Gelso, Albero delle more - Morus Alba

vedi anche: Alberi

Generalità

Il morus alba o gelso è un grande arbusto o albero di media grandezza, a foglie caduche, originario dell'Asia, ma diffuso anche in Europa e nel nord America, poichè le foglie venivano utilizzate come alimento per i bachi da seta. Può raggiungere i 10-12 metri di altezza, mantenendo spesso l'aspetto di un grande arbusto tondeggiate, allungato, con chioma disordinata. Le foglie del gelso sono cordate, appuntite, di colore verde scuro, in genere sullo stesso esemplare sono presenti anche alcune foglie trilobate o pentalobate; il fusto è eretto, ma spesso ogni singola pianta sviluppa più tronchi paralleli, con corteccia grigiastra. I fiori sono ermafroditi o maschili e femminili, sullo stesso esemplare o su alberi diversi; sbocciano in primavera inoltrata ed i fiori femminili sono seguiti da grosse bacche succose, di colore bianco o porpora, commestibili, di sapore dolce. Questi frutti vengono utilizzati in cucina, soprattutto per preparare conserve o marmellate, non hanno valore commerciale poichè, essendo molto morbidi, il trasporto e la vendita del prodotto crudo sono impraticabili. Esistono varietà particolarmente apprezzate poichè producono fiori maschili e femminili su piante diverse, gli esemplari maschili vengono quindi utilizzati come piante da giardino, poichè non presentano "l'inconveniente" dei frutti, che possono rovinare pavimentazioni e selciati. M. nigra è molto simile, ma con foglie più piccole, e frutti grandi, di colore nero quando maturi.
frutti del gelso


Esposizione

Gelso Per quel che concerne la migliore esposizione, porre a dimora il morus alba in posizione soleggiata o semiombreggiata; i gelsi sono molto resistenti al freddo ed al vento, nonchè all'inquinamento atmosferico, caratteristica che li rende molto adatti per le alberature stradali; un tempo erano molto presenti nella pianura padana lungo i canali.

Queste piante sono rustiche e resistenti e possono essere piantate anche in luoghi non ideali per loro, data la grande adattabilità.


Annaffiature

frutti gelso Gli esemplari di morus alba o gelso a dimora da alcuni anni possono sopportare senza problemi periodi anche lunghi di siccità, accontentandosi soltanto elle piogge; gli esemplari giovani di morus alba vanno annaffiati saltuariamente durante i mesi estivi, per almeno un paio di anni dopo la messa a dimora.


Terreno

gelso i gelsi si sviluppano in qualsiasi tipo di terreno, anche argilloso e pesante; preferiscono però terreni sciolti, profondi ricchi di materia organica e ben drenati. Il posizionamento dell'albero delle more in un ottimo terreno e con concimazioni autunnali periodiche porta ad esemplari di migliore qualità e ad una fruttificazione più abbondante.


Moltiplicazione

La moltiplicazione dell'albero delle more avviene in genere per seme, in primavera; in tarda estate si può procedere alla propagazione tramite talea. Essendo le bacche molto gradite agli uccelli, che ne disperdono i semi, spesso attorno ad un grande albero delle more è possibile trovare molti esemplari di piccole dimensioni"autoseminati".


Gelso, Albero delle more - Morus Alba: Parassiti e malattie

gelso L'albero delle more ha carattere rustico e queste piante non vengono colpite da parassiti o da malattie; l'arrivo in Europa del bruco americano ha però decimato rapidamente la popolazione di gelsi, le cui foglie sono molto gradite a larve e minatrici fogliari.


Guarda il Video



Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Prepariamo le nostre piante all'arrivo dell'inverno; possiamo praticare una concimazione a base di concime organico, da interrare nei pressi della pianta, in questa maniera miglioreremo l'impasto del terreno stesso e forniremo alla pianta una fonte a lunga durata di azoto.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO