Lapidaria margaretae

Generalità

questa famiglia comprende una sola specie, originaria del sud Africa. Si tratta di una succulenta di piccole dimensioni e di colore verde-grigiastro, che però può assumere aspetto differente a seconda del substrato su cui viene coltivata. Presenta un fusto molto ridotto, da cui si dipartono grandi foglie carnose appaiate, con gli apici arrotondati; la pagina superiore è solitamente piatta, mentre quella inferiore è molto bombata. Solitamente questa succulenta non cresce molto, poichè le foglie hanno vita abbastanza breve, i cespi mediamente contano 2-3 paia di foglie, però spesso i tendono ad allargarsi creando nuovi gruppi di foglie. In piena estate producono grandi fiori, di dimensioni spesso maggiori a quelle delle foglie, di colore giallo o arancione, costituiti da ciuffi di lunghi petali sottili, simili a quelli delle margherite.
Lapidaria margaretae

Worth Garden sistema da giardino per innaffiamento automatico fioriera verticale, Vaso di fiori attaccato al muro per rinverdimento, vadi di piante appese, fioriera da soggiorno per rinverdimento con montaggio al muro, strato con filtro w/3-tasche e 3 pezzi, perfetto per la decorazione domestica o le decorazioni murali

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€
(Risparmi 11,09€)


Esposizione

le lapidarie gradiscono posizioni molto luminose, non sempre si sviluppano bene all'ombra; temono il freddo, quindi in inverno vanno ricoverate in casa o in serra temperata, essendo la temperatura minima sopportata intorno ai 10°C.

    Nuovo arrivo! 10 semi / sacchetto di semi di mini cactus (Astrophytum) Succulente Piante semi giardino di casa fai da te fiore raro Flores, # WFWPNR

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,43€


    Annaffiature

    non necessitano di grandi qualtità d'acqua, annaffiare moderatamente in primavera e in estate, diradare le annaffiature con l'approssimasi dell'inverno, periodo in cui si fornisce acqua ogni 20-30 giorni. Quando una nuova copia di foglie cresce al centro della rosetta, solitamente le foglie più vecchie cominciano a seccare, in questo periodo si consiglia di annaffiare ancora più raramente, poichè la pianta non necessità di acqua, utilizzando quella contenuta nelle foglie che stanno seccando. Da aprile a settembre fornire del concime per piante succulente almeno una volta al mese, sciolto nell'acqua delle annaffiature.


    Terreno

    necessita di terreno abbastanza fertile, senza esigensae partiolari, purchè sia ben drenato; si può utilizzare del buon terriccio per piante grasse, oppure del terriccio universale bilanciato alleggerito con sabbia e pietra pomice. Queste piante non necessitano di essere rinvasate spesso.


    Moltiplicazione

    avviene per seme, utilizzando i semi freschi, e ponendoli in un contenitore riempito con sabbia e torba in parti uguali; tenere il semenzaio in un luogo a temperatura costante, intorno ai 15-18°C, e abbastanza umido fino a che le piantine non siano di dimensioni suficienti per poter esere maneggiate, quindi disporle in contenitori singoli.


    Lapidaria margaretae: Parassiti e malattie

    queste piante vengono facilemente attaccate da cocciniglia e da acari, talvolta dei funghi possono causare macchie sulle foglie.





    Esposizione
    Questa pianta predilige posizioni molto luminose, in questo periodo dell'anno è consigliabile evitare i raggi diretti del sole.

     
    Posizione luminosa
    Annaffiature
    Evitare di annaffiare eccessivamente; in genere è sufficiente fornire acqua ogni 15-20 giorni, o anche meno; più il clima è freddo e meno la pianta necessita di annaffiature; si consiglia di sospendere le annaffiature durante i periodi con temperature molto rigide.


    Tenere asciutto
    concimazione
    Durante i mesi freddi dell'anno è consigliabile sospendere la concimazione delle piante succulente, per evitare che producano troppi tessuti "nuovi", poco resistenti al freddo e facilmente attaccabili da malattie fungine, che si sviluppano più facilmente durante il periodo di riposo delle piante.


    Esigenze della piante a dicembre in un clima mediterraneo.

    COMMENTI SULL' ARTICOLO