Hatiora salicornioides

Generalità

cactus epifita originario del Brasile. Ha sottili fusti cilindrici, divisi in numerosi segmenti, eretti o leggermente arcuati, completamente privi di spine, di colore verde chiaro, molto ramificati; in natura possono crescere ad altezze superiori al metro, in contenitore generalmente raggiungono i 50-60 cm di altezza e di ampiezza. In primavera all'apice dei fusti sbocciano picoli fiori di colore giallo dorato, a cui talvolta fanno seguito i frutti, contenenti numerosi semi. Questi cactus sono di coltura abbastanza facile e sono adatti ad essere coltivati in panieri appesi, come rhipsalis, schlumbergere e rhipsalidopsis, con cui dividono il portamento, ma non le fioriture spettacolari; in effetti alcune specie di rhipsalis facevano un tempo parte del genere hatiora.
fiori hatiora


Esposizione

hatiora bambusoides Porre al sole o, preferibilmente, a mezz'ombra, per evitare scottature nel periodo più caldo dell'anno. Le hatiora possono sopportare temperature vicine ai 2-3°C per brevi periodi, ma si consiglia di mantenerle ad una temperatura invernale vicina ai 10-12°C.


    Annaffiature

    Da marzo a settembre annaffiare abbastanza regolarmente, lasciando asciugare completamente il terreno tra un'annaffiatura e l'altra; nei mesi freddi annaffiare sporadicamente, ogni 20-25 giorni. Nel periodo vegetativo mescolare del concime per piante succulente all'acqua delle annaffiature, ogni 10-15 giorni.


    Terreno

    Queste cactacee amano terreni soffici e ben drenati, poichè in natura tendono ad essere epifite è bene preparare un terreno mescolando terriccio bilanciato, sabbia ed alcuni pezzetti di corteccia, per mantenere il terriccio leggero.


    Moltiplicazione

    Avviene per seme, in primavera, oppure per talea; le porzioni di fusto radicano con grande facilità.


    Hatiora salicornioides: Parassiti e malattie

    La cocciniglia si annida nei pressi dei nodi dei fusti.





    Esposizione
    Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove possa ricevere alcune ore di luce solare diretta.

     
    Posizione mezz'ombra
    Annaffiature
    Annaffiare ogni 15-20 giorni, quando il substrato risulta asciutto da alcuni giorni; è consigliabile evitare gli eccessi, evitando che le piante siano troppo esposte alle piogge in questo periodo dell'anno.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


    Esigenze della piante a settembre in un clima continentale.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO