Bistorta - Polygonum bistorta

Generalità

Nome: Polygonum bistorta L.

Famiglia: Pologonacee.

Nomi comuni: savarin salvadi, tortorete, lazzuola, amarella, legna de bo.

Habitat: predilige terreni montani molto umidi.

Parti usate: le foglie e le radici.

bistorta


Bistorta - Polygonum bistorta: Coltivazione

Raccolta: le radici in autunno. Le foglie i tarda primavera.

Conservazione: entrambe le parti si essiccano al sole e si conservano in contenitori areati.

Proprietà: astringenti, lenitive, toniche, antidiarroiche.

Uso: infusi e decotti, sia per uso esterno sia per quello interno.

Note: le foglie, se raccolte in primavera, sono dei surrogati degli spinaci.

  • bistorta Quella che in gergo viene definita Bistorta, ha un nome botanico che corrisponde a Polygonum bistorta ed è una pianta erbacea perenne, non più alta di 50 centimetri. Appartiene alla famiglia delle Pol...
  • tradescantia andersoniana Fanno parte di questo genere circa sessanta specie di piante erbacee perenni, originarie dell'America centrale e meridionale; in genere hanno portamento prostrato o ricadente e si coltivano come piant...
  • Erba coltella L'erba coltella o Stratiotes aloides è una pianta acquatica perenne originaria dell'America centrale e meridionale. Questa pianta crescendo costituisce ampi cespi di foglie, con piccioli lunghi fino a...
  • taglio erba Quando l’erba del vostro giardino avrà raggiunto i 7-8 cm si procederà al primo taglio. Data la delicatezza delle giovani piante è consigliabile l’utilizzo di macchine a taglio elicoidale, oppure util...





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Le annaffiature saranno regolari, ogni qual volta il terreno si presenta asciutto; in questo periodo dell'anno ogni 3-4 giorni può essere sufficiente, evitando gli eccessi.


Tenere Umido
concimazione
In questo periodo dell'anno si concimano soltanto le orticole che stanno ancora fruttificando; gli appezzamenti precedentemente occupati da orticole annuali si lavoreranno a fondo, prima dell'inverno, aggiungendo al terreno del concime organico ben maturo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO