Ciclamino - Cyclamen persicum

Generalità

Genere che conta circa venti specie di erbacee perenni, che sviluppano larghi tuberi tondeggianti, originarie dell'area mediterranea; sono diffuse in gran parte del globo terrestre come piante da appartamento e da giardino, ideali per le aiole ombreggiate. I tuberi si interrano ad una profondità pari al loro raggio. Le foglie sono tondeggianti, leggermente carnose, portate da un lungo picciolo; sono di colore verde scuro, spesso segnate da una vistosa zonatura di colore verde-argenteo. I fiori appaiono in gruppo, al centro delle foglie, da cui si elevano di alcuni centimetri; sono di colore vario, nelle tonalità del rosa e del rosso, con varietà anche a due colori. Hanno petali rivolti verso l'alto, che donano ai fiori di ciclamino una forma particolare ed inconfondibile. La fioritura dei ciclamini dura alcune settimane, da settembre fino alla primavera.

Ciclamino

Suttons Seeds 112023 - Sementi di ciclamino hederifolium

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,62€


Il ciclamino

Il ciclamino è una pianta originaria dell’Europa e dell’Asia ( ma vi sono specie originarie anche dell’Africa) e appartiene alla famiglia delle Primulaceae e comprendendo circa 15 specie. In Italia crescono spontaneamente nei boschi il c. neapolitanum, il repandum e l’europaeum. Il fiore era già conosciuto in antichità dai romani e dai greci che lo coltivavano nei loro giardini, dandogli però altri nomi. Il nome attuale deriva dal greco “kuklos” che significa “circolare” e forse fa riferimento alla forma del bulbo. Il ciclamino che troviamo normalmente in commercio, invece, deriva di solito dal cyclamen persicum, di origine orientale. Venne introdotto in Europa nel 1600 ed è ad oggi una delle più comuni piante da vaso. Iniziarono a coltivarlo e a selezionarlo in Inghilterra, ma poi vi si appassionarono anche in Francia e Germania al punto che già all’inizio del 1900 erano state prodotte delle cultivar dal fiore doppio o con i petali sfrangiati. Si è poi andati alla ricerca di cultivar nane e profumate, anche se, in quest’ultimo caso, con scarso successo.

Alcuni vivaisti hanno fatto ricerche anche sulle foglie per ottenere colori e forme particolari.

Famiglia e specie Primulaceae, comprendente circa 15 specie
Esposizione Mezz’ombra, ombra
Resistenza al freddo Il persicum no, molti altri sì
Terreno Di bosco, acido o basico a seconda delle specie
Fioritura Alcuni alla fine dell’inverno, altri in autunno
Colori Bianco, rosa, rosso, viola, salmone
Altezza da 10 a 35 cm
Tipo di pianta bulbosa
Irrigazione Normale, teme i ristagni
Coltivazione Da facile a mediamente difficile


  • Ciclamini I Ciclamini sono piante con radice tuberosa, diffusi in natura nell’area mediterranea, in Europa, Africa e Asia; questa zona è caratterizzata in genere da inverni abbastanza miti, primavera ed autunno...
  • cyclamen purpurascens Il Cyclamen Persicum è stato ottenuto dalla specie latifolium (di origine greca) ed è diventato il ciclamino più coltivato e commerciato. La pianta è oggetto di estesa coltura industriale per la vendi...
  • Ciclamino Il Cyclamen coum chiamato anche ciclamino dei boschi, è una pianta tuberosa a foglie caduche, originaria dell’Europa centrale ed orientale e del Medio Oriente. Il piccolo tubero appiattito produce alc...
  • ciclamino Le mie piante di ciclamino, ad oggi, non hanno ancora cessato di fiorire e di avere un fogliame vigoroso.Cosa fare affinchè il prossimo anno tornino a fiorire?Non dovrebbero essere messe a riposo?...

Vaso Geo Ciclamino Cm. 35 Cilindrico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,4€


Ciclamini da esterno

Ciclamino  I ciclamini rustici crescono bene all'aperto in posizione ombreggiata, o semiombreggiata. Presentano generalmente foglie più piccole di quelli d'appartamento. I tuberi si piantano in tarda primavera o a fine estate, ad una profondità di 3 o 4 centimetri in terreni ricchi di sostanza organica, cui devono aggiungersi foglie di faggio e sabbia, capace di trattenere umidità, ma allo stesso tempo permeabile agli eccessi di acqua. Annaffiamo periodicamente il terreno, ma solo quando è asciutto. Dopo la fioritura, con l'arrivo della primavera, il fogliame appassisce e le painte entrano in riposo vegetativo; evitiamo di annaffiarle in questo periodo dell'anno. Se lo desideriamo quando i tuberi sono dormienti possiamo dissotterrarli per spostarli.


Come curare i ciclamini

In questo paragrafo parleremo in particolare del cyclamen persicum cioè quello venduto nei negozi dall’autunno all’inizio della primavera e di come curarlo. È sicuramente il più comune. La radice è un bulbo ovale nero dal quasi si dipartono le foglie e gli steli. Le foglie hanno forma di cuore e sono verde medio con, alle volte, venature bianche. Il fiore è formato da cinque petali che si slanciano verso l’alto. Quando la fioritura giunge al termine la pianta produce dei frutti a forma di capsula rotonda. All’interno si trovano i semi, numerosi e molto piccoli. Essendo una pianta vivaisticamente importante si possono trovare moltissimi colori e variegature. Inoltre vi sono petali lisci, sfrangiati e anche ondulati.

CALENDARIO DEI LAVORI
Gennaio, febbraio, marzoFioritura, irrigazione, concimazione, pulizia
AprileInizio riposo
Maggio, giugno, luglio, agosto, settembreRiposo, rinvaso, divisione, semina
OttobreRipresa vegetativa
Novembre, dicembreInizio fioritura nelle specie precoci


Ciclamini da interno

Ciclamino  I ciclamini semirustici invece nelle zone a clima freddo devono essere coltivati durante il periodo invernale in appartamento.

In estate le annaffiature devono essere abbondanti. Durante il periodo invernale la temperatura ottimale è di 18-20°C e non deve scendere al di sotto dei 15°C. Annaffiamo con regolarità, ma solo quando il terreno è ben asciutto, ed evitando di lasciare acqua nel sottovaso o di bagnare eccessivamente il fogliame.

I ciclamini da interno soffrono molto le fonti di calore e l'aria troppo asciutta, per questo motivo è bene posizionarli lontano da stufe, caloriferi, o altre fonti di calore, e spruzzare regolarmente le foglie. Durante la fioritura è preferibile evitare le vaporizzazioni, poiché l'acqua tende a macchiarene i petali; per aumentare l'umidità ambientale possiamo anche porre i contenitori in sottovasi o ciotole riempiti di argilla espansa, immersa nell'acqua: in questo modo l'acqua evaporando aumenterà l'umidità ambientale, senza entrare in contatto con le radici delle piante.


Come fare rifiorire il ciclamino

Se dopo settimane di fiori splendidi iniziate a veder deperire i fiori del vostro ciclamino, non abbiate paura e soprattutto non andate in panico. Dopo una lunga ed abbondante fioritura, anche il ciclamino smette di fiorire ed inizia un lento passaggio verso uno stato di dormienza.

Dapprima si notano le foglie che ingialliscono, per poi seccare e cadere. In questa fase NON BUTTATE LA PIANTA DI CICLAMINO, ma seguite i consigli che vi diamo, perchè nonostante le apparenze la pianta non è morta.

Una volta terminata la fioritura, generalmente verso febbraioio-marzo, i ciclamini si devono portare in un ambiente non riscaldato o, per chi ha la fortuna di averne una, in serra fredda. Le annaffiature devono essere ridotte di molto e quando la pianta non produce più foglie (solitamente verso giugno) completamente interrotte. Nel mese di agosto si svuotano i vasi e si prelevano i tuberi. Si tolgono le radici vecchie e si piantano i tuberi in un terriccio ricco di sostanza organica con foglie di faggio e sabbia. Le annaffiature devono essere molto abbondanti.


Riproduzione

I ciclamini possono essere riprodotti solo da seme. I tuberi infatti non si riproducono e non possono essere divisi. I semi vanno raccolti in estate. Ricordiamo che i ciclamini d'appartamento per produrre semi devono essere impollinati. Per fare questo con un pennellino si preleva il polline dalle antere e si deposita sugli stimmi. I semi vanno quindi seminati nel mese di settembre


Parassiti e malattie ciclamino

Parassiti e malattie ciclamino Il ciclamino è una pianta che non viene frequentemente attaccata da parassiti. Qualche volta si possono verificare attacchi di afidi o di acari. Si consiglia l'uso di un antiparassitario specifico. Teme però il marciume radicale e la botrite, malattie fungine che si sviluppano in caso di eccessive annaffiature, substrato scarsamente drenante e mancanza di ventilazione.I problemi più comuni per i ciclamini sono di solito i marciumi del bulbo o delle foglie.

Nel primo caso purtroppo a danno fatto non c’è rimedio. È per questo che è importantissima la prevenzione adottando buone strategie per l’irrigazione e per la pulizia sistematica. È bene anche essere molto attenti al momento dell’acquisto. Infatti, specie nei negozi non specializzati come i supermercati, le piante vengono annaffiate in modo scriteriato e capita di acquistarne di già infette. È quindi importante controllare con attenzione il substrato assicurandosi che non sia troppo bagnato. Le foglie possono invece essere attaccate da Botrytis, specie se l’umidità ambientale è molto alta. È necessario in quel caso rimuovere con attenzione le foglie colpite e arieggiare maggiormente la zona. Un altro problema può essere un attacco da parte del ragnetto rosso (acari). Si noterà un ingiallimento delle foglie e una perdita di vitalità della pianta. È causato da un ambiente eccessivamente secco. Bisogna quindi vaporizzare spesso la pianta con acqua e distribuire un acaricida.


Varietà di ciclamino

Cyclamen cilicium

Provenienza: Asia minore. Altezza massima 10 cm. Semirustica, con foglie variegate, produce fiori rosa pallido che sbocciano in ottobre.


Cyclamen coum

Provenienza: Europa su orientale-Asia minore. Altezza massima 10 cm. Rustica, con foglie variegate, produce fiori rosa fucsia che sbocciano da dicembre a marzo. Esiste anche una varietà bianca (ciclamino Coum albissimum). È originario di due aree: le rive del Mar Nero e della Turchia. Cresce in boschi di piante decidue o sempreverdi. È molto resistente al freddo ed è quindi consigliato per la coltivazione in piena terra. Le foglie, tondeggianti e con zone argentate, spuntano in autunno mentre la fioritura si ha da gennaio a marzo. Sono piante molto piccole, non arrivano ai 10 cm. I fiori possono essere rosa intenso o bianchi.


Cyclamen libanoticum

Provenienza: Libano. Altezza massima 15 cm. Semirustica, con foglie variegate, produce fiori rosa che sbocciano da febbraio a marzo.


Cyclamen persicum

Cyclamen persicum Provenienza: mediterraneo orientale. Altezza massima 20 cm. Semirustica, con foglie variegate, produce grandi fiori che sbocciano nel periodo invernale. Si tratta del ciclamino che si trova comunemente in commercio.


Cyclamen neapolitanum

È originario dei boschi dell’Europa meridionale. Può essere messo a dimora in autunno o in primavera, anche in piena terra (di solito solo al Sud, ma vi sono anche cultivar piuttosto resistenti). Necessita di un terriccio di bosco ben drenato.. Di solito raggiunge i 15 cm di altezza, può essere profumato e ha fiori che vanno dal malva al rosa tenue. Le foglie sono rotonde o ovali e compaiono dopo i fiori.


Cyclamen europaeum (purpurascens)

È di taglia molto piccola visto che va dai 7 ai 10 cm. Fiorisce tendenzialmente in autunno e vive nelle regioni settentrionali, nei boschi di betulle, castagni e robinie oppure prati su terreno calcareo. Ha foglie rotonde e seghettate, verde brillante con venature argentate. I fiori sono porpora e profumati.


Cyclamen repandum

Detto anche ciclamino a foglia d’edera è endemico di tutto il Centro e Sud Italia. È abbastanza rustico e fiorisce in primavera. Raggiunge gli 8 cm di altezza. I fiori sono singoli color malva e sono portati alti sopra alle foglie, che spuntano per prime. Queste sono rotonde verde con però moltissime macchie e venature argento che le fanno somigliare a quelle dell’edera.


Ciclamini midi

ciclamini midi Una delle varietà più vendute in vivaio che vale la pena conoscere, sono sicuramente i ciclamini midi. Più che di una varietà si tratta di un cultivar, infatti questi ciclamini sono dei normalissimi ciclamini ma di dimensioni medie. Nei vivai troviamo principalmente 3 cultivar di ciclamino: le mini, le midi e le maxi. Alle tre diverse tipologie di ciclamino corrispondono tre diverse fasce di prezzo che va aumentando dalla varietà mini alla maxi. I ciclamini midi hanno le stesse caratteristiche dei normali ciclamini ed hanno anche le stesse esigenze di coltivazione. Sono particolarmente indicati per cesti e composizioni perchè essendo medio piccole si possono abbinare facilmente con tantissimi tipi di piante e fiori.


Dove trovare i ciclamini

insieme di ciclamini L'habitat ideale dei Ciclamini sono gli ambienti boschivi di lecci, caratteristici delle regioni meridionali. Fioriscono nel mese di marzo e in aprile e, seppur possano essere ammirati in tutta loro bellezza, essendo una specie protetta non è ammesso coglierli e asportarli dal loro ambiente naturale. Questa affascinante pianta, all'esterno, preferisce stare nella semi-ombra e in posizioni ben protette e riparate; mentre negli spazi interni è sempre meglio localizzarla in locali luminosi e comunque sempre riparata da forti fonti di calore, esposizioni dirette al sole e prediligendo la frescura e ambienti ben ventilati e arieggiati. La pianta del Ciclamino è inoltre una pianta velenosa per l'uomo: nel suo tubero sono infatti contenute sostanze tossiche che tuttavia risultano essere innocue per molti animali quali per esempio il maiale.


Terreno

Di solito questi ciclamino vengono coltivati in vaso. Necessitano di un substrato acido, composto da terra di bosco, torba e sabbia in parti uguali. Essendo una pianta che patisce particolarmente i ristagni bisogna prestare particolare attenzione e creare sul fondo uno spesso strato drenante con cocci, ghiaia o perle di argilla espansa. Di solito il rinvaso si rende necessario solo dopo molti anni quando vediamo che le radici fuoriescono dal contenitore, cioè dai fori di scolo o dal terriccio. In quel caso è bene procedere in primavera avanzata o in estate quando la pianta smette di fiorire e va in riposo vegetativo.


Irrigazioni

Irrigazioni ciclamino Questo è un punto molto importante per riuscire a mantenere bene i nostri ciclamini. Bisogna assolutamente evitare ogni tipo di ristagno idrico. Il terriccio deve rimanere abbastanza umido, ma non inzuppato. Durante il periodo vegetativo è bene procedere ogni giorno o almeno ogni due riempiendo d’acqua il sottovaso e aspettando circa una mezz’ora. In questo tempo la pianta assorbirà quanto ha bisogno. Dopo dovremo buttare l’acqua rimanente. Finito il periodo di fioritura possiamo mano a mano diradare le irrigazioni in maniera che la pianta possa andare in riposo. Sarà poi necessario innaffiare leggermente ogni 15-20 giorni nella zona del bulbo.


Concimazione

Per ottenere abbondanti e colorate fioriture è bene somministrare ogni 10 giorni un concime liquido per piante fiorite durante le irrigazioni. Sarebbe comunque buona norma all’inizio della stagione vegetativa dare un prodotto con un tenore più alto in azoto, in maniera che sia stimolata la produzione di foglie. In seguito si può intervenire con un altro in cui invece sia predominante il potassio.


Esposizione e temperature

ciclaminoQuesto tipo di ciclamino teme il freddo. Infatti non sopporta temperature al di sotto dello zero e può vivere all’esterno solo nell’estremo Sud Italia. Nelle regioni centrali, soprattutto in quelle vicine al mare, può essere tenuto esternamente solo se accostato ad un muro ben riparato. Altrove va considerato una pianta d’appartamento. La temperatura ideale perché riesca a vivere e fiorire bene è intorno ai 15°C di giorno e 8 di notte. Deve essere tenuto in una zona luminosa, ma non con luce solare diretta, specie nelle regioni meridionali. Nel Nord può invece anche tollerarla, specie quella invernale.


Pulizia della pianta

Un altro punto fondamentale per mantenere i nostri ciclamini evitando marciumi è intervenire sempre con una puntuale pulizia. Bisogna rimuovere costantemente le foglie e fiori appassiti direttamente alla base, senza lasciare monconi. Questo perché marcendo potrebbero essere portatori di batteri alla parte sotterranea della pianta, cioè il bulbo. Bisogna inoltre sempre cercare di usare cesoie pulite e magari disinfettarle periodicamente con della candeggina.


Moltiplicazione

Moltiplicazione  ciclaminoI ciclamini si possono moltiplicare principalmente tramite seme o divisione del bulbo. Per entrambi i metodi ci vuole molta pazienza perché, nel primo caso, bisognerà aspettare almeno tre anni prima di vedere il fiore, nel secondo bisognerà attendere che le parti si rinvigoriscano e riprendano a fiorire.

Moltiplicazione per seme: si deve procedere dalla primavera all’inizio dell’autunno. In una cassetta bisogna mettere del terriccio leggero adatto alla semina sul quale si devono spargere i semi (mescolati a sabbia fine, visto che sono molto piccoli) in righe orizzontali. Vanno poi coperti con pochissima terra da spargersi con un setaccio. Si irriga poi servendosi di un vaporizzatore e si copre il tutto con della plastica, arieggiando di tanto in tanto. Per evitare marciumi si può addizionare all’acqua un prodotto specifico.

Nel giro di qualche settimana vedremo spuntare le piantine: si toglierà il telo e si esporrà la cassetta alla luce, non diretta. Si potranno anche diradare le piantine tenendo solo quelle più vigorose. Quando saranno più grandi potremo estrarle con delicatezza e inserirle in un vasetto con il loro substrato definitivo.

Moltiplicazione tramite divisione del bulbo: possiamo dividere il bulbo in più parti con un coltello pulito e disinfettato alla fiamma o tramite lavaggio con candeggina. Ogni sezione deve avere almeno due occhi.


Ciclamino: Tossicità

Si ricorda che il ciclamino è una pianta velenosa in tutte le sue parti e in special modo il bulbo. Bisogna quindi prestare attenzione in presenza di bambini.


Guarda il Video




COMMENTI SULL' ARTICOLO