Orchidee

vedi anche: Orchidee

Le orchidee

Le orchidee sono piante affascinanti per la loro provenienza e per le bellissime infiorescenze. Fino a qualche decennio fa la loro coltivazione era riservata ad una élite: era infatti quasi sempre necessario possedere delle serre o ambienti dove si potessero mantenere alte temperatura e umidità.

Nel tempo però si sono diffuse anche varietà provenienti da ambienti più freddi, più adattabili alle condizioni di vita europee. Inoltre i ricercatori hanno creato nuovi ibridi, meno delicati e più facilmente riproducibili. Oggi sono piante più popolari, meno costose e più diffuse nelle case e nei giardini di tutti.

Il nome “orchidea” deriva dal latino e significa “testicolo” in riferimento ad alcuni tubercoli presenti alla base di delle specie terricole endemiche del nostro paese.

orchidee

Growth Technology GTOMRPK Orchid Myst Kit rinvaso per orchidee

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,1€


Descrizione e origini

Le orchidee sono per lo più endemiche delle aree tropicali e subtropicali del continente asiatico ed americano. Alcune specie, quasi duecento, si trovano però allo stato spontaneo anche in Italia, in particolar modo nelle aree collinari e montane.

Quelle provenienti da habitat temperati e caldi sono quasi tutte epifite: si aggrappano con le radici ad altre piante, che fungono solamente da sostegno.

Le altre, di altitudine, sono invece dette “terricole” perché affondano le radici nel terreno.

Le foglie sono in ogni caso intere, quasi sempre ovali o nastriformi, disposte in maniera alternata. La loro consistenza alle volte carnosa visto che assolvono anche alla funzione di riserva di liquidi e nutrienti. In altri casi questo compito è invece assolto dagli pseudobulbi che si trovano alla base, di forma ovoidale o cilindrica.

La forma dei fiori è tipica e molto riconoscibile: nella parte superiore sono presenti tre sepali, in quella inferiore tre petali. Quello centrale, detto labello, varia in forma e colore a seconda della specie e delle cultivar ed ha la funzione di attirare gli insetti impollinatori.

Le Radici, nelle specie epifite e saprofidiche, sono aeree e spesso carnose. Sulla loro superficie è presente uno strato sottile detto velamen il cui compito è l’assorbimento dell’umidità dell’aria e delle superfici a cui si ancorano.

Come abbiamo detto vi sono però anche specie terricole, come quelle che si possono trovare allo stato spontaneo in Europa. In questo caso l’apparato ipogeo è composto da bulbi o rizotuberi.

LE ORCHIDEE IN BREVE
Famiglia Orchidaceae
Fogliame persistente
Coltura Da facile a difficile
Altezza Da 10 a 60 cm
Necessità idrica media
Umidità ambientale Medio-alta
Concimazione Ogni 15 giorni
Temperatura minima Generalmente 10°C, molto dipende dalla specie
Esposizione Molto luminosa, no luce diretta
Propagazione Divisione, prelievo keiki
Avversità Afidi, chiocciole, cocciniglia

  • orchidee Le orchidee sono uno dei generi di piante fra i più eccentrici ed affascinanti del mondo vegetale. Questa sezione offre descrizioni, immagini e preziosi consigli su moltissime specie di orchidee, pian...
  • Orchidee Cattleya il genere orchidee cattleya conta circa cinquanta specie di epifite e litofite, originarie dell'America meridionale; sono munite di pseudobulbi carnosi, che possono avere dimensioni vicnie ai 5-7 cm, ...
  • Masdevallia Lata Genere che comprende numerosissime orchidee epifite, originarie delle zone umide e montuose dell'america del sud, dal Messico al Perù. Non presentano pseudubulbi e le foglie lunghe e strette, abbastan...
  • cymbidium Genere di quaranta specie di orchidee epifite e terrestri, originarie dell'Asia centrale e meridionale e dell'Australia; esistono in commercio numerosissimi ibridi, con fiori dai colori vistosi. Produ...

solevivo terriccio per orchidee da 5 lt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,75€


Come curare le orchidee

ghiaccio e orchidee Le orchidee sono delle piante originarie di climi totalmente differenti dal nostro, che solitamente vivono in climi tropicali dove le temperature sono sempre elevate e l'umidità è alta. La coltivazione in Italia è possibile ma solo tenendo queste piante in appartamento durante i mesi più freddi. Le temperature minime di crescita per le orchidee infatti devono essere di almeno 18-20 °C e per questo vanno tenute al caldo durante i mesi invernali. Le orchidee sono anche delle piante esigenti per quel che riguarda l'umidità e per curarle al meglio dovremo ricordarci di mantenere un'elevata umidità intorno alla pianta con frequenti vaporizzazioni delle foglie e del fusto. Un altro fattore importante per queste piante è la luce poichè si tratta di piante che hanno bisogno di luce ma mai di luce diretta e preferiscono luce diffusa.

In questo nostro approfondimento affronteremo uno ad uno tutti gli aspetti fondamentali per la cura delle orchidee analizzando i diversi aspetti che richiedono queste piante per una corretta coltivazione.


Orchidee in appartamento

orchidea phalenospis Il genere delle orchidacee conta migliaia di specie, diffuse praticamente in tutto il globo; pensando alle orchidee i primi fiori a cui pensiamo sono quelli delle specie tropicali, ma non esistono solo quelle; molte orchidee vivono spontanee anche nei boschi e nei pascoli europei, e si possono vedere in fiore in genere nei mesi primaverili. Ovviamente le specie autoctone non sono adatte ad essere coltivate in appartamento, sono più adatte al giardino, ma spesso sono specie protette, quindi dovremo accontentarci di ammirarne i fiori immersi nel loro habitat naturale.

Le orchidee più adatte ad essere coltivate in appartamento sono invece le specie tropicali, che si possono meglio adattare al clima caldo per tutto l'arco dell'anno.


Quali specie

In commercio, come piante o anche come fiori recisi, si trovano con maggiore facilità 3 specie di orchidea: le phalaenopsis, i dendrobium ed i cymbidium.

Le prime due specie sono orchidee che amano il caldo; i Cymbidium invece sono orchidee che possono tranquillamente essere coltivate in giardino, non temono gelate di lieve entità; nelle regioni settentrionali sarebbe meglio posizionarle in luogo protetto durante i mesi invernali. La coltivazione dei Cymbidium in appartamento porta all'assenza di fiori, e ad un lento deperimento delle piante, che tendono a produrre scarso fogliame di colorito smorto e ad essere facile preda di parassiti di vario genere. Quindi se acquistiamo una pianta di Cymbidium cerchiamo di ambientarla a vivere all'aperto, magari su un terrazzo, in modo da poter godere negli anni dei fiori e di piante sane e rigogliose.


Le specie da appartamento

Phalaenopsis e dendrobium sono le specie più diffuse, ma anche in un piccolo vivaio possiamo trovare molte specie di orchidea di origine tropicale, decisamente poco adatte ad essere coltivate in giardino. Ogni specie ha evidentemente esigenze diverse, e se siamo degli appassionati di questi magnifici fiori impareremo presto ad informarci ogni volta che un nuovo esemplare trova posto nella nostra collezione. Nel caso vogliate coltivare molte orchidee tropicali è il caso che vi dotiate di un terrario o di una piccola serra, in cui mantenere umidità e temperature idonee alla crescita di queste splendide piante.

Se invece volete solo coltivare una o due orchidee come piante da appartamento il consiglio è sicuramente quello di dedicarsi appunto alle phalaenopsis, che tra le varie specie sembrano quelle che più si adattano al clima presente in casa. Anche i dendrobium, le cattleye e le cambrie possono essere coltivate in appartamento, spesso con ripetute fioriture e buoni successi di coltivazione.

ClimaVarietàDescrizioneFiori

Altre caratteristiche/esigenze climatiche

Orchidee da serra freddaCymbidiumFoglie nastriformiGrandi fiori dalla consistenza cerosaColtura molto semplice
Dendrobium NobileSteli a forma di bambù con foglie alterne e lunghi pseudobulbiGrandi fiori multicolori, fino a 8 cm di diametroFiorisce in inverno.

Delicata perché richiede specifico sbalzo termico

OncidiumFoglie nastiformiPiccolissimi fiori dorati o bruniTra i 10 e i 25°C
Orchidee da serra temperataPaphiopedilumFoglie nastriformi, molto decorativeIl labello è simile ad una tascaColtura semplice se si dispone delle giuste temperature
CattleyaFoglie spesse e coriaceeMolto grandi, che durano quasi un mese. ColoratissimiDi media difficoltà
Miltonia Foglie sottili verde chiaroFiore simile alla viola del pensieroColtura delicata, molto frequenti i marciumi radicali e del colletto
Orchidee da serra caldaVandaFoglie nastriformi, molto lungheDiametro fino a 15 cm, belle nel blu e nel fucsiaColtura abbastanza difficile
PhalaenopsisFoglie spesse e arrotondateFiori grandi a forma di farfalla, in moltissimi coloriIbridi molto semplici. Le più comuni e diffuse negli appartamenti


La luce per le orchidee

Anche se ogni specie di orchidea ha necessità specifiche, che dipendono dal luogo di origine delle specie presenti in natura, possiamo indicare delle regole generali per le piante che vengono consigliate come specie da appartamento.

Uno degli elementi fondamentali è la luce; infatti la gran parte delle orchidee tropicali vive in luoghi ben luminosi, ma difficilmente riceve i raggi diretti del sole; l'ideale è posizionarle vicino ad una finestra, ma lontano da fonti di calore o da spifferi; quindi si consiglia di tenere i vasi delle orchidee nelle zone più luminose della casa, in modo che possano godere di una buona quantità di luce senza però venire scottate dai raggi solari diretti; soprattutto durante i mesi estivi ripariamo le piante dal sole diretto, e se le spostiamo all'aperto ricordiamo di ripararle, soprattutto durante le ore più calde della giornata.

Evitiamo in ogni caso di posizionare la nostra orchidea in luogo buio o scuro, perchè qeusto porterebbe la pianta a non produrre fiori e a sviluppare in modo scarso o nullo le radici ed il fogliame.

Se abbiamo deciso invece di coltivare una specie a foglia caduca, ricordiamo di riporre il vaso in luogo poco luminoso durante il periodo di riposo della pianta, ovvero quando non presenta vegetazione.

Quasi tutte richiedono un’esposizione molto luminosa, ma bisogna evitare il sole diretto, specialmente da metà primavera all’autunno. In casa l’ideale è una stanza con una finestra a Sud, possibilmente schermata con una tenda leggera di colore chiaro. Nella bella stagione, all’esterno, possiamo posizionarle sotto ad un albero a foglia caduca o sotto un pergolato.


L'acqua

annaffiare orchidee La gran parte delle orchidee coltivabili in appartamento sono di origine tropicale, quindi sono adattate al clima caldo e umido dei tropici, con precipitazioni frequenti e di lieve entità e sbalzi termici quasi assenti. Quindi prediligono un clima di coltivazione tiepido, con temperature medie di circa 20-25°C, per tutto l'arco dell'anno. Le annaffiature devono essere molto frequenti, ma evitando di inzuppare il substrato: ogni 3-5 giorni inumidiamo il terreno con acqua demineralizzata a temperatura ambiente.

La parola d'ordine è alta umidità ambientale; questo tipo di umidità non viene data soltanto dalle annaffiature, ma dipende dalla quantità di acqua presente nell'ambiente; per un coretto sviluppo delle orchidee e per favorire la fioritura l'umidità ambientale deve essere abbastanza elevata; per ottenere una buona umidità ambientale è consigliabile vaporizzare spesso le foglie delle orchidee, utilizzando dell'acqua demineralizzata.

Durante i periodi di caldo estivo ed anche quando l'impianto di riscaldamento o di condizionamento sono attivi, il clima in appartamento tende ad essere molto asciutto; possiamo ovviare a questo problema ponendo un umidificatore vicino alle nostre orchidee.

Un altro valido metodo per aumentare la quantità d'acqua dispersa nell'aria consiste nel posizionare i vasi di orchidee in un vassoio riempito con ciottoli o argilla espansa; manterremo sempre il vassoio colmo di acqua, fino ad almeno mezzo centimetro dal vaso delle orchidee, in modo da non bagnarne il terriccio; in questo modo l'acqua nel vassoio evaporando manterrà elevata l'umidità ambientale.


Concime e terreno

Buona parte delle orchidee tropicali sono epifite, ovvero non affondano le loro radici nel terreno, ma vivono tra le intersezioni dei rami di alti alberi, o tra le rocce, dove si depositano materiali decomposti o in decomposizione; quindi prediligono terreni molto soffici e incoerenti; in vivaio si imita questo tipo di substrato mescolando dei pezzetti di corteccia con della torba o dello sfagno, pezzi di fibra di cocco, o addirittura polistirolo. In genere le orchidee non vengono rinvasate regolarmente, ma le si sposta in un contenitore più grande solo quando le radici fuoriescono copiosamente; oppure si dividono i cespi per porli in vasi diversi ed ottenere così due esemplari della stessa pianta.

Anche le orchidee necessitano di concimazioni, ma in quantità molto contenuta; in genere si concimano per tutto l'arco dell'anno, ogni 12-15 giorni, ma utilizzando un concime specifico ed in quantità molto ridotta, in modo che non ci siano quantità eccessive di sali minerali all'interno dell'acqua delle annaffiature.

Le orchidee non possono ricavare nutrienti dal substrato. Vanno quindi aiutate con concimi di sintesi, per lo più liquidi o idrosolubili.

Generalmente alla ripresa vegetativa si somministra un prodotto in cui l’azoto sia prevalente. Da metà primavera all’autunno invece si sceglierà una formulazione più equilibrata. In autunno e inverno è importante prediligere una maggiore somministrazione di potassio, in maniera che la pianta sia stimolata, alla fine dell’inverno, ad emettere degli steli fiorali.

Quasi tutte necessitano un substrato praticamente inerte. I materiali utilizzati comunemente sono: corteccia di pino (appositamente preparata), carbone di legna, argilla espansa, agriperlite, polistirolo, lana di roccia. Nel caso si voglia aumentare leggermente l’umidità si può aggiungere un po’ di sfagno.


Orchidee più coltivate

Le orchidee possono essere considerate a tutti gli effetti piante cosmopolite perché, nelle loro diverse specie, si trovano ovunque sul nostro pianeta, con l’unica eccezione dei deserti e delle aree coperte costantemente dai ghiacci.

Quelle più decorative e conseguentemente diffuse in coltivazione sono però per lo più originarie delle aree tropicali. Dalle 25000 specie presenti in natura sono state ricavate addirittura decine di migliaia di ibridi.

Le loro esigenze specifiche sono determinate dagli ambienti naturali da cui derivano i loro progenitori: in linea generale crescono in maniera vigorosa quando le temperature si attestano tra i 15 e i 25 °C.

Ecco le specie più comuni:

- Le cattleya: provenienti dall’America Centrale e Meridionale, hanno fiori dal grande impatto e spesso profumati. Devono crescere con temperature comprese tra i 16 e i 25°C e un alto tasso di umidità dell’aria (almeno il 70%)

- I cymbidium, endemici degli altopiani dell’Himalaya e dell’Australia, sono considerati a tutti gli effetti piante d’appartamento. In alcune aree del nostro paese, nel Centro-Sud e sulle coste, possono però essere utilizzati anche come esemplari da esterno, in piena terra o in vaso. Possono sopportare una temperatura minima di 4°C, specie se poco prolungata. È comunque importante tenerle in autunno per circa un mese a circa 10°C, per indurre la produzione di steli fiorali. L’emissione può durare diversi mesi e ripetersi nella stessa annata. Le corolle sono molto durevoli e colorate (soprattutto negli ibridi).

- Gli oncidium richiedono temperature tra i 10 e i 25°C e hanno corolle con temperature tra il giallo, il bronzo e il marrone

- I dendrobium provengono dall’Asia, dall’Australia e dalla Nuova Zelanda. Il tipo denominato “Nobile” predilige ambienti freschi, specialmente durante le ore notturne. Quelli invece conosciuti come “phalaenopsis” sono meno esigenti in fatto di sbalzi termici e fioriscono facilmente anche senza esservisi sottoposti. Sono quindi molto adatti ad essere coltivati come piante d’appartamento.

- Le Miltonia provengono dalle regioni andine. Si adattano bene ad un clima mite, con temperature tra i 12 e i 25 °C. Fioriscono tra l’estate e l’autunno. Hanno corolle molto vistose e colorate.

- Le Vanda provengono dall’Asia tropicale, in particolare dalle foreste della Birmania. Vogliono temperature comprese tra 16°C e i 30°C. I fiori sono grandi e di colori molto vivaci (tra cui il blu). Alcune sono dotate di un ottimo e intenso profumo.


Dove coltivare le orchidee

coltivare le orchidee Quasi tutte le orchidee vengono coltivate in vaso, nel nostro paese, ad eccezione dei cymbidium che, in alcune aree, possono essere tenuti all’esterno, in una posizione riparata.

Una bella alternativa per le epifite è la creazione di una cosiddetta “zattera”. Per la sua creazione si usano dei rami o delle porzioni di sughero, cui far aggrappare la pianta, similmente a come farebbe nel suo ambiente naturale. Si possono creare composizioni molto eleganti e anche piuttosto semplici da mantenere.

Vanno quasi sempre tenute all’interno (o, in estate, in veranda o in una zona riparata del giardino). Vanno protette però dalle correnti d’aria, soprattutto se fredde. Va anche evitata la vicinanza di fonti di calore, che causano un ambiente troppo secco.


Irrigazione e umidità

Per avere sempre piante belle e evitare l’insorgere di marciumi è bene irrigare solo quando le radici risultino argentee. Si può scegliere di distribuire l’acqua dall’alto o farlo immergendo il vaso per almeno la metà nel liquido (lasciandolo poi scolare bene per almeno tutta la notte). Il secondo metodo, se ben eseguito, evita l’insorgere di marciumi alla base delle foglie (dove spesso l’acqua si deposita).

Le piante, per mantenersi sane, hanno però bisogno anche di molta umidità ambientale. Deve aumentare sempre con l’alzarsi delle temperature. Per ottenerla si può vaporizzare più volte al giorno le foglie oppure porre nell’area dei sottovasi pieni di argilla espansa e acqua.

Per tutte queste operazioni è importantissimo impiegare solo acqua demineralizzata o piovana. Il calcare (e altri sali) possono infatti, alla lunga, danneggiare gravemente sia le foglie sia l’apparato radicale delle orchidee.


Come indurre la fioritura

Per ottenere una nuova fioritura è quasi sempre necessario esporre le piante per un periodo ad un calo delle temperature, specialmente notturne. Questo simula l’inverno che avrebbero vissuto nel loro ambiente naturale e, al termine, la normale ripresa vegetativa con la conseguente produzione di fiori. Ogni specie richiede temperature e tempistiche adeguate: è quindi necessario informarsi approfonditamente.


Propagazione

La propagazione tramite seme può essere effettuata solo da professionisti o esperti.

Si può però operare, a seconda delle specie, per divisione degli pseudobulbi oppure prelevando i polloni, detti anche keiki.



Guarda il Video
  • orchidea Le orchidee sono uno dei generi di piante fra i più eccentrici ed affascinanti del mondo vegetale. Questa sezione offre
    visita : orchidea
  • come curare le orchidee Tra questi qualcuno sostiene che non andrebbero mai potate per via del loro rinnovamento spontaneo dopo l'appassimento d
    visita : come curare le orchidee
  • orchidee cura La pianta di orchidea è una meravigliosa pianta floreale che nel corso degli ultimi decenni ha saputo farsi apprezzare t
    visita : orchidee cura
  • pianta casa All'interno della sezione singole piante trovi tutte le schede delle principali piante d'appartamento. Ogni scheda prend
    visita : pianta casa

commenti

Nome:

E-mail:

Commento:


14.16.20 -
Isabella - commento su Orchidee
Non mi aspettavo questa replica da parte tua e... scusa tanto ma non capisco cosa intende la tua domanda su cosa acquisto se ti riferisci a giornali o.. altro. Comunque li acquisto entrambi sia Giardini che Giardinaggio da Isabella Di Febo
6:22:09 PM -
Ugo Laneri - commento su Orchidee
Ho notato qualche imprecisione; secondo me l’argomento dovrebbe essere trattato con maggiori approfondimenti.
11:57:53 AM -
Isabella Di Febo - commento su Orchidee
(Per Ugo Laneri) Non sono d£accordo invece l£argomento è spiegato benissimo e non ha alcuna imprecisione anzi....queste riviste mi sono state di grandissimo aiuto in quanto li acquisto per motivi di lavoro. Sono riviste molto professionali e fin£ora ci ho fatto una gran figura. Complimenti alla redazione
11:57:07 AM -
Isabella Di Febo - commento su Orchidee
(Per Ugo Laneri) Non sono d£accordo invece l£argomento è spiegato benissimo e non ha alcuna imprecisione anzi....queste riviste mi sono state di grandissimo aiuto in quanto li acquisto per motivi di lavoro. Sono riviste molto professionali e fin£ora ci ho fatto una gran figura. Complimenti alla redazione
12.34.48 -
Ugo Laneri - commento su Orchidee
Non mi è chiaro che cosa acquisti la Sig.a Isabella Di Febo
11:59:35 -
rossella - commento su Orchidee
Ho lo stesso problema della signora Santina e gradirei conoscere la risposta.
18.33.36 -
Ugo Laneri - commento su Orchidee
No, le radici delle Orchidee hanno in genere uno strato esterno (velamen) che, nelle epifite, quando questo si asciuga, diventa bianco per la presenza di aria; quando sono bagnate, gli interstizi si riempiono di liquido e quindi le radici appaiono verdi: ciò significa che sono in grado di effettuare la fotosintesi (questo secondo me spiega perché spesso i vasetti delle Phalaenopsis sono trasparenti). In conclusione è normale che nelle Phalaenopsis e loro ibridi le radici stiano in parte fuori dal substrato. Malgrado lo strato suberoso esterno protegga, entro certi limiti, le radici dalla disidratazione, tuttavia è utile seguire le raccomandazioni riportate sopra, di mantenere una buona umidità ambientale. Se poi la luce, la temperatura e le annaffiature con acqua riposata (meglio la distillata o demineralizzata, ma non proprio sempre indispensabile) sono adeguate, con un po£ di fertilizzante ogni tanto, la fioritura e lo sviluppo sono assicurati.
10.50.07 -
Paola - commento su Orchidee
Mi è stata regalata un orchidea phalaenopsis ha qualche radice bianca fuori dal vaso. E£ normale così o vanno messe dentro? Non seccano?
22:00:33 -
santina - commento su Orchidee
salve, volevo sapere...ho 5 orchidee..ma tutte una volta che i fiori sono caduti, il gambo si è seccato e ho provveduto quindi a tagliarlo.. però il gambo non è più cresciuto...come devo fare per far si che ricresca...quanto tempo impiega??? grazie mille