Hydrangea amacha

vedi anche: Ortensie

Gruppo delle "Amacha" (tè dolce)

Questo gruppo di piante appartiene ad un insieme più ampio di hydrangea, denominate Yama, originarie delle zone montuose del Giappone (Yama trad. montagna) e tutte classificabili nella specie serrata.

L'elemento fondamentale che distingue le Amacha dalle Yama, è il "sapore" della foglia.

Infatti, le Amacha, se masticate, evidenziano uno spiccato gusto dolce. Escludendo i test del DNA, questo sembra essere l'unico modo per considerare separatamente le Amacha dalle Yama. La ragione scientifica per cui piante dello stesso gruppo di appartenenza siviluppino una caratteristica così diversa, è ancora oggi sconosciuta.

L'infuso ottenuto dalle foglie di Amacha ha avuto, ed ha tutt'oggi, molteplici utilizzi, sia in erboristeria e come sostitutivo dello zucchero, sia per celebrazioni religiose. La più conosciuta riguarda il rito del "Kambutsu-e", cerimonia che ricorda la nascita di Buddha.

Il te dolce di ortnesia, che moltissimi appassioanti di piante ed erboristeria avranno sicuramente già avuto il piacere di provare, è un estratto che si ottiene dalle foglie di queste varietà.

Esistono una decina di varietà di ortensie amacha, ma quelle più diffuse e coltivate sono quelle di cui vi parleremo a breve ovvero la Yae-No- Amacha, la Amagi - Amacha e infine la Oamacha.

ortensie


Yae-No- Amacha

La prima varietà di cui vi vogliamo parlare è la Yae-No- Amacha. In breve le caratteristiche salienti di questa specie di hydrangea amacha:

Altezza: 100 centimetri

Foglia: ovale, color verde brillante con apice acuto, margine seghettato

Fioritura: giugno, luglio

Infiorescenza: lacecap oppure sferica.

Cespuglio piuttosto raro, dal fiore doppio di un delicato colore bianco rosato condizionato dal PH del terreno. L'infiorescenza è generalmente di tipo lacecap ma, talvolta, può

essere anche sferica. Questa pianta, scoperta abbastanza recentemente (intorno al 1960) da Shigeru Tada, rappresenta una delle più graziose cultivar del gruppo Amacha.

  • Ortensie  Il nome botanico è hydrangea, al genere appartengono alcune decine di specie, quasi tutte originarie dell'Asia, e in particolare di Cina, Giappone e Korea; la gran parte delle ortensie coltivate in Eu...
  • ortensie Vorrei sapere cosa può essere a causare l'accartocciamento e la forma irregolare delle foglie di ortensia fin da quando la gemma si schiude.Grazie...
  • ortensie Le ortensie sono piante generose, forti ed estremamente adattabili. Amano l'ombra, ma crescono bene anche al sole, vivono quasi in ogni tipo di terreno e le uniche due condizioni inderogabili per la l...
  • ortensia bianca E' con l'affascinante storia del loro nome che comincia la storia delle ortensie: fu il francese "cacciatore di piante" Philibert de Commerson che nel 1771 così battezzò alcuni esemplari provenienti d...


Amagi - Amacha

ortensia Amagi - Amacha Altra varietà molto interessante è la Amagi, ortensia amacha alta 1 metro che fiorisce fra giugno e lglio producendo un bel cespuglio ricco di fiori. Ecco le sue caratteristiche salienti.

Altezza: 100 centimetri circa

Foglia: ovale-lanceolata, verde brillante,apice acuto, margine seghettato.

Fioritura: abbondante in giugno-luglio

Infiorescenza: lacecap. I fiori, sterili e fertili, sono bianchi.

Cespuglio proveniente dalle montagne della penisola di Izu, in Giappone.

Pianta dall'aspetto molto elegante e selvaggio, il cui portamento, unito al bellissimo

fogliame e alle piccole infiorescenze bianche, la rende veramente singolare.


Hydrangea amacha: Oamacha

Infine parliamo della Oamacha, una bella hydrangea amacha che piace per i numerosi fiori che produce fra giugno e luglio e per il fogliamo molto ornamentale.

Altezza: 100 centimetri circa

Foglia: ovale, margine dentato con apice serrato

Fioritura: giugno-luglio

Infiorescenza: lacecap, numerosi fiori fertili, fiori sterili disposti a corona

Pianta tradizionalmente conosciuta in Giappone, viene apprezzata sia come cespuglio ornamentale, sia per il sapore zuccherino delle foglie che vengono destinate a molteplici utilizzi, dei quali, il più comune, è un delizioso infuso.

Il bel verde del fogliame, viene punteggiato da eleganti macchioline di colore rosso bruno. L'infiorescenza è di tipo lacecap, molto regolare, quasi geometrica. I fiori fertili sono numerosi e di colore bianco rosato. I fiori sterili hanno sepali arrotondati di colore rosa più intenso ma sfumato. Non può assolutamente mancare, anche in una piccola collezione!



COMMENTI SULL' ARTICOLO