potatura

Domanda : potatura

quando si potano le siepi
Bosso

Blinky 7060018 Forbici per Potatura, Telescopiche

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,79€
(Risparmi 7,21€)


Risposta : potatura

Gentile Osvaldo,

non esiste una risposta univoca alla tua domanda, in quanto esistono moltissime piante che vengono utilizzate per preparare delle siepi: conifere, sempreverdi, arbusti da fiore. La potatura si effettua a seconda del tipo di pianta e della sua vigoria. In linea generale gli arbusti che si utilizzano per le siepi sono vigorosi, soprattutto nel caso in cui si utilizzino dei rampicanti, come il trachelospermum o il glicine, e quindi capita spesso di dover praticare più potature nel corso dell’anno. La prima potatura si pratica in genere a fine inverno, quando le giornate cominciano ad allungarsi e le minime notturne ad alzarsi; spesso è una potatura più di pulizia che di conformazione, durante la quale si rimuovono rami secchi o rovinati, e si cimano i primi germogli, in modo da favorire uno sviluppo folto degli arbusti, e di evitare che tendano con il tempo a svuotarsi nella parte bassa del fusto. Ci sono ovviamente svariate eccezioni: ad esempio moltissime piante da fiore, come la forsizia ad esempio, preparano i boccioli già in autunno o in inverno; queste siepi si potano subito dopo la fioritura, perché una potatura a fine inverno ci priverebbe della gran parte ei fiori. Per quanto riguarda le siepi “comuni”, ovvero la gran parte degli arbusti sempreverdi, con fioriture poco appariscenti, o comunque poco interessanti, la potatura di fine inverno può essere invece più vigorosa, andando a risistemare la chioma degli arbusti, per farla rientrare nella siluette della siepe. Altre potature si praticano poi nel corso dell’anno, quando i piccoli rami nuovi tendono a svilupparsi eccessivamente verso l'esterno, l’entità delle potature successive dipende dal tipo di arbusto e dalla sua vigoria di sviluppo; piante come i ligustri spesso vengono potate ogni mese, mentre le fotinie si potano in genere una volta a fine inverno, poi a fine potatura e una terza volta in autunno inoltrato. Spesso le piante che necessitano di più cure sono i rampicanti, che mostrano un comportamento esuberante, e vanno potati quando tendono ad occupare troppo spazio. Le potature, oltre a contenere un arbusto eccessivamente cresciuto, servono anche a stimolare la produzione di ramificazioni laterali, in modo da mantenere la siepe ben densa e compatta.


  • Biancospino Il genere crataegus comprende circa duecento specie di alberi ed arbusti a foglia caduca, originari dell'Europa, dell'Asia e del nord America; hanno portamento eretto e producono una chioma disordinat...
  • photinia La Photinia x fraseri è un arbusto, o piccolo albero, sempreverde, che può raggiungere i 3-4 metri di altezza; si tratta di un ibrido, le piante utilizzate per l'ibridazione sono la P. glabra, origina...
  • cotoneaster pendulus Il Cotonastro è una varietà originaria della Cina e dell'Himalaya. Il genere conta specie di arbusti a foglie decidue o sempreverdi, a portamento variabile, eretto o prostrato. Le specie decidue in ...
  • Ligustro Originario dell'Europa centro meridionale e dell'Africa settentrionale, il genere comprende 45 specie di arbusti e piccoli alberi sempreverdi o decidui usati per formare siepi.Spontaneo in Italia, è...

Forbici per Potatura | Crenova SH-01 Cesoie per Potatura / Forbice Giardino con Lama in Metallo Pesante, Ideale per la Potatura del Giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO



sitemap %>