Cacto coda di topo - Aporocactus flagelliforme

Generalità

cactacea di origine centroamericana; produce ampi cespi, costituiti da sottili fusti allungati, di colore verde chiaro, ricoperti da sottili spine giallastre, ricadenti o brevemente eretti. In primavera inoltrata sulla parte bassa dei fusti sbocciano vistosi fiori di colore rosato o rossastro, a cui seguono piccoli frutti tondeggianti, contenenti numerosi semi scuri. In natura sono cactus epifiti o litofiti, in appartamento vengono coltivati prevalentemente in panieri appesi, per poter meglio apprezzare il portamento della pianta.

aporocactus flagelliforme


Esposizione

si coltivano in posizione molto luminosa, possibilmente soleggiata; durante la stagione calda è bene ombreggiare leggermente i cactus, per evitare che vengano a contatto eccessivamente con la luce solare. Per una fioritura abbondante è bene fare in modo che le piante abbiano un periodo di riposo invernale, ponendo le piante, da ottobre fino a marzo, in luogo non riscaldato, con temperature inferiori ai 10°C; possono sopportare anche brevi periodi di gelo, ma in genere si coltivano in luogo con temperatura minima vicina ai 5-8°C.


Annaffiature

da marzo a settembre annaffiare regolarmente, quando il terreno è ben asciutto; durante i mesi freddi evitiamo le annaffiature, soprattutto se le piante sono poste in luogo freddo; se coltivati in appartamento annaffiamo solo sporadicamente.


Terreno

prediligono terreni sciolti, e molto ben drenati; si utilizza un composto costituito da una parte di torba, una parte di pozzolana ed una di sabbia.


Moltiplicazione

avviene per divisione dei cespi in autunno, o per seme in primavera; per poter germinare il terriccio con i semi deve essere tenuto in luogo con temperatura superiore ai 18°C.


Cacto coda di topo - Aporocactus flagelliforme: Parassiti e malattie

come molte altre cactacee anche gli aporocactus vengono colpiti con facilità dalla cocciniglia.


Guarda il Video



Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

COMMENTI SULL' ARTICOLO