Stenocactus pentacanthus

Generalità

Generalità: cactus di forma globosa o leggermente colonnare proveniente dal Messico. Il numero di specie appartenente a questo genere è controverso, per la variabilità delle forme e la somiglianza di alcune specie ad altre cactaceae, solitamente il numero si attesta intorno alla decina. In nautra gli stenocactus vivono nei deserti rocciosi o nelle pianure, hanno numerosissime costolature sottili e cerose, spesso anche più di ottanta, molto particolari in quanto sono ondulate. Le areole sono solitamente piccole e portano molte spine, dritte o ricurve, mai ad uncino; solitamente la spina centrale è molto lunga, fino a 6-8 cm. In primavera producono nella parte più alta alcuni piccoli fiori ad imbuto, bianchi, rosa o rossi, i cui petali presentano una riga più scura che li divide a metà.
piante grasse


Riproduzione

pianteEsposizione: queste cactaceae amano le posizioni molto luminose, anche in pieno sole; temono il freddo e non sopportano temperature inferiori ai 5-6 gradi, per questo motivo è opportuno ricoverarle in casa durante l'inverno o in luogo riparato.

Annaffiature: durante la stagione vegetativa annaffiare almeno una volta alla settiaman, aspettando che il terreno sia asciutto tra un'annaffiatura e l'altra; in inverno annaffiare più raramente, una volta al mese o meno se la pianta viene tenuta in casa, se invece si ripone lo stenocactus in luogo più freddo si consiglia di sospendere completamente le annaffiature per permettere il riposo invernale della pianta. Da marzo ad ottobre aggiungere un concime per piante grasse all'acqua delle annaffiature ogni 15-20 giorni.

  • In accessori da esterno trovi moltissimi articoli di approfondimento su tutti gli oggetti ed i complementi d'arredo per il giardino che possono tornare utili per arricchire il proprio garden e rendere...
  • irrigazione L'irrigazione del giardino è diventata con gli anni una componente sempre più importante e diffusa. Dapprima presente solo nei grandi spazi e nei parchi pubblici, si è velocemente diffusa anche in cas...
  • yucca Le yucche sono piante erbacee succulente provenienti da ambienti caldi e secchi dell’America Settentrionale e Centrale. Appartengono alla famiglia delle Agavaceae e il loro genere comprende non meno ...
  • La zamioculcas è una pianta tropicale molto apprezzata per la sua facilità di coltivazione e per la sua resistenza a parassiti e malattie. La pianta si mostra resistente anche in condizioni difficili,...


Stenocactus pentacanthus: Terreno e parassiti

fioriTerreno: come per molte altre cactacee anche per gli stenocactus il terreno deve essere molto ben drenato, quindi si consiglia di utilizzare un tericcio per piante grasse, ricco in sabbia, opportunamente addizionato di materiale grossolano, come perlite o pietra pomice.

Moltiplicazione: gli stenocactus sono generalmente piante singole senza ramificazioni, quindi l'unico modo per propagarle è la semina: si seminano in primavera in una composta costituita da sabbia e torba in parti uguali, le piantine germineranno rapidamente, ma la crescita dello stenocactus è lenta, quindi potranno rimanere nel contenitore di semina per molto tempo. Non sempre i semi degli stenocactus sono fertili, quindi se si desidera prelevarli direttamente dalla pianta è opportuno scegliere i semi di più piante, per aumentare le possibilità di successo; ricordate che non sempre le piante figlie sono identiche alla pianta madre.Parassiti e malattie: Gli eccessi di acqua provocano marciume radicale con grande facilità. Spesso gli stenocactus vengono attaccati dagli acari e dalla cocciniglia.





Esposizione
Pianta che necessita di essere esposta ai raggi diretti del sole.

 
Sole pieno
Annaffiature
Evitare di annaffiare troppo spesso, generalmente le annaffiature possono essere anche sporadiche, ogni 10-15 giorni.


Tenere asciutto
concimazione
Evitiamo di concimare le nostre succulente durante i mesi freddi; una concimazione tardiva infatti favorirebbe lo sviluppo di vegetazione ricca d'acqua, molto sensibile al freddo ed ai marciumi.


Esigenze della piante a settembre in un clima alpino.

COMMENTI SULL' ARTICOLO