Bacopa

Generalità

La bacopa è una pianta erbacea acquatica perenne diffusa nella maggior parte delle regioni tropicali e subtropicali di Asia, America, Australia e Africa. Ha sottili fusti carnosi, molto ramificati, striscianti, eretti; che crescono prevalentemente sott'acqua, e portano numerose piccole foglie succulente, spesse, di colore verde chiaro; i fusti sono ricoperti da una sottile peluria; i fusti che raggiungono la superficie, elevandosi dal pelo dell'acqua, producono numerosi fiorellini a 4-5 petali, di colore bianco o lilla. Queste piante tendono ad allargarsi e a divenire tappezzati, possono essere coltivate anche in acquario, come piante sommerse, ma in questo caso non producono fiori; è anche possibile coltivare le specie monnieri in contenitore o porle a dimora in luogo in cui siano completamente emerse, in questo caso è bene però ricordare di annaffiare molto spesso la pianta.
Bacopa


Esposizione

Bacopa Queste specie possono sopportare sia il sole, sia l'ombra, purché sia luminosa; in genere non teme il freddo se lo specchio d'acqua in cui viene inserito non gela. Le bacope preferiscono essere poste a dimora completamente sommerse, oppure sulle rive di laghetti o corsi d'acqua con acque fresche e limpide, mal si adattano agli stagni bassi che si scaldano molto in luglio-agosto; per avere un maggiore impatto visivo è bene porre a dimora alcune piante vicine, in modo da creare una macchia di colore.

  • Bacopa  Viene comunemente chiamata bacopa, anche se il nome scientifico è Sutera cordata, per la stretta somiglianza tra questa perenne e le piante acquatiche appartenenti al genere bacopa; si tratta di una p...
  • bacopa monniera La Bacopa moniera è una pianta perenne originaria del Nord dell'India, dove è chiamata comunemente "Brahmi" e dove fin dall'antichità è stata conosciuta dai Bramini e nella medicina Ayurvedica per le ...


Terreno

terreno bacopa Per potersi sviluppare al meglio le bacopa necessitano di essere interrate in un substrato ben drenato e sabbioso, molto ricco di sostanza organica e di minerali, se possibile si consiglia di fornire del concime per piante acquatiche ogni 2-3 settimane, durante il per iodo vegetativo.

La pianta può essere coltivata anche in acquario. In questo caso sarà necessario porre sul fondo del nostro acquario del materiale specifico che permetta alle radici della pianta di ancorarsi e ricevere le sostanze nutritive di cui ha bisogno, in particolar modo ferrose e ricchi di sali minerali.


Moltiplicazione

La moltiplicazione della pianta avviene per seme, che la pianta produce in gran quantità in piccoli baccelli legnosi; si pongono i semi in semenzaio all'inizio della primavera e si coltivano le nuove piantine come le altre perenni, si pongono a dimora quando i fusti hanno raggiunto i 10-15 cm di lunghezza. E' possibile propagare le piante anche per talea, asportando gli apici dei fusti in primavera.

E' possibile acquistare anche piantine di questa specie nei principali vivai della zona. Nei centri giardini specializzati si potranno trovare però solo le specie più comuni, mentre la bacopa Madagascarensis e la bacopa Myriophylloides rappresentano due specie di difficile diffusione e quindi la ricerca di queste due varietà potrà richiedere del tempo.


Bacopa: Parassiti e malattie

bacopa Essendo una pianta acquatica, non è soggetta in maniera frequente all'attacco di parassiti e allo sviluppo di particolari malattie. E' sempre opportuno, per evitare l'indebolimento della pianta o addirittura la sua morte, realizzare trattamenti preventivi con prodotti fungicidi e insetticidi specifici per le bacopa. Questi andranno realizzati nella bella stagione, meglio in primavera, quando le gemme sono ancora piuttosto piccole.





Esposizione
Posizionare questa pianta in luogo semiombreggiato, illuminato direttamente dai raggi solari per poche ore al giorno.

 
Posizione mezz'ombra
Annaffiature
Le annaffiature in questo periodo dell'anno devono essere molto frequenti, anche ogni 2-3 giorni, in modo da mantenere il terreno sempre leggermente umido.


Tenere bagnato
concimazione
Si consiglia l'utilizzo mensile di un concime apposito per piante fiorite, ricco in potassio e fosforo; in autunno le piante devono rinforzare i fusti e l'apparato radicale; i fertilizzanti autunnali sono abbastanza poveri in azoto, per evitare che lo sviluppo tardivo di nuova vegetazione renda la pianta troppo sensibile al freddo.


Esigenze della piante a settembre in un clima mediterraneo.

COMMENTI SULL' ARTICOLO