Geranio selvatico - Geranium

Generalità

Il genere geranium comprende numerose specie di piante perenni e annuali, originarie dell'Asia, dell'Europa e del Nord America.

Le piante di geranium costituiscono bassi cespuglietti costituiti da fusti sottili che portano foglie tonde, più o meno profondamente divise, di colore verde o grigio-verde; molte specie di geranium sono rizomatose e tendono ad allargarsi con il passare degli anni; talvolta le foglie sono molto profumate. In primavera ed in estate producono numerosi fiori tondeggianti, di colore bianco, rosa o viola intenso. Esistono numerosi ibridi con fiori o foglie variegati.

geranium subcaulescens splendens


Esposizione

geranium sylvaticum Le piante di geranio selvatico amano le posizioni luminose, parzialmente ombreggiate, soprattutto nelle ore più calde della giornata, quando è bene che non siano esposte ai raggi diretti del sole; le specie perenni non temono il freddo, anche se durante gli inverni particolarmente rigidi possono necessitare di una leggera protezione. Nella stagione autunnale è bene che queste piante possano usufruire di una giusta dose di luce solare e andrebbero poste in posizioni piuttosto luminose.

Questo genere di piante, comunque, ama i climi miti e alcune varietà non sopportano le temperature troppo rigide o quelle troppo elevate, mostrando segni di sofferenza.

  • Gerani Le piante preferite in Italia, ma anche nel resto d'Europa, per abbellire balconi e terrazzi durante la primavera e l'estate. La fioritura è ricchissima, la coltivazione semplice, le cure da prestare ...
  • Geranio In vivaio troviamo decine di varietà di gerani botanici, che scegliamo per il nostro terrazzo, praticamente tutte le piante che portiamo a casa sono varietà ibride o cultivar, create nel corso degli a...
  • pelargonium orange Il pelargonium è da sempre il re indiscusso dei balconi e delle terrazze, sia per la facilità di coltivazione, sia per la quantità incredibile di fiori che può produrre in un anno. Le prime piante di ...
  • Gerani Tra le piante più utilizzate sul terrazzo, il geranio in realtà ha un nome botanico un po' diverso: appartiene sì alla famiglia delle geraniacee, ma si chiama pelargonium. Le specie botaniche di quest...


Annaffiature

geranium sylvaticum da marzo a ottobre annaffiare regolarmente, lasciando asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra, controllando che il tipo di terreno permetta il corretto drenaggio, visto che, gli esemplari di geranio selvatico soffrono per la formazione di ristagni idrici che possono provocare marciumi radicali.

Gli esemplari di questo tipo sopportano senza problemi brevi periodi di siccità; nei mesi più caldi dell'anno intensificare le annaffiature, sempre avendo cura di controllare che non si vadano a formare ristagni d'acqua. Quando il clima è freddo, invece, le annaffiature vanno ridotte in modo sensibile.

Nel periodo vegetativo fornire del concime per piante da fiore ogni 10-15 giorni così da avere una crescita più rigogliosa e una fioritura maggiore.


Terreno

geranium E' consigliabile porre a dimora i geranium in terreni ricchi, sciolti, profondi e ben drenati per consentire alla pianta di crescere al meglio; è importante controllare che il terreno consenta il giusto grado di drenaggio in quanto, questo tipo di pianta non sopporta i ristagni idrici che possono provocare seri danni alla salute del geranio selvatico.

Prima della messa a dimora si consiglia di preparare un terriccio apposito, mescolando del terriccio universale con poca sabbia e pietra pomice.


Moltiplicazione

La moltiplicazione del geranio selvatico avviene, in genere, per divisione delle radici rizomatose e le nuove piante così ottenute si pongono direttamente a dimora.

In primavera è anche possibile seminare queste piante, direttamente a dimora, i semi degli ibridi non producono sempre piante con fioriture simili a quelle delle pianta madre; se si vogliono ottenere piante identiche è necessario procedere con la divisione dei cespi.


Geranio selvatico - Geranium: Parassiti e malattie

geranium sylvaticum Questo genere di pianta non è soggetto all'attacco da parte di parassiti, ma la formazione di ristagni idrici e la conseguenza insorgenza di marciumi radicali porta alla manifestazione di malattie fungine, che devono essere contrastate con tempestività, per evitare che le piante si rovinino irrimediabilmente.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO