Clivia - Clivia miniata

Generalità

Le Clivie sono piante erbacee originarie dell'Africa meridionale, appartengono alla stessa famiglia degli amaryllis; producono un grosso rizoma carnoso, che tende ad allargarsi molto; direttamente dal rizoma si sviluppano ciuffi di grandi foglie arcuate, nastriformi, abbastanza coriacee, di colore verde scuro. A partire dalla fine dell'inverno tra le foglie si sviluppa un fusto, alto fino a 50-70 cm al cui apice sbocciano fiori ad imbuto di medie dimensioni, riuniti in grappoli di circa 10-20 fiori, di colore arancione, raramente gialli. La specie più diffusa in appartamento è la Clivia miniata, i cui fiori sono rivolti verso l'alto; esistono altre specie di clivia, tutte con fiori penduli, ma di difficile reperimento in Italia per la coltivazione. NEl corso degli anni dal rizoma tendono a svilupparsi più ciuffi di foglie, e conseguentemente più fusti floreali, la fioritura può durare anche alcune settimane.
Clivia


Clivia - Clivia miniata: Coltivare la clivia

fiori CliviaOltre ai fiori le clivie hanno un altro punto forte: si coltivano facilmente e non hanno richieste particolari. Il grosso rizoma non necessita di grandi contenitori, anche perchè tendenzialmente queste radici più spazio trovano, più si sviluppano, spendendo tutte le energie della pianta per produrre radici; quindi poniamo la nostra clivia in un contenitore sufficientemente ampio da ospitare il rizoma, ma non eccessivamente capiente, con del buon terriccio universale. Ripetiamo questa operazione ogni 2-3 anni, aumentando ogni volta la dimensione del vaso di pochi centimetri.

§Posizioniamo il vaso in un luogo ombreggiato e fresco, lontano dai raggi diretti del sole e dal vento freddo; queste piante preferiscono temperature abbastanza fresche, intorno ai 10°C in inverno ed ai 25-28° in estate, quindi evitiamo di posizionarle al sole o nel punto più caldo del giardino in estate, ed in inverno invece ricordiamo di ripararle dal gelo, che rovinerebbe irreparabilmente il fogliame. Generalmente il posto migliore per coltivare una clivia è una serra fredda, ma volendone godere in casa è bene mettere il vaso in un vano scale o in una stanza che non viene riscaldata eccessivamente. Infatti se queste piante non attraversano un periodo di riposo autunnale, con temperature inferiori ai 15°C, tendono col tempo a non fiorire. Da marzo a settembre forniamo del concime specifico per piante da fiore, mescolato all'acqua delle annaffiature; queste ultime saranno regolari, ma non eccessive, dovranno semplicemente inumidire il terreno quando è asciutto. Le clivie sopportano senza problemi periodi di trascuratezza, anche se può capitare che se lasciate per lunghi periodi senza acqua o in luogo privo di aerazione vengano colpite dalla cocciniglia, che si annida soprattutto alla base del fogliame.

  • Bengiamino - Ficus Benjamina

    Ficus Benjamina Il ficus benjamina appartiene alla famiglia delle Moraceae È originario dell’Asia sudorientale e dell’Oceania. È un albero che può raggiungere i 30 metri di altezza dove è endemico (o in zone con cli
  • Dracena del Madagascar - Dracaena marginata

    Dracaena al genere delle Dracaena appartengono più di 150 specie, ognuna delle quali con numerose varietà. Queste piante sono sempreverdi e vengono coltivate prevalentemente per il loro fogliame, molto orna
  • Cordilinea - Cordyline australis

    Cordyline a questo genere appartengono circa venti specie di arbusti o piccoli alberi sempreverdi, diffusi in Asia, in Australia ed in Sud America, oltre a numerose cultivar. Queste piante, utilizzate soltanto
  • Datura

    Datura genere che comprende circa una decina di specie di piante erbacee, perenni, originarie dell'America centro settentrionale e probabilmente dell'Asia; un tempo il genere contava molte più specie, ma è





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, dove riceva i raggi solari durante le ore più fresche della giornata.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Le annaffiature si praticano solo quando il terreno è ben asciutto da alcuni giorni, ogni 10 giorni può essere sufficiente; se il clima fosse particolarmente caldo è possibile intensificare leggermente le annaffiature.


Tenere asciutto
concimazione
In primavera le piante da fiore necessitano di un buon apporto di concime, in modo da sviluppare al meglio i nuovi germogli ed i fiori; si consiglia un concime specifico per piante da fiore, ricco in potassio; utilizzando un concime a lenta cessione è sufficiente una somministrazione ogni quattro mesi; con un concime da sciogliere in acqua invece sarà necessario fornire concimazioni ogni 15-20 giorni.


Esigenze della piante a marzo in un clima alpino.

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: