Antracnosi

ANTRACNOSI: COS’E’ E COME SI MANIFESTA

L’Antracnosi (termine scientifico Colletrotrichum lindemuthianum) in fitopatologia è una malattia parassitaria delle piante causata dai funghi del genere Collicotrico, infatti viene anche chiamata “Colletotricosi”. Il nome deriva dall’unione delle due parole greche “ἄνϑραξ –ακος” che vuol dire “carbone” e “νόσος” che vuol dire “malattia”. Questi funghi entrano nella pianta approfittando delle ferite prodotte dalla caduta delle foglie o dagli agenti atmosferici (gelo, grandine, vento) e, propagandosi tramite le spore che rimangono tra i residui vegetali sul terreno, sopravvivendo per lunghi periodi anche durante l’inverno, aggrediscono principalmente i germogli, le foglie più giovani e i piccoli fogliari nel periodo primaverile (grazie al clima caldo umido di cui hanno bisogno), mentre i rami più grossi possono essere colpiti in qualsiasi periodo dell’anno. Inizialmente la malattia provoca sulle foglie ispessimento e deformazione, seguite da macchie di grandezza variabile color ruggine di forma rotondeggiante, con una depressione centrale, che vanno via via ingrandendosi e scurendosi creando zone di necrosi, fino all’infossamento della corteccia, detto cancro rameale; inoltre provoca la necrotizzazione dei germogli, che si ripiegano su se stessi a mo’ di uncino. Nei casi più gravi e violenti si manifestano episodi di defogliazione e, se non si interviene tempestivamente e in maniera adeguata, ci possono essere conseguenze fatali per la pianta colpita. Il clima ideale per lo sviluppo di questa patologia è quello caldo umido, tipico ad esempio nelle coltivazioni in serra.

pianta malata di Antracnosi

Fungicida rameico 500 g di azione preventiva DITIVER C PM contro diffusione della peronospora, Alternaria, Antracnosis...

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,89€


PIANTE A RISCHIO DI ANTRACNOSI

L’antracnosi può colpire vari tipi di piante, che siano da interno, da esterno, alberi o ortaggi. Le specie più a rischio sono Camelia, Ciclamino, Crisantemo, Noce, Platano, Ippocastano, Leccio, Quercia, Fragola, Fagiolo, e Melone, ma ce ne sono molte altre.

  • ortaggi malati di sclerotinia Si definisce sclerotinia la famiglia di funghi della divisione degli Ascomiceti. Questa famiglia di funghi potrebbe essere in grado di condurre una vita autonoma ma molto più spesso preferisce parassi...
  • oziorrinco Un nemico insidioso per le piante del nostro giardino e delle coltivazioni di piante ornamentali e da frutto: l'oziorrinco.Questo parassita appartiene alla famiglia dei coleotteri ed è in grado di p...
  • pianta grassa Le piante grasse sono fra le più acquistate, in quanto considerate più resistenti di altri tipi di pianta: ma anche le piante grasse si ammalano. Ecco come riconoscere le malattie più comuni, e come c...
  • foglia malata Con il termine Batteriosi si indicano una serie di malattie delle piante che vengono contratte tramite l'arrivo di batteri. Si parla di malattie perché a seconda del batterio che agisce sulla pianta, ...

Fungicida rameico 240 g, 6 buste 40 g) azione preventiva DITIVER C PM contro diffusione della peronospora, Alternaria, Antracnosis...

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,45€


COME COMBATTERE L’ANTRACNOSI: TRA ECOLOGIA E CHIMICA

foglie malate di Antracnosi Una volta che il fungo è entrato in azione, bisogna agire tempestivamente per evitare che la pianta perisca. Le strategie sono molteplici, alcune ecologiche, altre prevedono l’utilizzo di prodotti chimici:

- Appena si notano i sintomi dell’antracnosi bisogna tagliare subito le foglie colpite, avendo cura di disinfettare le forbici tra un taglio e l’altro per evitare di contaminare le altre parti della pianta;

- se si tratta di una pianta dell’orto sarebbe preferibile eliminarla del tutto, per evitare contagi con le altre piante;

- se la pianta colpita è un albero si può provare durante le stagioni più fredde (autunno/inverno) a potare i rami malati e a trattarlo con un prodotto fungicida a base di rame o zolfo; bruciare quindi i residui vegetali (rami, foglie, semi ecc…) colpiti dalla patologia e trattare le piante malate con prodotti contenenti ossicloruro di rame o zolfo per evitare che le spore possano superare l’inverno e attaccare nuovamente la pianta;

- utilizzare dei prodotti chimici:

- a base di rame;

- prodotti triazolici http://www.castvivai.com/prodotto/41817/Domark%C2%AE-125-fungicida-triazolico-nella-nuova-formulazione-CC-250.aspx

- propiconazolo http://www.agrariagioiese.it/contents/it/p2685.html

- dodine http://www.agrimag.com/PA_scheda.asp?Codice=313

- Cyprus 25 DF FUN 2 http://www.cifo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/741

- Tri-Base FUN 5 http://www.cifo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/766

- Propyflor http://www.cifo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/648

- Vic 19 L FUN http://www.cifo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/356


Antracnosi: COME PREVENIRE L’ANTRACNOSI: LE STRATEGIE

ortaggi malati di AntracnosiCome dice il detto, meglio prevenire che curare, anche perché a volte nemmeno la cura può essere sufficiente a salvare le nostre piante. La prevenzione quindi è estremamente importante per evitare che le piante si ammalino, e ci sono diversi modi per farla, affidandosi a metodi naturali o chimici:

- acquistare i semi o le piantine negli esercizi specializzati e affidabili, accertandosi che siano in perfetta salute e non affetti da malformazioni o malattie;

- effettuare un’accurata rotazione del terreno, impedendo così alle spore di attecchire al clima caldo-umido del terreno;

- evitare le semine troppo fitte, per scongiurare il pericolo di contagio;

- innaffiare le piante al di sotto delle foglie in modo da non indebolirle e renderle facile preda dei funghi;

- effettuare un accurato drenaggio dell’acqua, evitando il ristagno idrico, ottimo terreno per la proliferazione dei funghi;

- per le piante in vaso, per evitare ristagni, è necessario forarne il fondo perlomeno in due punti, poi inserire materiale grossolano in fondo (ghiaia, cocci, ecc) procedendo man mano con materiale sempre più fino arrivando alle radici della pianta;

- preparare decotti a base di equiseto (andate qui per la ricetta http://nanodigiardino.wordpress.com/2011/05/12/il-decotto-di-equiseto/ ), noto per le sue proprietà antifungine da spruzzare sulle piante

- utilizzare prodotti a base di rame, come Ambienta® Fungicida minerale http://www.zapiambienta.it/prodotti/prodotti.php?prodotto=ambienta-oidio-delle-piante&sz=&z=

Ad un occhio inesperto le macchie prodotte dall’antracnosi potrebbero essere confuse con le bruciature del sole e quindi sottovalutata la pericolosità di questa malattia. Nel dubbio consultate sempre un esperto in materia.



COMMENTI SULL' ARTICOLO