel contenitore ogni 15 - 20 giorni. Se al contrario la coltivazione avviene in un laghetto è bene annaffiare il terreno in profondità ogni settimana nei periodi di siccità e caldo. Questo per evitare problematiche relative allo sviluppo della pianta e garantire alla pianta le condizioni ideale per la sua crescita e il nutrimento di cui ha bisogno.


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione della clava d'oro avviene per seme. Questo va posto direttamente a dimora, levando ai semi il pericarpo che li ricopre e che li rende galleggianti, per evitare che si possano accidentalmente spostare. Nel periodo di giugno-luglio è anche possibile dividere i cespi di foglie, praticando delle porzioni munite di almeno una radice ben sviluppata; le nuove piante così prodotte vanno subito messe a dimora.


    Clava d'oro - Orontium aquaticum: Parassiti e malattie

    pianta clave d'oro Le piante di Orontium aquaticum difficilmente vengono colpite da parassiti o da malattie. In ogni caso, per evitare l'attacco di questi è opportuno realizzare un trattamento preventivo con un insetticida specifico per piante acquatiche. Allo stesso modo l'operazione va ripetuto con un prodotto fungicida.





    Esposizione
    Pianta che necessita di essere esposta direttamente ai raggi del sole.

     
    Sole pieno
    Annaffiature
    Cerchiamo di annaffiare abbastanza regolarmente, in modo da avere un terriccio sempre leggermente umido; in genere può essere sufficiente annaffiare circa una volta a settimana.


    Tenere bagnato
    concimazione
    In inverno è consigliabile sospendere, o ridurre drasticamente, le concimazioni; infatti un eccessivo sviluppo di vegetazione tenera e di nuovi germogli esporrebbe eccessivamente le piante al rischio di gelate.


    Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO