Assenzio - Artemisia absintium

vedi anche: Assenzio

Generalità

Pianta erbacea perenne, originaria dell’Europa centrale e meridionale; dai rizomi carnosi si dipartono fusti eretti, semilegnose, alti fino a 80-100 cm; leggermente ramificati nella parte bassa, quasi per niente nella parte alta. Le foglie sono di colore verde, reso grigiastro dalla presenza di una sottile peluria bianca; hanno forma pennata, ma tendono a divenire meno pennate salendo dal basso verso l’alto, emanano un forte profumo molto aromatico ed hanno un sapore molto amaro; le foglie apicali sono sottili, lineari, di dimensioni minori rispetto alle altre. Durante la stagione estiva produce piccoli capolini dorati,riuniti in lunghe pannocchie. Le proprietà medicamentose dell’assenzio vengono sfruttate sin dall’antichità, l’utilizzo di tale erba viene citato anche nella Bibbia. Si utilizza la tintura madre o le foglie essiccate, dai poteri tonici, digestivi e antinfiammatori. Questa pianta viene utilizzata anche per produrre un forte liquore aromatico, molto amaro, che si consuma diluito o zuccherato. Nel XIX secolo l’assenzio veniva utilizzato in grande quantità dagli artisti europei ed Americani; l’utilizzo venne sospeso a causa degli effetti allucinogeni riscontrabili dai grandi consumatori di assenzio; il liquore prodotto ai giorni nostri contiene in quantità decisamente minori l’alcaloide che un tempo causava assuefazione ed allucinazioni.
ramo di assenzio

Atlante illustrato delle piante medicinali e curative

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,3€
(Risparmi 2,7€)


Esposizione

assenzio Si tratta di una pianta perenne decidua, che quindi perde completamente la parte aerea durante l’inverno; si coltiva in tuta Italia, non teme il freddo. Predilige posizioni molto soleggiate, evitare l’ombra o i luoghi eccessivamente umidi.

  • Assenzio Il nome botanico è artemisia absintium, si tratta di una pianta perenne rizomatosa, diffusa in natura in tutta Europa ed utilizzata fin dall’antichità per le sue proprietà toniche e depurative. Dalle ...
  • Pianta dell La pianta dell’artemisia absinthium e conosciuta anche con il nome di assenzio ed è presente su tutto il territorio europeo. Fin dai tempi più remoti veniva adoperata per le sue proprietà depurative e...
  • Pianta selvatica di assenzio Probabilmente la pianta di assenzio, o Artemisia absinthium, è originaria dell'Europa centro meridionale, ma attualmente è coltivata in quasi tutte le regioni temperate del mondo. E' un semi arbusto p...
  • tradescantia andersoniana Fanno parte di questo genere circa sessanta specie di piante erbacee perenni, originarie dell'America centrale e meridionale; in genere hanno portamento prostrato o ricadente e si coltivano come piant...

Atlante illustrato delle piante medicinali e curative

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,3€
(Risparmi 2,7€)


Annaffiature

Non necessitano di annaffiature regolari, anche se possono gradire leggere annaffiature durante i periodi più caldi e siccitosi dell’estate.


Terreno

Coltivare in terreno soffice e molto ben drenato; si consiglia di utilizzare un substrato costituito da terriccio universale mescolato con sabbia e pietra pomice; in natura si sviluppa in luoghi dal terreno asciutto e sassoso, anche poco ricchi.


Moltiplicazione

Avviene in autunno per divisione dei rizomi; si consiglia di praticare le porzioni di rizoma mantenendo alcune radici ben sviluppate per ogni porzione praticata. In primavera è possibile seminare i piccoli semi, anche direttamente a dimora.


Assenzio - Artemisia absintium: Parassiti e malattie

Parassiti e malattie: spesso le infiorescenze vengono attaccate dagli afidi.


  • assenzio Il nome botanico è artemisia absintium, si tratta di una pianta perenne rizomatosa, diffusa in natura in tutta Europa ed
    visita : assenzio
  • artemisia pianta L’artemisia è una pianta che appartiene alla famiglia delle Composite. Il genere dell’artemisia comprende molte piante
    visita : artemisia pianta



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Il terreno si mantiene asciutto, inumidendolo leggermente una volta al mese, o anche meno. In genere se il clima è rigido non è necessaio annaffiare durante i mesi invernali.


Tenere asciutto
concimazione
In genere l'orto non viene concimato durante i mesi invernali, se si è già proceduto ad aggiungere al terreno del concime organico durante l'autunno; altrimenti si pratica una concimazione con stallatico a dicembre o a febbraio.


Esigenze della piante a dicembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO