Peronospora



In questa pagina parleremo di :Peronospora

Generalità

Si tratta di un fungo della famiglia delle Peronosporaceae: la Plasmopara viticola; colpisce in prevalenza la vite e alcune piante orticole, si può trovare anche sulle rose e su molte piante ornamentali.

Colpisce le foglie e si manifesta con delle macchie traslucide, che sembrano di olio, sulla pagina superiore, che spesso vengono seguite, in corrispondenza sulla pagina inferiore, da macchie di muffa giallastra, soprattutto se l'umidità è elevata.

Con il procedere del tempo la malattia si diffonde ai boccioli dei fiori e ai germogli, che si ricoprono di muffa bianco-giallastra. I tessuti colpiti da peronospora disseccano e cadono.

Prima della caduta sulle foglie il fungo rilascia delle oospore, che rimangono sulle foglie cadute, dove passano l'inverno, e infettano le piante l'anno successivo.

Difficilmente si può arrivare alla morte dell'intera pianta, però ovviamente si ha un forte deperimento della vegetazione, accompagnato da scarsa produzione di fiori e di frutti.

Questa malattia è favorita dall'elevata umidità e dalle temperature primaverili; le maggiori infezioni avvengono in periodi che presentano la cosiddetta regola dei tre 10: germogli di 10 cm, pioggia di 10 mm in 24-48 ore, temperatura minima 10°C; in presenza dei tre elementi precedentemente elencati si procede a trattamenti preventivi, irrorando le colture con prodotti specifici contro la peronospora come la poltiglia bordolese, o prodotti a base di rame. Questi prodotti sono utili anche per contenere l'infezione già in atto.

Essendo la peronospora una malattia molto dannosa per le coltivazioni, soprattutto per la vite, in molte regioni gli organismi preposti praticano un monitoraggio dello sviluppo della malattia.

Peronospora

Il termine peronospora in agricoltura viene impiegato facendo riferimento ad una malattia causata da svariati agenti patogeni e che colpisce un gran numero di piante. È causata da protisti appartenenti al genere Peronospora, ma anche ad alcuni facenti parte della famiglia delle Piziaceae.

In linea generale possiamo dire che vengono colpiti diverse colture alle volte dallo stesso agente patogeno, altre da agenti patogeni differenti. Gli effetti però sono molto simili ( depigmentazioni e necrosi sulle radici e i fusti, marciumi e mancata allegagione a carico dei frutti) e anche i metodi di prevenzione e cura.

Le coltivazioni colpite risultano:

- Lattughe, cicoria e carciofo, bietola

- Tutte le crucifere

- Tabacco

- Vite

- Meloni, cetrioli, anguria, zucche e zucchine

- Patata pomodoro melanzana

- Rose, piante ornamentali, fragole

- Cipolla, aglio, porro, scalogno

Sintomi della peronospora sulle diverse colture

peronospora

Lattughe, cavolo, cavolfiore, bietole: sulle foglie compaiono macchie rotonde prima di color verde e quasi trasparenti. Col tempo il margine si fa irregolare e le macchie arrivano ad un diametro di circa 2 centimetri prendendo prima una colorazione giallastra, poi bruna. Se si osserva la pagina inferiore si nota una muffa grigia. Infine le foglie si accartocciano e cadono.

Vite: si ha la comparsa di macchie rotonde sulla pagina superiore, in genere con aspetto clorotico. Con il tempo diventano leggermente trasparenti e lucide, “a macchia d’olio”: è il momento in cui il patogeno è riuscito a penetrare negli organi più interni. Infine vi è la comparsa delle muffa biancastra sulla pagina inferiore e la necrotizzazione delle aree precedentemente colpite. Grave danno si ha sui grappoli. Quelli piccoli necrotizzano, quelli già grandi ammuffiscono.

Cucurbitaceae: I primi sintomi sono la comparsa di zone decolorate con margini irregolari sulla pagina superiore e contemporaneamente, su quella inferiore la tipica muffa di color grigio-viola. La conseguenza più immediata è il disseccamento delle foglie e dei fusti, anche molto veloce. Molto comune in serra.

Patate, pomodoro, melanzana: in prima istanza si vedono chiazze scolorite e successivamente brune con contorno irregolare. Sulla pagina inferiore compare la muffa bianca. Può colpire anche la parte ipogea causando marcescenze.

Agliaceae: si manifesta con la comparsa di macchie verde chiaro-giallastre sulle foglie, leggermente depresse. In seguito si sviluppa la muffa di color violaceo. Vi è disseccamento delle foglie e perdita di produttività.

Rose: sulla pagina superiore si nota la presenza di aree tondeggianti con margini irregolari, clorotiche. Virano poi al bruno rossastro, allargandosi sempre di più. Sulla pagina inferiore si ha la comparsa di muffe bianche-grigiastre. Le conseguenze più gravi sono ampie defogliazioni. Il fungo determina la comparsa, sulla pagina superiore delle foglie, di macchie clorotiche e irregolari, che col tempo virano al rossastro fino a necrotizzare, interessando talvolta ampie zone fogliari. Sulla pagina inferiore compare una lieve muffa color grigio-bianco..

Il ciclo della malattia

In questo paragrafo descriveremo in maniera dettagliata il ciclo della peronospora della vite. Questo è molto studiato perché a partire dalla metà dell’Ottocento la malattia affligge in maniera seria le vigne di tutta Europa. In effetti precedentemente questa malattia non era conosciuta, ma arrivò nel nostro continente con i vitigni americani (che ne erano potatori, ma immuni visto che avevano sempre convissuto con questo patogeno).

Il suo ciclo è abbastanza esemplificativo di tutti i generi di peronospora che colpiscono le colture.

1) maturazione delle oospore: si tratta delle uova diploidi nate in autunno nei tessuti colpiti. Essenzialmente restano all’interno delle foglie morte o sul terreno durante tutto l’inverno. Queste, visto che hanno un doppio “guscio” esterno, sono le sole capaci di sopravvivere alle condizioni invernali (anche estreme: possono sopportare anche temperature di -20 °C). Maturano nel mese di novembre e il freddo non farà che conservare la loro capacità di germinare.

2) arrivata la primavera e quindi con la presenza di molta umidità e temperature che raggiungono i 12-13 °C, una parte delle oospore comincia a produrre un tubo germinativo all’interno del quale passa il nucleo centrale della spora. La germinazione si ha di solito a partire da marzo ed è favorita in maniera determinante dalla pioggia. Ad ogni modo le oospore possono conservarsi anche per diversi anni nell’attesa che si presentino le condizioni adatte.

3) i nuclei si moltiplicano per divisione mitotica: ogni sporociste può liberare da 60 a 200 spore mononucleate chiamate zoospore. Gli schizzi di pioggia e di terra causati dalle forti precipitazioni disperdono gli sporocisti e le zoospore su tutti gli organi vegetali. Le zoospore sono dotate di due flagelli e sono capaci di spostarsi all’interno più sottile velo d’acqua fino a quando non trovano uno stoma nel quale penetrare.

4) quando quattro o cinque zoospore giungono allo stesso stoma perdono i loro flagelli ed emettono un sifone infestante generativo che penetra la parete fogliare.

5) infezione primaria il citoplasma di queste zoospore è trasmesso a una vescicola che rapidamente emetterà un organo succhiatore verso la cellula ospite. Questo inoculo primario segna l’inizio del ciclo agamico. I primi sintomi si manifestano una decina di giorni dopo (periodo di incubazione). Un micelio si sviluppa negli spazi intercellulari e si alimenta tramite l’organo succhiatore. I tessuti circostanti sono rapidamente parassitati: questo è ciò che causa l’effetto “macchia d’olio” che compare circa 4-5 giorni dopo l’inizio dell’infestazione. Si ha poi l’ingiallimento della foglia a causa della perdita di clorofilla: di solito questo sintomo compare dall’ottavo giorno.

A questo punto ci sono due possibilità di riproduzione

a) una riproduzione asessuata che contribuisce alla propagazione dell’infestazione: vengono liberate all’esterno attraverso gli stomi delle zoospore che saranno all’origine di infezioni secondarie.

b) in autunno, al momento della caduta delle foglie, si ha una riproduzione sessuata per assicurare il perpetuarsi della specie. Anche se le temperature e l’umidità risultano ottimali le oospore non germineranno prima dei mesi di gennaio-febbraio.

Il ciclo di riproduzione sessuata dura in pratica un anno mentre quello asessuato è molto più breve e può ripetersi più volte, sempre però durante la stagione vegetativa.

Peronospora : Prevenzione e cura dalla peronospora

La lotta contro la peronospora, per ogni tipo di coltivazione, si basa principalmente sulla sua prevenzione. Infatti è possibile arrestarne la diffusione, ma i danni causati alle foglie diventano comunque irrimediabili.

Ci sono importanti precauzioni da prendere per evitare che si instaurino dei focolari primari derivanti dalle oospore svernanti che, dopo la germinazione, potranno diventare zoospore contaminanti.

- Bisogna sicuramente evitare che si accumuli acqua alla base delle piante e sul terreno circostante. Questo obiettivo può essere raggiunto approntando un ottimo drenaggio al momento della messa a dimora delle piante. Questo faciliterà lo sgrondo delle acque nei periodi più piovosi.

- Eliminare le foglie e gli scarti di potatura alla base del tronco e nelle vicinanze.

- Effettuare sempre delle perlustrazioni allo scopo di determinare nel più breve tempo possibile la comparsa dei sintomi.

Chiaramente si può intervenire anche con prodotti di copertura (rameici, ditiocarbammati) sugli organi sani per evitare l’avvento dell’infezione. Per decidere quale sia il momento migliore per intervenire ed evitare trattamenti inutili (ricordiamo che il rame è comunque dannoso per il suolo) si può fare riferimento a questi parametri:

- Il rischio di germinazione vi è in presenza di un autunno, inverno o primavera mite e piovoso.

- La regola dei 3-10:

o La temperatura è superiore ai 10 °C

o I giovani germogli hanno superato i 10 cm di lunghezza

o Sono caduti più di 10 mm di pioggia in 24-48 ore.

Durante il periodo di crescita delle piante bisogna spargere i prodotti in funzione della crescita della vegetazione, della frequenza delle piogge e della temperatura.

Il trattamento fungicida tradizionale messo a punto alla fine del XIX secolo era la poltiglia bordolese. Fu l’unico prodotto utilizzato ampiamente e con successo fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale, ma fu poi velocemente sostituito da principi attivi di sintesi. Questi possono essere principalmente classificati in prodotti da contatto, prodotti penetranti o citotropici e sistemici. Gli ultimi due hanno l’importante vantaggio di venir dilavati in minor misura dalle piogge e riescono quindi ad essere più persistenti proprio nel momento del massimo bisogno.

Inoltre riescono ad estirpare ed uccidere efficacemente le spore anche quando queste sono penetrate in profondità nei tessuti.

Alcuni endoterapici molto utilizzati sono: Ditiocarbammati, Tioftalimmidi, Fenilamidi, Ammidi dell'Acido Carbossilico, Cimoxanil.

Bisogna però ricordare che è sempre meglio variare spesso i principi attiivi, in particolare non utilizzare più di tre volte lo stesso prodotto durante un periodo vegetativo. In questa maniera, infatti, si potrebbero instaurare delle resistenze che renderebbero sempre più difficile la lotta a questo patogeno.

Recentemente i ricercatori sono riusciti ad introdurre in alcuni vitigni il gene di resistenza (derivante dai vitigni amercani) a questa malattia. Potrebbe essere una via per evitare l’uso intensivo di agrofarmaci.


Guarda il Video





  1. Commenti
  2. Invia ad amico

commenti

20.47.13 -
luciana di liddo - commento su Peronospora
ho un limone sul balcone da circa otto anni. Le foglie si macchiano e cadono, si sta deperendo. che faccio?
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
18.42.13 -
cosimo - commento su Peronospora
dopo aver fatto il trattamento contro la peronospera,la malattia ha colpito il 15 degli acini, la temeratura è piu elvata ,la malattia continuera a diffondersi?
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
15.25.10 -
franco - commento su Peronospora
i miei geranei hanno l infezione gia da l anno passato. A primavera sembrava tutto sistemato,volevo sapere se posso trattarli con il rame anche ora!grazie
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
18.03.31 -
Angela - commento su Peronospora
Mi anno regalata una pianta la sanseveria a delle machie color rugine temo che si possa seccare come posso curarla grazie Angela
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
21:45:08 -
- commento su Peronospora
ho una pianta di limoni sta perdendo i piccoli limoni diventano gialli e cadono aiuto.......
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
21.05.20 -
Grazia - commento su Peronospora
da circa un paio di mesi sulle foglie della mia stella di natale sono comparse delle macchie, poco evidenti, gialle;alcune foglie si seccano e cadono,potrebbe trattarsi peronospora?che cosa devo fare?
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
9.06.30 -
angela mastrovito - commento su Peronospora
Dove posso camprare questa abase di rame e quanto devo iniziare la cura grazie
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
18.36.25 -
alessia - commento su Peronospora
L'anno scorso ho comprato le piante aromatiche e sia la salvia che il rosmarino hanno sviluppato sulle foglie macchioline chiare che poi portano all'annerimento della foglia e alla sua morte,può trattarsi di peronospora?
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
18.18.35 -
- commento su Peronospora
meglio un ossicloruro di rame,al posto della poltiglia bordolese
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
19.24.52 -
matteo - commento su Peronospora
per la peronospora qual è meglio: VERDE RAME OSSICLURO DI RAME ZOLFO RAMATO
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
19.21.46 -
matteo - commento su Peronospora
ho deciso di mettere delle piante di asparagin,ma in che periodo si puiantano e si possono trovare piante di asparagina selvatica?
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
19:25:17 -
orlando - commento su Peronospora
il mio vitigno è stato colpito gavemente dalla peronospera poichè per diversi motivi non ho fatto in tempo a fare i consueti trattamenti per tempo. La mia domnda è questa: se il vitigno è stato colpito gravemente è a rischio solo il racolto o anche le piante ? Grazie a tutti coloro che vorranno darmi una risposta ed eventualmente un consiglio.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
19.28.16 -
matteo - commento su Peronospora
quest'anno nel mio giardino ho deciso di fare un orticello.Ho messo molte piante tra cui i pomodori,che però mi hanno preso la peronospora,anche dopo aver disinfettato il terreno e dato il verde rame.Vorrei sapere,cosa posso fare?
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

nome:

email:

commento :

Invia articolo ad un amico










Articoli Correlati



Peronospora
Peronospora
Si tratta di un fungo della famiglia delle Peronosporaceae: la Plasmopara viticola; colpisce in prevalenza la vite e alcune piante orticole, si può trovare anche sulle rose e su molte piante ornamenta ...
Vai alla pagina Peronospora
davallia canariensis
Felce - Davallia
questo genere comprende circa 30-40 specie di felci semisempreverdi originarie dell'Asia, dell'Africa, della Nuova Zelanda e dell'Europa meridionale; D. canariensis è originaria della isole Canarie, ...
Vai alla pagina Felce - Davallia
felci da appartamento
Felci in appartamento
Molte sono le specie di felce coltivate in appartamento, come molte sono le felci diffuse sulla terra, se ne contano decine di migliaia, presenti in tutte le zone umide ed ombreggiate, dai boschi alpi ...
Vai alla pagina Felci in appartamento
Trichopilia
Trichopilia
genere che conta circa 25-30 specie di orchidee terricole o epifite originarie dell'America centrale e meridionale. Hanno generalmente pseudobulbi appiattiti e formano cespi di lughe foglie ovali, spe ...
Vai alla pagina Trichopilia
Giardinaggio su Facebook Giardinaggio su Yuotube Forum Giardinaggio Registrazione a Giardinaggio.itForum Giardinaggio
Pagine più visitate di questa settimana
Tripidi I tripidi sono minuscoli insetti, simili a piccoli continua...
coccinigliaCocciniglia Le cocciniglie sono dei rincoti, come gli afidi; q continua...
piante malateFumaggine Con la definizione fumaggine si intende un gruppo continua...
meleRame e zolfo Rame e zolfo sono due minerali lungamente utilizza continua...
insettiOziorrinco L'Oziorrinco appartiene alla famiglia dei Coleotte continua...





Altre piante simili


Linguaggio dei fiori

Linguaggio dei fiori
Conoscere il significato ed il linguaggio dei fiori è di fondamentale importanza per non fare brutte...

... vai alla pagina Linguaggio dei fiori

Poesie

Poesie
Per i nostri lettori amanti della letteratura, giardinaggio.it offre con questa sezione una splendid...

... vai alla pagina Poesie




  • Il mondo esotico delle piante grasse e delle piante carnivore si svela ai nostri lettori attraverso articoli interessanti, precisi e dettagliati.
  • In appartamento troverai tante specie di piante d'appartamento con le relative schede di approfondimento per scegliere la pianta migliore per casa tua.
  • Esistono piante dai poteri curativi, utilizzate anche in farmacia per le loro straordinarie proprietà. Scoprile e impara a coltivarle grazie a questa rubrica.
  • Entra nella sezione dedicata ad orto e frutta, dove troverai tutte le piante da orto e le piante da frutto con ampie descrizioni e consigli per la loro coltivazione.