Gladiolo - Gladiolus

Generalità

Il gladiolo, conosciuto anche con il termine gladiolus, è un bulbo molto coltivato in Italia per la grande durata che questo ha, sia come fiore reciso che in terra. Vi sono moltissime varietà di questa specie che assumono forme e colori molto diversi tra loro. Il bulbo di questa pianta è uno dei più economici ed è facilmente reperibile presso centri giardini e vivai. Si tratta di un fiore molto amato per realizzare aiuole e giardini grazie alla sua vivacità e facilità di coltivazione. Originario dell'Africa del sud, il gladiolo presenta un fusto sottile, numerose foglie dalla forma allungata e un bellissimo fiore che si mostra dall'alto del suo gambo.
gladiolus palustris

100 pc / borsa diversa perenni Semi Gladiolo fiori, semi rari giglio di spada molto Beautoful Per la casa giardino di impianto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,57€


Caratteristiche del fiore

gladiolus I fiori di gladiolo hanno forma a trombetta allargata, riuniti in lunghe spighe erette, in genere sbocciano in successione; i colori possono essere svariati: rosso, porpora, violetto, giallo, bianco, rosa, arancione e bicolore. Non hanno una particolare profumazione. I gladioli fioriscono a partire dalla primavera inoltrata fino alla fine della stagione estiva.

  • Gladiolo  I gladioli, nome latino gladiolus, sono tra i bulbi più diffusi: originari di tutto il bacino del Mediterraneo e del Sud Africa, fanno parte della famiglia delle Iridaceae che comprende più di 250 spe...
  • Eremoro  L'Eremurus o eremoro è una varietà di bulbosa originaria dell'Asia centrale appartenente alla famiglia delle Liliacee. Il suo bulbo si caratterizza per essere una radice tuberosa che presenta 2 o 3 ge...


Caratteristiche della pianta

gladiolo Le foglie del gladiolus sono di colore verde; l'altezza che la pianta può raggiungere è di 80/120 cm. Si pongono a dimora in luogo luminoso, possibilmente molto soleggiato; si utilizzano preferibilmente in gruppo, in modo che creino una vistosa macchia di colore. I bulbi di gladiolo temono un poco il freddo, è quindi bene riparare il terreno con foglie secche, oppure dissotterrare i bulbi e conservarli al riparo durante i mesi invernali.


Coltivazione

Le piante di gladiolo sono piuttosto facili da coltivare e non necessitano di particolari cure e attenzioni. Per una crescita ottimale, posizionare il gladiolus in zone pienamente soleggiate, questo perchè, a causa della loro provenienza dal continente africano sono abituate a temperature elevate e climi piuttosto aridi e secchi. Se vengono cresciute in luoghi con temperature basse, meglio porre a riparo le piantine dalle correnti fredde e dal vento intenso, in particolar modo durante la stagione invernale. Il terreno ideale è sciolto, leggero e molto fertile.

Per quanto riguarda la concimazione, è possibile unire all'acqua di irrigazione del concime specifico per migliorarne la fioritura.


Moltiplicazione

gladiolo La moltiplicazione del gladiolus può avvenire per seme o attraverso bulbilli. Questi vanno inizialmente disinfettati e posti ad almeno 10 cm di profondità in un terriccio simile a quello utilizzato per i bulbi adulti. Per quanto riguarda la messa a dimora, questa avviene alla fine dell'inverno per riprendere poi dal mese di marzo a seguire. Se si desideri riprodurre la pianta per seme bisognerà munirsi di pazienza in quanto necessita di minimo due o tre anni.


Parassiti e malattie

Il gladiolo è una specie che può essere facilmente attaccata da parassiti e malattie, in particolar modo se viene coltivata su un tipo di terreno non idoneo per la pianta. Attenzione ai ristagni idrici e ai suoli calcarei.


Gladiolo - Gladiolus: Curiosità

Una curiosità legata alla pianta di gladiolo è la provenienza del suo nome. Deriva infatti dalla lingua latina "gladius" che significa antica spada romana. I fiori della pianta infatti ricordano proprio il gladio a causa della loro forma allungata e il fusto sottile. Nel linguaggio dei fiori simboleggia la sfida amorosa e l'amore ferito.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO