Chiodi di garofano - Eugenia caryophyllata

vedi anche: Garofano

Generalità

I chiodi di garofano sono una spezia; si tratta dei boccioli essiccati di una pianta tropicale, e non dai garofani; la pianta che ci fornisce i chiodi di garofano si chiama Eugenia caryophyllata, anche conosciuta col nome di Sizygium aromaticus; si tratta di un arbusto di media grandezza, originario dell'Asia tropicale, dove in primavera produce molte infiorescenze a pannocchia, costituite da piccoli fiori rossi ad imbuto. Per ottenere i chiodi di garofano si prelevano i boccioli dell'Eugenia, e si fanno essiccare. Queste piante vengono ora coltivate anche in Africa, dove la coltivazione venne inserita secoli orsono, quando l'utilizzo dei chiodi di garofano come spezie venne introdotto in occidente.
chiodi di garofano


Chiodi di garofano - Eugenia caryophyllata: Utilizzo dei chiodi di garofano

Questa spezia ha un profumo intenso e piccante, un tempo veniva utilizzata per la conservazione delle carni e per aromatizzare pitti dolci e salati ed anche il vino. Oggi i chiodi di garofano vengono utilizzati in molti piatti tradizionali, dal pane dei morti Lombardo, agli stufati; in molte regioni si utilizzano i chiodi di garofano infilzandoli nella cipolla che viene poi cotta nei brodi di carne o di verdure; questo espediente viene utilizzato anche quando si intende utilizzare i chiodi di garofano negli stufati o nella cottura prolungata dei legumi. Raramente vengono utilizzati triturati, più spesso li si utilizza interi, per poi rimuoverli, questo perchè un singolo bocciolo sprigiona un aroma molto intenso e piccante, tanto da poter risultare disgustoso.

  • Chiodi di garofano

    Chiodi di garofano L'Eugenia caryophyllata (chiamata anche Syzygium aromaticum) è un albero di media o piccola grandezza, sempreverde, originario delle isole Molucche; viene coltivato, per utilizzarne la spezia, in Afri...
  • chiodi di garofano

    chiodi di garofano I chiodi di garofano, come li conosciamo, derivano dalla pianta sempreverde chiamata Eugenia caryophyllata appartenente alla famiglia delle Myrtaceae, chiamato più comunemente albero di garofano. La s...
  • Chiodi di garofano

    Chiodi di garofano se possibile vorrei in allegato PDF la coltivazione dei chiodi di garofano.e le sue proprietà. grazie ...
  • Piante Medicinali

    Da millenni l'uomo ha trovato nelle piante preziosi alleati per l'igiene e la salute del suo corpo, ed anche dello spirito; già nei secoli passati i primi medici utilizzavano fiori, radici, foglie e c...





Esposizione
Pianta che predilige le posizioni ombreggiate, evitare l'esposizione ai raggi diretti del sole, soprattutto durante le ore più calde della giornata.

 
Posizione ombreggiata
Annaffiature
Intervenire con le annaffiature quando il terreno è asciutto; in caso di siccità prolungata annaffiare con grande frequenza, altrimenti ogni 4-5 giorni può essere sufficiente; evitare i ristagni idrici e gli eccessi di annaffiature.


Tenere Umido
concimazione
In primavera le piante da fiore necessitano di un buon apporto di concime, in modo da sviluppare al meglio i nuovi germogli ed i fiori; si consiglia un concime specifico per piante da fiore, ricco in potassio; utilizzando un concime a lenta cessione è sufficiente una somministrazione ogni quattro mesi; con un concime da sciogliere in acqua invece sarà necessario fornire concimazioni ogni 15-20 giorni.


Esigenze della piante a maggio in un clima alpino.

commenti

Nome:

E-mail:

Commento: